INCHIESTA DELLE FIAMME GIALLE

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Roma, dodici indagati dalla Finanza per Palazzo Raggi e le Torri dell'Eur
Le ipotesi di reato sono ipotesi di corruzione, abuso d’ufficio e per traffico di influenze illecite

La Procura della Repubblica di Roma ha chiuso le indagini riguardanti il progetto di ripristino di Palazzo Raggi di via del Corso e del complesso immobiliare delle Torri di Ligini all’Eur, notificando nei confronti di dodici soggetti la conclusione delle indagini per ipotesi di corruzione, abuso d’ufficio e per traffico di influenze illecite. Le indagini, come fanno sapere le Fiamme Gialle, "si sono concentrate su presunti indebiti accordi, intercorsi tra politici, dirigenti e funzionari del Comune di Roma ed imprenditori", "pervenendo così a soluzioni condivise attraverso un iter amministrativo più confacente all’ottenimento di un risultato favorevole, a fronte di denaro o altre utilità, quali agevolazioni nell’acquisto di appartamenti, l’abbattimento di mutui, il pagamento di spese notarili e/o anche l’ottenimento di particolari incarichi professionali".

"Con riferimento alla vicenda relativa al restauro di Palazzo Raggi - scrive in una nota la Guardia di Finanza -, un noto costruttore romano, proprietario dello stesso tramite una sua società - sottolinea la guardia di finanza in una nota - avrebbe direttamente e costantemente, anche con l’ausilio dei collaboratori più fidati, tenuto i contatti con il capo pro-tempore del Dipartimento programmazione e attuazione urbanistica (Pau) del comune di Roma e con alcuni funzionari del medesimo Dipartimento, al fine di scongiurare l’annullamento del piano di recupero dello storico palazzo romano".

"Nel caso relativo alla pratica edilizia delle Torri dell’Eur - rendono noto le Fiamme Gialle -, l’allora assessore alla Riqualificazione Urbana del Comune di Roma avrebbe fatto approvare il progetto come avente natura di restauro e/o risanamento conservativo (che non prevede alcun tipo di onere al Comune) anziché di ristrutturazione edilizia (che prevede invece il pagamento di oneri concessori e del contributo straordinario per la valorizzazione immobiliare, per oltre 20 milioni di euro) - prosegue la guardia di finanza - in modo tale da concedere, sfruttando anche le relazioni esistenti con alcuni funzionari del suo assessorato e di altri uffici pubblici, il permesso di costruire in maniera difforme dalle previsioni con notevole risparmio di spesa".

 

Leggi anche:

Dalle Torri alla pedonalizzazione, la rivoluzione dell'Eur

Eur, ex Torri delle Finanze: pubblicità per coprire il degrado

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
Sequestrati dalla Guardia di Finanza 650 kg di articoli pirici illegali. Otto persone denunciate
Sono state effettuate negli uffici del segretario generale Centrella e della coordinatrice De Rosa
L'organizzazione, capeggiata da un esponente emergente della criminalità romana, era dedita al traffico di droga
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]