CULTURA
Chef, Antonello Colonna Colorfood Expo 2015
Mostra fotografica tra Arte e Food, 23 e 24 marzo presso Antonello Colonna Resort a Labico
COLORFOOD, nasce da un amore profondo per il cibo e per l’arte e dal desiderio di metterle in connessione

Da Tel Aviv a Labico. Poi altre tappe in Israele e in Italia. Il percorso di COLORFOOD - la mostra fotografica ideata e curata dal food photographer israeliano DAN LEV - racconta ed esprime per mezzo del cibo la creatività che si sprigiona dagli Chef grazie all’ispirazione, al colore, agli ingredienti che meglio li rappresentano.

COLORFOOD @ EXPO2015, un’idea dello Studio Dan Lev (Israele) con il Creativity Lab ICPO (Italia / Israele), è nata ieri, domenica 23 marzo 2014, in co-produzione con l’Antonello Colonna Resort & Spa a Vallefredda e Food Confidential, grazie alla partecipazione di sette Chef italiani: FRANCESCO APREDA, HEINZ BECK, CRISTINA BOWERMAN, FRANCESCA CASTIGLIANI, ANTONELLO COLONNA, BONETTA DELL’OGLIO, LUIGI TAGLIENTI.

Domenica 23 e lunedì 24 marzo 2014 gli Chef si alterneranno sotto l’obiettivo esperto di Dan Lev nella creazione di un’opera artistica e astratta, con l’aiuto della Chef israeliana AVIVIT PRIEL e della food stylist DALIT RUSSO.

È il primo passo di un avvincente percorso che, attraverso un anno di lavoro, l’adesione di altri Chef (hanno già confermato la loro futura partecipazione anche MORENO CEDRONI, ENRICO CRIPPA e DAVIDE SCABIN) e l’esposizione in varie location in Italia e in Israele, approderà al Padiglione israeliano ad EXPO2015.

COLORFOOD @ EXPO2015 ha il patrocinio dell’Ambasciata di Israele in Italia, del Padiglione Israeliano per EXPO2015 e della Fondazione Italia - Israele per la Cultura e le Arti. 

COLORFOOD (www.colorfood.co.il) nasce da un amore profondo per il cibo e per l’arte e dal desiderio di metterle in connessione. Il processo creativo della mostra fotografica riflette tutte le fasi di preparazione dei cibi in cucina: l’ispirazione, la creazione attraverso la miscela degli ingredienti, l’assaggio e la mise en place.

COLORFOOD dimostra che i cuochi sono anzitutto artisti. Il colore, come fonte d’ispirazione, come tramite di desideri, emozioni, fantasie e memorie, è la chiave per entrare nel mondo creativo dello chef.

Francesco Apreda napoletano e Bonetta dell’Oglio palermitana traggono entrambi ispirazione dai vulcani e puntano sul colore ROSSO. Francesco Apreda si ispira ad una immagine del Vesuvio al tramonto. Bonetta dell’Oglio (il suo soprannome tra amici è BonetNa) si sente lei stessa un vulcano e affianca al rosso e all’ARANCIO del fuoco - che ogni tanto invade la montagna - anche il VERDE - perché nonostante le colate laviche riesce con forza a venir fuori. Così rappresenta il sentire alternato della sua anima.

Anche Antonello Colonna si sente legato al colore ROSSO (lui se ne dice ossessionato), da sempre. È il rosso acceso della porta che, fin dalle sue origini, è stato il simbolo dello Chef e ne testimonia il profondo legame col territorio ed il grande rispetto per le tradizioni e le preziose materie prime. Per Colorfood ha pensato ad un’opera con un titolo che è tutto un programma: “Liberi tutti”.

Per Luigi Taglienti il BIANCO e NERO rappresenta l'equilibrio nei massimi contrasti, gli estremi del colore che assieme creano un'armonia che rievoca eleganza, personalità e minimalismo estetico. Nell'immagine di ispirazione ha voluto raccontare il vigore e la forza del mare, le braccia del pescatore - vestito nello scatto con la giacca da chef per sottolineare l'importanza del dialogo e della correttezza tra la pesca e la cucina - il bianco e nero della pellicola e della seppia che riporta al piatto e al suo mondo di provenienza: la Liguria e il Mar Mediterraneo.

Francesca Castigliani sceglie il GIALLO, la luce che ‘accende’ una finestra nel buio della sera, il colore che esprime energia e allegria, quello che prova quando è al lavoro sui suoi dolci.

Heinz Beck, che da qualche anno è testimonial della Giornata Mondiale della Terra, ha iniziato a pensare al modo in cui gli elementi della natura possono essere trasformati in "sapori". Per Colorfood punta sulla tonalità del ROSA, colore che può assumere il ghiaccio in base ai riflessi del sole e dell'atmosfera, come nell'iceberg fotografato dal duo duo Inka e Niclas a nord della Norvegia.

Cristina Bowerman ha scelto di giocare con il color CARNE, il colore della pelle, ispirandosi a L.O.V.E. (acronimo di libertà, odio, vendetta, eternità), scultura monumentale di Cattelan che dal 2010 campeggia, tra le polemiche, in Piazza degli Affari di fronte alla sede della Borsa di Milano. L'opera raffigura una mano intenta nel saluto fascista, ma con tutte le dita mozzate, come erose dal tempo, tranne il dito medio. Ne risulta il gesto del dito medio alzato, ritenuto generalmente osceno. La mano sarebbe al contempo un gesto d’irriverenza sia al simbolo del fascismo sia al mondo della finanza.

DAN LEV. Lavora come fotografo professionista da oltre 20 anni. È considerato uno dei migliori fotografi di FOOD in Israele. Lavora a stretto contatto con Chef e ristoranti, realizza servizi per molti libri di cucina e per il magazine ‘HASHULCHAN’ (In Tavola). COLORFOOD è la sua terza mostra e rappresenta uno sguardo originale nel mondo della cucina contemporanea.

COLORFOOD @ EXPO2015

In questo momento storico in cui c'è un’estrema attenzione al cibo, sia come manifestazione di fattori culturali, tradizionali e innovativi di una società sia come spunto di riflessione storica, sociologica, geopolitica, culturale ed artistica, per il prossimo EXPO 2015 è stato scelto il tema NUTRIRE IL PIANETA.

Italia e Israele sono due paesi dove il cibo è dominante nella vita delle persone. In questa cornice si inserisce COLORFOOD, il cui scopo è sia quello di portare un messaggio di amicizia tra Israele e Italia attraverso l'arte e cibo sia di favorire momenti di cooperazione tra Chef italiani e israeliani.

 

ELENCO DEGLI CHEF ITALIANI

Francesco Apreda, Heinz Beck, Cristina Bowerman, Francesca Castigliani, Antonello Colonna, Bonetta dell’Oglio, Luigi Taglienti. Hanno già confermato la loro futura partecipazione anche Moreno Cedroni, Enrico Crippa e Davide Scabin.

ELENCO DEGLI CHEF ISRAELIANI

Erez Komrovski, Aviv Moshe, Segev Moshe, Israel Aharoni, Shaul Ben Aderet, Avi Steintz, Miki Shemo, Eyal Lavie, Avivit Priel, Victor Gloger, Eran Shvartzbard, David & Yosef, Amir Chalfon, Yaron Kastenbaum, Omer Miller, Tom Franz, Hila Alpert, Haim Cohen, Shaily Lipa, Maya Darin, David Frankel.


ARTICOLI CORRELATI
La terza edizione della kermesse enogastronomica dedicata alle eccellenze, esaltate da 25 chef di cui 18 stellati Michelin
144 bandiere dei Paesi che hanno aderito a Expo 2015. Ma ai romani non piace la scelta delle luminarie di via del Corso
La Locanda di Apicio è la Rubrica di “food economia” di Domenico di Catania, consulente economista e chef
I PIU' LETTI IN CULTURA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Ci scrive uno degli alunni della V elementare nella quale insegnava il maestro Alberto Manzi
2
Presentato ieri presso la libreria Feltrinelli a San Giovanni, con Filippo Roma, Paolo Calabresi e Ilary Blasi
3
Presentazione a Roma del nuovo e atteso libro di Ricardo Reyes Castillo

4
La Alice dei Cesaroni, a soli 23 anni, entra ufficialmente nella lista dei vip che si danno alla scrittura
5
Mostra fotografica tra Arte e Food, 23 e 24 marzo presso Antonello Colonna Resort a Labico
1
Si eseguiranno alcuni suoi concerti singoli e le arie tratte dalle sue opere più celebri: Nozze di Figaro, Don Giovanni, Flauto Magico e Così fan tutte
2
"Il Ticket inaugura un meccanismo di programmazione della visita che rende tutto musealizzato e toglie la possibilità di fruire liberamente di uno spazio"
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
Fa discutere l'iniziativa di due artisti argentini che hanno realizzato una particolare versione della bambola
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]