DISATTESI

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Anc, Bonus 600 euro: "Apertura canale commercialisti è rimasto un annuncio"
L'Anc, Associazione Nazionale Commercialisti, denuncia i ritardi e la mancata attuazione delle proposte dell'Inps

"L’1 aprile, a poche ore dall’inizio della débacle telematica, è stata frettolosamente annunciata dall’Inps l’apertura, già dal giorno successivo, di appositi canali a commercialisti e consulenti del lavoro, con tanto di differenziazione di orari tra intermediari e privati, per la richiesta per conto dei titolari di partita Iva del bonus di 600 euro. Nonostante i plausi sulla fiducia arrivati da più parti, ad oggi, ancora nulla di tutto ciò è stato realizzato, niente funziona, e la confusione e la frustrazione sono ancora le sensazioni predominanti tra i professionisti. Lo scorso 23 marzo, la nostra associazione, prevedendo l’enormità della massa di accessi e i conseguenti, inevitabili problemi di lavorazione delle pratiche, aveva richiesto formalmente alla Direzione Generale dell’Inps di permettere ai professionisti abilitati e in possesso delle deleghe di poter presentare le richieste dei propri clienti tramite il cassetto previdenziale.

Questo avrebbe evitato il collo di bottiglia che si è andato a creare, e che ha gettato nello sconforto gli utenti, nel caos il Paese e nel ridicolo l’Istituto. Sappiamo che la nostra richiesta, inviata per i canali ufficiali, è stata sottoposta anche per le vie brevi tramite autorevoli contatti e rifiutata senza appello. La proposta è ora oggetto di emendamento al Decreto Cura Italia ad opera di alcuni parlamentari. Il muro che ha alzato l’Inps è stato decisivo nel determinare la sua stessa disfatta. I commercialisti, senza un canale telematico a loro riservato, hanno comunque continuato a supportare i propri clienti e sono stati gli incolpevoli e frustrati testimoni di blocchi, scambi di persona, violazioni della privacy e di ogni altro immaginabile e inimmaginabile disservizio, quando tutto avrebbe potuto essere evitato, a costo zero per l’amministrazione.

Ad oggi commercialisti e consulenti del lavoro non accedono al sistema. Non solo: veniamo a sapere che per l’apertura del canale dedicato ci vorranno ancora alcuni giorni… Se questa decisione fosse stata presa fin dal 23 marzo, l’Inps si sarebbe risparmiata molti giorni di brutte figure e noi altrettanti di rabbia e frustrazione. L’Associazione Nazionale Commercialisti chiede che il gravissimo comportamento omissivo dell’Inps non rimanga senza ripercussioni e che i vertici dell’Istituto non sfuggano alle proprie responsabilità, assumendo le conseguenti decisioni".

(ANC - Comunicazione)

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
"Chiediamo con urgenza che ai commercialisti sia riconosciuto il medesimo ruolo che il DL 18/20 assegna ai patronati"
L'Italia è un paese vecchio, a rischio la sostenibilità del nostro sistema pensionistico
L’INPS comunica i dati aggiornati all’8 ottobre: quasi un milione i beneficiari, pari al 65% dei richiedenti, e con importi medi poco al di sotto dei 500 euro mensili
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]