LA CIRCOLARE

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Contenimento Covid-19, chi e come può uscire: le parole del Viminale
Chiariamo cosa è permesso e cosa no, allo scopo di contenere la possibilità di contagio da Sars-coV-2

In queste ore, da quando una circolare del Governo datata 31 marzo ha aperto alla possibilità di piccole uscite con figli, si stanno diffondendo sui Social diverse interpretazioni della norma, dibattiti e dubbi. Cerchiamo di chiarire cosa è effettivamente permesso e cosa no, allo scopo di contenere la possibilità di contagio da Sars-coV-2. Leggiamo direttamente dalla circolare del Viminale che potete consultare interamente sul sito: 

"Le regole sugli spostamenti per contenere la diffusione del coronavirus non cambiano.

Si può uscire dalla propria abitazione esclusivamente nelle ipotesi già previste dai decreti del presidente del Consiglio dei ministri: per lavoro, per motivi di assoluta urgenza o di necessità e per motivi di salute.

La circolare del ministero dell'Interno del 31 marzo si è limitata a chiarire alcuni aspetti interpretativi sulla base di richieste pervenute al Viminale. In particolare, è stato specificato che  la possibilità di uscire con i figli minori è consentita a un solo genitore per camminare purché questo avvenga in prossimità della propria abitazione e in occasione spostamenti motivati da situazioni di necessità o di salute.

Per quanto riguarda l'attività motoria è stato chiarito che, fermo restando le  limitazioni indicate, è consentito camminare solo nei pressi della propria abitazione. La circolare ha ribadito che non è consentito in ogni caso svolgere attività ludica e ricreativa all'aperto e che continua ad essere vietato l'accesso ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici".

La medesima circolare ha ricordato infine che in ogni caso tutti gli spostamenti sono soggetti a un divieto generale di assembramento e quindi all'obbligo di rispettare la distanza minima di sicurezza. Le regole e i divieti sugli spostamenti delle persone fisiche, dunque, rimangono le stesse, e prosegue così:

"Potranno essere, altresì, consentiti spostamenti nei pressi della propria abitazione giustificati da esigenze di accompagnamento di anziani o inabili da parte di persone che ne curano l’assistenza, in ragione della riconducibilità dei medesimi spostamenti a motivazioni di necessità o di salute. Si ricorda che, in ogni caso, tutti gli spostamenti sono soggetti al divieto generale di assembramento".

Leggi anche: 

Covid-19, ce la faremo anche stavolta, insieme, malgrado tutto

Emergenza Coronavirus. USB: "Comune Roma dimentica lavoratori terzo settore"

 

 

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
Nei quartieri Tor Bella Monaca, Porta Maggiore, San Basilio, Romanina, Prenestino, Casilino, Prati, Viminale, Esquilino e San Paolo
Furono spesi 1,5 milioni per terreni che, secondo l'Agenzia del Territorio, valevano 645 mila euro. Si acquistò un bosco, in una Riserva Naturale
A "Un Giorno Speciale" il sindaco di Roma ha anche parlato di sicurezza, emergenza abitativa e trasporti
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]