Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Settembre 2020

Pubblicato il

Ecco cosa pensano i cittadini romani del sindaco Marino

di Redazione

Abbiamo sondato umori dei cittadini che hanno aderito a iniziativa Marino #sgomma di Fabrizio Santori e DifendiAMO Roma

In occasione della prima giornata della raccolta firme dal titolo ‘Marino #sgomma’, promossa dal consigliere regionale Fabrizio Santori e dal Comitato Difendiamo Roma, abbiamo sondato gli umori dei romani accorsi in piazza. Tra i vari cittadini, a titolo personale, anche l’ex delegato allo Sport della giunta Alemanno, Alessandro Cochi.

Secondo i dati diffusi da Fabrizio Santori, solo sabato sono state raccolte più di 9mila firme. Ma la raccolta non si ferma, e va avanti. “Sulla spinta delle richieste dei cittadini, abbiamo deciso di organizzare dei gazebo su tutto il territorio di Roma durante i fine settimana e dare così la possibilità a tutti di avere la soddisfazione di essere tra coloro che democraticamente scelgono per il bene di questa città e di chi la vive. Inoltre per i più tecnologici c’è la possibilità di accedere alla petizione dal sito www.difendiamoroma.it  seguendo tutti i passaggi chiaramente illustrati”.

Già oggi, nei quartieri di Boccea e Primavalle, la petizione si è spostata in molti negozi. “Negli stessi locali – fa sapere Marco Visconti, presidente di Movimento Capitale, che ha aderito all’iniziativa – sono i gestori a proporsi per far firmare la petizione ormai nota con la quale DifendiAmo Roma chiederà la mozione di sfiducia per far dimettere Marino”. E così da oggi bar, solarium, barbieri, negozi di abbigliamento, ristoranti, ma anche lavanderie, edicole, centri scommesse e campi sportivi si trasformano, a Boccea e Primavalle, in punti di raccolta stabile. 

Vuoi la tua pubblicità qui?

Ai cittadini giunti in piazza del Campidoglio sabato scorso, abbiamo rivolto tre domande: “Perché hai aderito a questa iniziativa? Quali sono gli errori più grandi del sindaco Marino? Se dovessi fare un tweet a Marino, in 140 caratteri cosa gli scriveresti?”. Guarda, nel video, cosa ne è venuto fuori.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento