CULTURA
Angelo Mellone, il Meridione a rotaia al Teatro Argentina
Angelo Mellone conclude la sua trilogia lirica sul Meridione italiano, giungendo all’ultima fermata del viaggio
Angelo Mellone nel reading teatrale Meridione a Rotaia, al Teatro Argentina di Roma,

Al Teatro Argentina, giovedì scorso, 13 marzo, il giornalista e scrittore Angelo Mellone, ha presentato il suo reading teatrale, Meridione a rotaia, con il quale conclude la sua trilogia lirica sul Meridione italiano, giungendo anche all’ultima fermata di un viaggio che è un canto appassionato e dolente, ma al tempo stesso un grido di rabbia, per la sua terra. Un ritorno nella propria terra, che è stata abbandonata anni prima con rabbia. Un ritorno a Meridione, compiuto con il mezzo che più associamo al viaggio: il treno. Sui treni sono partiti i primi emigrati meridionali, sulle carrozze di treni locali scassati, regionali in perenne ritardo, Intercity improbabili, l’Autore fa macchina indietro e, da Roma, arriva a Taranto. In mezzo a partenza e arrivo si alternano situazioni grottesche, aneddoti, ricordi, memorie dolorose, persino una pagina dedicata ai fanti meridionali mandati al massacro nella Prima guerra mondiale. Tutte queste pagine, che Mellone ci regala con lo stile consueto delle sue “orazioni civile”, accostano il tema tradizionale del ritorno a quello, nuovo per l’autore, di una riflessione sull’amore, che viaggia a ritroso attraverso due figure femminili e una singolare disquisizione sui tacchi... E dunque, se l’amore è contesto, radici, terra, e «Meridione tiene sempre i piedi per terra», per trovare amore autentico a Sud bisogna tornare. E questo fa, Meridione a rotaia, nelle scorribande tra paesini, locomotori diesel, vagoni stipati di varia umanità, stazioni metropolitane e stazioncine di montagna. Offrendo, alla fine, un affresco di meridionalità divertente, surreale, commuovente.

Commosso anche l'autore al termine dello spettacolo: "Grazie a tutti per la splendida serata, Meridione a rotaia in una sala gremita, in mezzo a tanti amici, è stato un regalo bellissimo".

 

Meridione a Rotaia, Storie di sangue, radici e amori senza tacchi, di Angelo Mellone.
Reading teatrale con Angelo Mellone e Raffaella Zappalà , Dj set Andrea Borgnino, Video Marco Zampetti.


ARTICOLI CORRELATI
Una "digressione internazionale", una riflessione sull'informazione occidentale e il mondo islamico
L'opera di Eduardo De Filippo al Teatro Argentina per la regia di Antonio Latella
L'associazione "Sosmusica" ripercorre l'esistenza del grande compositore
I PIU' LETTI IN CULTURA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
In dieci anni, e solo a Roma, hanno chiuso in 223. Un impoverimento collettivo che non può essere sanato dalle vendite online
Data di pubblicazione: 2020-01-07 13:29:27
2
Il critico: "Nella non-sinistra invece, che non è la destra, ci sono persone che pensano per pensare"
Data di pubblicazione: 2020-01-04 08:45:29
3
Il prossimo libro di Roberto Cotroneo sarà un saggio sul grande pianista Arturo Benedetti Michelangeli
Data di pubblicazione: 2020-01-02 16:42:22
4
Egli era garanzia di robustezza speculativa, radicalità, profondità, rigore teoretico, autentico amore per la materia trattata
Data di pubblicazione: 2020-01-21 19:30:42
5
Sanremo è solo il pretesto. Che serve a trasferire nel mondo dello spettacolo la censura strisciante del politicamente corretto
Data di pubblicazione: 2020-01-22 13:52:43
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]