POLITICA
Casapound-Alba Dorata: resoconto dell'incontro
Contrari all'incontro Pd e Sel, ma la conferenza si è svolta regolarmente

La conferenza conoscitiva con i rappresentanti di Alba Dorata si è regolarmente svolta, nonostante la minaccia di un’interrogazione parlamentare e un appello al Prefetto di Roma con cui Sel e Pd hanno scelto di esternare il loro rifiuto categorico verso l’iniziativa.
«Roma non può assolutamente tollerare un incontro con esponenti di Alba Dorata nella sede di Casapound» - scrivono Piazzoni e Cervellini (Sel). Eppure erano più di duecento i romani presenti al dibattito, e molti di loro non si sono arresi alla carenza di posti in sala, scegliendo comunque di assistere attraverso il monitor predisposto nel corridoio.

Curiosità e una certa riluttanza verso le etichette hanno permesso ai presenti di apprendere qualcosa in più sul movimento greco, al quale nessuno aveva mai dato diritto di parola prima. «Tutti credono Alba Dorata un partito antidemocratico, omofobo ed estremista ma nessuno ne conosce la storia, il programma politico o gli obiettivi - afferma Andrea Antonini in apertura dei lavori, e prosegue manifestando - la vicinanza umana di CasaPound agli attivisti di Alba Dorata, così duramente colpiti dalla repressione politica, giudiziaria e dai recenti fatti di sangue».

«Il movimento di Chrysi Avghi - spiega Apostolos Gkletsos, ex deputato, portavoce del segretario e membro del Comitato Centrale di Alba Dorata - è stato ufficialmente fondato nel 1993 e in due decenni è diventato il primo partito della Grecia». La crescita esponenziale è però avvenuta nell’ultimo anno, con i consensi in impennata dal 7% al 22% e l’ingresso nel Parlamento ellenico con 18 deputati.

Alba Dorata è un movimento forte, non solo dei consensi, ma anche di un’identità precisa che si rispecchia nel simbolo antichissimo dell’unità: il meandro. «I colori nei quali ci riconosciamo sono tre - prosegue l’ex deputato - il nero, colore della morte che siamo disposti ad abbracciare per quello in cui crediamo, il bianco, che simboleggia la purezza dei nostri animi e il rosso, il colore del sacrificio».

La ricetta anticrisi proposta da Alba Dorata la svela Konstantinos Boviatsos, militante del movimento e responsabile di Radio Bandiera Nera Hellas. Per molti versi risulta simile a quella proposta da CasaPound perché, come ci tengono a sottolineare più volte i relatori, nessuno è al sicuro e tutti i popoli sono esposti alle stesse minacce, «a causa della corruzione delle istituzioni e delle politiche scellerate condotte dall’Unione Europea».
I punti focali del programma sono «il blocco dei flussi migratori, lo sfruttamento delle materie prime presenti nel mar Egeo, il potenziamento dell’economia agricola e il ripopolamento dei piccoli centri urbani» ma anche, prosegue Kostantinos, «la diminuzione del numero dei deputati, ne basterebbero 100 anziché 300, e un controllo contabile di tutte le figure politiche».
A questo proposito il dirigente ci tiene a sottolineare che «i deputati di Chrysi Avghi hanno restituito gli stipendi alla nazione greca sotto forma di aiuti concreti come cibo e vestiario». Un atteggiamento solitario, che con un tasso di disoccupazione al 30%, quale attualmente è quello greco, ha senz’altro offerto un’immagine insolita della «casta» politica come siamo abituati a conoscerla.

Si ritorna a parlare delle difficoltà che il movimento ha dovuto affrontare e che hanno caratterizzato l’ultimo anno e mezzo di attività politica.
«I nostri 18 deputati facevano paura, così politici e giornalisti hanno provato a fermare la nostra lotta con ogni mezzo»- raccontano i due dirigenti. Tutto è avvenuto «senza accuse e grazie a false testimonianze. E oggi tre di loro sono ancora in galera». Un accadimento incredibile che nessuno ha stigmatizzato, anche in Italia è stato fatto passare come legittimo. «Alba Dorata può piacere o meno, resta il fatto che un giorno alcuni deputati liberamente eletti in Parlamento sono stati presi e sbattuti in cella. E nessuno ha trovato nulla di strano, poi però da noi ci si mette più di un anno per decidere della decadenza di un solo senatore» - osserva Di Stefano. Due pesi, due misure.

Due pesi, due misure. E’ stata la logica applicata anche in seguito all’uccisione di Manolis e Giorgos, caduti a vent’anni sotto i colpi di una mitraglietta rossa. Perché «il terrorismo in Grecia ha nome e cognome, ed è di sinistra» - ci dicono i due dirigenti. «In Italia l’avete conosciuto negli anni Settanta, adesso è arrivato anche da noi. Non abbiamo trovato un deputato, un giudice o un avvocato che ha difeso questi due ragazzi. Ma queste cose le conoscete meglio di noi. Anni fa in Italia si gridava “Uccidere un fascista non è reato”. Commentando la morte dei nostri camerati, un giornalista greco ha detto in televisione: “Meno male che stavolta non sono stati uccisi esseri umani”».


ARTICOLI CORRELATI
Roma, convention tra i maggiori partiti nazionalisti europei
Venerdì 29 l'incontro a Roma, a quasi un mese dall'uccisione di Manolis e Giorgios
A Roma i principali partiti nazionalisti europei, ma SEL non lo accetta
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Il piano prevede la sperimentazione di strisce pedonali con led, nuova segnaletica e nuovi semafori e il prolungamento dell'isola pedonale dov'è la fermata bus
2
Esponenti del Pd romano come Giachetti, saranno presenti in alcune piazze della Capitale per raccogliere firme per il referendum sulla privatizzazione dell'Atac
3
Sblocco del turn over che coinvolgerà nel triennio 2018/2020 circa 400 unità di personale, che andranno a rimpiazzare le altrettante in uscita per pensionamento
4
"Lo abbiamo fatto minimizzando i costi: abbiamo investito 2 milioni di euro contro i 15 milioni spesi nel febbraio 2012 dall'amministrazione Alemanno"
5
La candidatura arriva il giorno del suo compleanno, l'ex sindaco di Roma oggi compie 61 anni ed è l'unico che potrebbe infastidire gli avversari
1
Per gli avversari è un’occasione d’oro per prendersi una mezza rivincita: da disprezzati a inquisitori
2
Un cittadino durante la conferenza stampa del ministro dell'Ambiente e della sindaca di Roma dopo il rogo: "È vergognoso quello che state dicendo"

3
Il leader della Lega chiede “un mandato per trattare con la UE” e assicura che non farà cadere il Governo
4
Roma in ginocchio: la situazione passa da critica a insostenibile. E la sindaca fa appello alle altre città del Lazio
5
La dichiarazione in tv, a Uno Mattina. Il problema, però, è che lui è il Capo di gabinetto del ministro della Famiglia
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]