CRONACA

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI

Spese di Marino con carta di credito: Procura apre fascicolo
"Erano tutte spese istituzionali", dice il sindaco in un'intervista al settimanale Chi. Intanto la Procura apre fascicolo dopo gli esposti del M5S e di FdI

“Erano tutte spese istituzionali, incontri e cene fatte per affrontare i problemi della città. E questo succede ovunque. Anzi, Roma con me spende meno che in passato e certamente in linea con le altre grandi città”. Con queste parole, in un’intervista rilasciata al settimanale Chi, il sindaco di Roma Ignazio Marino risponde alle polemiche sulle spese sostenute con la carta di credito del Comune di Roma.

Sempre sul tema, però, il Movimento 5 Stelle e Fratelli d’Italia hanno presentato degli esposti, in seguito ai quali la Procura di Roma ha aperto un fascicolo, che però è senza ipotesi di reato e senza indagati.

Stai visualizzando la versione precedente del nostro sito, tutti gli aggiornamenti li trovi QUI


ARTICOLI CORRELATI
Secondo Cuperlo, a Roma “partire adesso dal nome vorrebbe dire non aver compreso la lezione. Serve umiltà, un’idea di Roma, una nuova partecipazione”
Sembrava esserne uscito illeso e indenne. Invece, questa mattina, dal quotidiano LaRepubblica trapela un nuovo dettaglio: secondo quanto riferisce il quotidiano, Marino sarebbe indagato per la vicenda degli scontrini
Il sindaco di Roma Ignazio Marino avrebbe deciso di dimettersi, lo rivelano fonti autorevoli dal Campidoglio. Manca solo l'ufficialità
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
Contattaci

[ versione mobile ]