ARRESTO IN PIENA EMERGENZA SANITARIA

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Coronavirus, turbativa d'asta nella gara Consip per le mascherine: un arresto
Il Consip bandisce una gara da 253 milioni per la fornitura di mascherine e apparecchiature sanitarie: arrivano i controlli della Guardia di Finanza e scatta il primo arresto per turbativa d'asta.

Arrivano i primi problemi giudiziari per la gara bandita dal Consip per l’acquisto e la fornitura di apparecchiature sanitarie, mascherine, dispositivi di protezione individuale per un valore complessivo di 253 milioni.

La gara era stata bandita con urgenza per garantire l’approvvigionamento e il rifornimento di mascherine in un periodo di grave crisi sanitaria. Altrettanto tempestivamente si sono svolte le indagini.

La Guardia di Finanza di Roma, su delega della Procura della Repubblica, ha eseguito stamani un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di un imprenditore accusato di turbativa d’asta e inadempimento di contratti di pubbliche forniture.

Le indagini

L’arresto è arrivato dopo un’indagine lampo condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di Roma.

Il lotto su cui è stata accertata la turbativa è il lotto numero 6, relativo alla fornitura di 24 milioni di mascherine chirurgiche per un importo complessivo di 15,8 milioni.

La fornitura del lotto è stata vinta dalla Biocrea, una società agricola: l’azienda, da accordo con il Consip, doveva impegnarsi alla consegna dei primi 3 milioni di mascherine entro 3 giorni. L’imprenditore che è stato arrestato stamani, nei primi colloqui fra la Biocrea e il Consip, lamentava dei problemi organizzativi per il trasferimento nella merce dalla Cina.

Scaduti i 3 giorni previsti dal contratto per la fornitura dei primi 3 milioni di mascherine, la Guardia di Finanza e l’Agenzia delle Dogane hanno effettuato dei controlli presso l’aeroporto cinese di Guangzhou Baiyun.

I militari hanno scoperto che in realtà non esisteva nessun carico di mascherine destinato all’Italia per l’emergenza sanitaria.

I precedenti della società

Nel corso delle indagini, la Guardia di Finanza ha scoperto che la Biocrea in passato era stata accusata di violazioni tributarie per oltre 150mila euro nei confronti dell’Erario.

Questi procedimenti penali non erano stati dichiarati dalla società durante il bando indetto dal Consip, altrimenti alla società sarebbe stato proibito partecipare alla gara d'appalto. 

Leggi anche:

Pd Roma: inaccettabile aumento stipendi dirigenti Ama. L'azienda risponde

Crollo Ponte di Caprigliola, Pallotta: Il coronavirus ha salvato vite innocenti

 

 

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
Le vetture sono ferme dal 2010 nell'ex deposito di San Paolo a causa di un malfunzionamento
I casi di contagio da Coronavirus a Roma stanno mandando in tilt anche le persone più ragionevoli
Una mozione del M5S Roma depositata lo scorso 19 marzo per sospendere la gara d'appalto
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]