Vuoi la tua pubblicità qui?
28 Settembre 2020

Pubblicato il

Incidente mortale sul Raccordo: traffico in tilt all’altezza di Boccea

di Eleonora Cantini

Intorno alle 7.52 si è verificato un incidente mortale sul Raccordo: traffico in tilt all'altezza di Boccea. A Roma tornano le auto, le code e gli incidenti

incidente mortale raccordo
Coda Raccordo

Un grave incidente mortale è avvenuto stamattina sul Raccordo al km 3,400, all’altezza di Boccea.

Al primo giorno di riapertura per negozi, bar e ristoranti, il numero di persone che ritornano a lavoro è cresciuto moltissimo, così come il flusso di automobili.

Vuoi la tua pubblicità qui?

L’avvio della fase 2 bis fa quindi registrare un notevole aumento del traffico: a Roma ritornano le auto, le code e gli incidenti.

L’incidente mortale sul Raccordo

L’incidente è avvenuto stamattina intorno alle 7.52. Lo scontro ha coinvolto un solo mezzo, intorno al km 3400.

Non si conoscono ancora bene le dinamiche, ciò che si apprende purtroppo è la morte di un uomo di 75 anni.

Per evitare il rischio di rimanere bloccati in galleria, l’ingresso dei mezzi viene regolato. Il personale di Anas e delle forze dell’ordine come la Polizia Locale di Roma Capitale sono presenti sul posto per la gestione della viabilità.

L’importanza della distanza di sicurezza

Gli incidenti stradali, spesso con esiti mortali, sono molto comuni in una città così trafficata come Roma.

Con il ritorno a una graduale normalità, la Capitale si troverà nuovamente invasa da un altro numero di automobili, complice anche la difficoltà di prendere i mezzi pubblici con accessi strettamente contingentati.

Negli incidenti stradali, una variabile importante che spesso viene trascurata e che concorre allo scontro, è il mancato rispetto della distanza di sicurezza.

Distanza di sicurezza non solo fisica (come siamo abituati a sentire in tempi di coronavirus), ma proprio fra auto. Il corretto distanziamento fra mezzi, in molti casi, permetterebbe di ridurre la mortalità negli incidenti.

 
Vuoi la tua pubblicità qui?

Sostieni il nostro giornalismo


Nessun commento