01 Agosto 2021

Pubblicato il

Al T.C. Garden Poteva essere una finale tutta italiana, invece…

di Adriano Di Benedetto

"Roma Open 2014 T.C. Garden torneo internazionale maschile" ancora una delusione per il tennis italiano

Il torneo internazionale Roma Open 2014 volge al termine,  voluto da Pancho Di Matteo, che lo organizza da anni con l’aiuto di tanti amici.

Poteva essere una finale tutta italiana, ma ancora una volta i nostri giocatori ci hanno deluso perdendo in semifinale: Marco Cecchinato ottimo giocatore, solido da fondo campo ha perso al terzo set con il tedesco Julian Reister , per un punteggio di 6/2 – 2/6 – 6/4, Filippo Volandri da anni sulla cresta dell’onda non ha potuto fare niente contro il favorito del torneo Pablo Cuevas perdendo con un secco 6/3 – 6/1.

Ancora una volta la delusione è arrivata dalle nostre giovani promesse del tennis italiano: Gianluigi Quinzi che ha perso subito con il giapponese Daniel Taro, e Matteo Donati che ha perso al secondo turno con l’ uruguaiano Pablo Cuevas con il risultato di 6/2 – 6/4.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il nostro responsabile tecnico della federazione italiana, Corrado Barazzutti, dovrà lavorare molto per poter trovare i sostituti di Fognini e Seppi.

Un applauso va ai nostri doppisti Andrea Arnaboldi e Flavio Cipolla che hanno perso in finale, ma hanno avuto due palle per chiudere l’incontro a loro vantaggio al set finale.  L’incontro è stato vinto da Radu Albot e Artem Sitak con il punteggio 6/4 – 2/6 – 11/9.

Oggi alle ore 15 si disputerà la finale tra J. Reister e P. Cuevas: sarà una partita avvincente perché sono due lottatori che non mollano mai una palla.

Alcuni di questi giocatori li rivedremo agli internazionali d’Italia, già cominciati in questi giorni con le qualificazioni. Alcuni di loro hanno delle buone possibilità per andare in tabellone e vincere qualche turno: a loro un augurio e un in bocca al lupo.  

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento