21 Settembre 2021

Pubblicato il

La versione di Cesare

Aboliamo le Regioni e ripristiniamo le Province, più vicine ai cittadini

di Redazione
La mission delle Regioni è stata fallimentare: sanità, trasporti, scuola, agricoltura, turismo. Meglio ricostituire le Province
Palazzo Valentini a Roma, sede Provincia e Area Metropolitana
Palazzo Valentini a Roma, sede Provincia e Area Metropolitana

Le Regioni furono istituite negli anni ’70 a seguito di un patto scellerato tra la Democrazia Cristiana e il Partito Comunista Italiano. Il potere centrale alla Democrazia Cristiana, Partito Socialista e altri partiti minori e quello periferico al Partito Comunista.

Vuoi la tua pubblicità qui?

Il debito pubblico

Da quel momento inizia la crescita vertiginosa del debito pubblico causato principalmente dalle Regioni e da attività clientelari che dovevano promuovere il consenso elettorale. Negli anni ’90 il debito aveva già raggiunto i 900 miliardi di lire.

E’ pur vero che lo Stato era proprietario assoluto delle banche, delle assicurazioni, delle autostrade fino ai supermercati e ai panettoni di stato. Poi arrivò “Mortadella”, che ci fece ingoiare l’assurdo cambio lira/euro per entrare in Europa e iniziò a svendere i gioielli di stato. Quasi sempre offerti agli amici degli amici. Le Regioni continuarono a sperperare denaro pubblico attraverso una politica esclusivamente clientelare e spregiudicata e offrendo alla collettività servizi da terzo mondo. Aggiungiamoci l’incapacità di molte Regioni a presentare nei tempi e nei modi, progetti operativi per utilizzare i fondi europei assegnati all’Italia.

Le pecche delle Regioni

I contributi quasi sempre utilizzati parzialmente, per cui tornano sempre indietro. Le colpe sempre attribuibili alla classe politica che anziché selezionare e attribuire nomine a dirigenti competenti e con una elevata professionalità, hanno scelto troppo spesso i soliti amici degli amici, privi di preparazione specifica.

E’ da ricordare la recente nomina di un fisioterapista nello staff dei vertici della Cassa Depositi e Prestiti, cassaforte dello Stato stracolma di liquidità. Forse il nominato dovrà occuparsi del recupero fisico di alcuni capoccioni che ci governano. Queste scelte avvengono unicamente nelle nazioni sottosviluppate o in quelle nazioni dove la classe politica è mediocre, come in Italia.

Le Province più vicine ai cittadini

La mission delle Regioni è stata fallimentare: sanità, trasporti, scuola, agricoltura, turismo. E’ auspicabile che il Governo presieduto dal Prof. Mario Draghi tolga le competenze alle Regioni per centralizzare la sanità ed erogare servizi migliori a tutta la cittadinanza. Eliminando così le lunghe liste di attesa che solo un popolo di invertebrati può accettare. Poi dovrà legiferare per abrogare le regioni, troppo distanti dal territorio e dai cittadini per ripristinare le Province, che hanno sempre governato al meglio il territorio.

Cesare Giubbi

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Condividi questa notizia per primo

Scorri lateralmente questa lista

Seguici per rimanere aggiornato

Sostieni il nostro giornalismo