REDDITO STRAORDINARIO

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Coronavirus, Castelli: reddito di emergenza a tutti, finché non torni normalità
"Dopo 10 anni di battaglie sul Reddito di cittadinanza, oggi, forse, qualcuno si accorge di quanto una misura di welfare sia indispensabile, mentre il Paese si ferma"

Il vice ministro dell'Economia e delle Finanze, Laura Castelli in un'intervista al quotidiano "La Stampa", ha affermato: "Garantire reddito a tutti, con uno strumento facile da usare. Su questo c'è accordo con l'opposizione. Chiamiamolo reddito di emergenza, o reddito straordinario. Varrà finché non rientreremo alla normalità. Stiamo pensando di semplificare le procedure di accesso al reddito di cittadinanza, allargandolo a chi non ce l'ha, e senza le condizioni previste" - aggiungendo - lo daremo "il prima possibile e la cifra sarà dignitosa.

Utilizzeremo tutte le risorse necessarie. Tutti potranno tranquillamente far fronte alle spese necessarie. Esistono già alcuni strumenti. Stiamo lavorando a questo. È una giusta esigenza messa sul tavolo da maggioranza e opposizioni in queste ore”. 

"Dopo 10 anni di battaglie sul Reddito di cittadinanza, oggi, forse, qualcuno si accorge di quanto una misura di welfare serva da garanzia sociale. Quanto sia indispensabile, mentre il Paese si ferma - dichiara ancora Castelli - garantire a tutti un reddito per poter pagare l'affitto, le bollette e fare la spesa assicurando da un lato il benessere del cittadino in difficoltà e dall'altra evitando potenziali e pericolosi conflitti sociali". 

"Oggi debito e deficit vengono dopo. La priorità è la tenuta del sistema economico e dell'occupazione. Adesso la parola d'ordine è whatever it takes. Deve valere anche per la politica di bilancio". Lo ha detto il viceministro dell'economia, Antonio Misiani, in un'intervista ad Avvenire. Sul decreto da varare in Aprile, l'esponente del Pd non si sbilancia: "sarà maggiore dei 25 miliardi impegnati a marzo, ma la cifra finale va calibrata su tutto ciò che si deve fare per salvare posti di lavoro e aziende".

"Siamo difronte - continua Misiani - a una sfida senza precedenti, che non è solo sanitaria, economica e sociale ma riguarda anche il nostro essere comunità, la tenuta spirituale e psicologica del Paese. Stiamo raccogliendo le istanze del mondo economico partendo dall'assunto che nessuno deve perdere il lavoro. Non ci limiteremo a rifinanziare le misure di marzo - conclude il vice ministro - vogliamo migliorare i meccanismi di sostegno e arrivare anche a chi non siamo riusciti a raggiungere prima".

"Con il Cura Italia abbiamo fatto molto, in pochi giorni la manovra di un anno. Ma ora dobbiamo mettere i soldi nelle tasche degli italiani a cui fin qui non siamo arrivati. Questa è la priorità del decreto di aprile", così il ministro per il Sud, Peppe Provenzano, in una dichiarazione al quotidiano "La Repubblica". 

"Ho paura che le preoccupazioni che stanno attraversando larghe fasce della popolazione per la salute, il reddito, il futuro con il perdurare della crisi si trasformino in rabbia e odio - afferma preoccupato il ministro - Ci sono aree sociali e territoriali fragili ed esposte a qualsiasi avventura. Il bilancio pubblico si deve prendere cura dell’intero tessuto sociale. E lo deve fare adesso".

L'allarme arriva anche dalle istituzioni locali. "Il governo deve istituire immediatamente il reddito di quarantena per tutte le persone che sono rimaste prive di denaro. E' necessario immettere subito liquidità nelle loro tasche per consentire di avere beni di prima necessità. Napoli fa e farà la sua parte". Lo scrive su Twitter il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris. Ieri il primo cittadino ha annunciato l'approvazione di una delibera per istituire un "fondo di solidarietà cittadino", chiedendo allo stesso tempo l'intervento del governo perché, ha spiegato, "se non interviene lo Stato fra un po' sarà una tragedia".

Estendere il reddito di cittadinanza a quella parte della popolazione che nel lavoro sommerso ha trovato il suo sostentamento economico e che oggi non ha nessuna forma di tutela. E' la richiesta, rivolta in una lettera aperta al presidente del Consiglio Giuseppe Conte, del senatore del gruppo misto Sandro Ruotolo, che mercoledì aveva presentato un'interrogazione urgente ai ministri competenti su questo tema.

Per il ministro alle Politiche agricole, Teresa Bellanova (Italia Viva), in questo momento è necessario "istituire un coordinamento alimentare per l'assistenza agli indigenti", bisogna avere cura di tutti e non lasciare indietro nessuno. 

Non convincono il partito Italia Viva le proposte di allargare il reddito di cittadinanza come misura per arginare la crisi che rischia di travolgere il Paese. "Un conto, come dice Draghi, è immaginare un sostegno temporaneo a chi, finché dura l'emergenza, non può avere reddito. Ben altro - sostengono fonti di Italia Viva - è immaginare che il nostro destino sia un enorme reddito di cittadinanza perenne per imprenditori e cittadini. Sul primo ci siamo. Sul secondo no''. 

LEGGI ANCHE:

Qual è la cosa che manca di più ai romani in questi giorni? Ecco le risposte

Sport, il rugby cede al coronavirus: stagione conclusa, scudetto non assegnato

Coronavirus. Atac invita i dirigenti a ridursi stipendio a favore dei dipendenti

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
L'urbanista, durante una conferenza stampa con la consigliera Grancio e il sindaco di Napoli De Magistris, ha detto: "Dati i miei stretti rapporti con la sindaca vi do uno scoop, ci sarà un assessore allo stadio della Roma, e sarà Luca Lanzalone..."
"Hanno anche il coraggio di attaccare il sindaco di Roma che sollecita il Governo a impegnarsi nella lotta alla povertà"
"Il presunto inconveniente e un palinsesto goffamente gestito hanno portato a un obiettivo unico: cercare di rendere invisibile la sindaca"
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]