CRONACA
Non più madri, non più padri
Il liceo Mamiani ha deciso di sostituire i termini "Mamma" e "Papà" con "Genitore 1" e "Genitore 2"

“Genitore 1” e “Genitore 2” al posto di “Mamma” e “Papà”. O al posto di “Papà” e “Mamma”. Che vai a capire chi è il Genitore 1 e chi il Genitore 2. E già vediamo le percentuali dei divorzi raddoppiarsi a causa di continui litigi in casa su chi deve, fuori casa, ricoprire il ruolo di primo, e chi di secondo. Perché le donne dell'era della parità dei sessi (e non delle pari opportunità tra uomini in quanto esseri viventi) sono parecchio suscettibili e non lo accettano di buon grado un secondo posto. Imposto da chi, poi.

Non è fantasia, ma realtà. Dopo il precedente di Bologna, lo è anche al Mamiani, storico liceo di Roma, dove a firmare le giustificazioni ai propri figli saranno il Genitore 1 e il Genitore 2. Termini neutri, che già altri Paesi Europei prima di noi hanno adottato, perlomeno per lo svolgimento di pratiche burocratiche e amministrative.
Come a dire che l’uguaglianza sia, in realtà, una questione tutta e solamente lessicale. Non uno sforzo in più, non uno in meno. Basta un Genitore 1 ad eliminare l’ignoranza e l’omofobia dal mondo; come basta la nuova denominazione di “sindacA” e “presidentA” a premiare il merito.
Probabilmente, è ciò di cui la preside (o presida? Non vorremmo mai offendere nessuno!) del liceo capitolino è convinta. Ci ha pensato infatti Tiziana Sallusti a mettere in atto la grande rivoluzione dei termini: “E’ giusto così, ed è nel pieno rispetto del diritto di famiglia. Anzi, è stato richiesto dalle stesse famiglie, poiché il concetto di famiglia è ormai cambiato, e molti studenti vivono in nuclei allargati”.
L'importante, stando al regolamento scolastico, è che la firma riportata nella giustificazione sia la stessa depositata in segreteria.

Insomma per la preside, la nuova denominazione non è offensiva, non è un attacco alla famiglia. Anzi, è un modo per stare “al passo coi tempi”, come se la famiglia fosse una questione di moda e di passerelle, che son tornati pure gli stivali con la punta, e che fai non te li compri?
Siamo invece convinti che le rivoluzioni culturali abbiano ben altri presupposti. E che ridurre tutto ad una questione di termini forse non è offensivo per la famiglia, che nella sua essenza rimane tale e quale, ma lo è sicuramente per tutti gli omosessuali, per tutte le lesbiche, perfino per tutti quei "genitori di fatto", ma non biologici, che ci si illude di favorire e aiutare in questo modo.


ARTICOLI CORRELATI
Il Viminale vuole tornare alle definizioni tradizionali e rigetta il parere. Salvini: "Noi andiamo avanti”
Tutti gli istituti del Municipio VIII saranno soggetti ad "aggiornamento della terminologia parentale"
GI: "Anche il presidente del Municipio VIII è nato da un uomo e una donna"
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
"Faremo di tutto per vendicarti, Fabrizio, sto consegnando al diavolo una lista di nomi di donne, di uomini, di giovani, di vecchi"
Data di pubblicazione: 2019-09-02 18:52:03
2
Si asterranno dal lavoro i dipendenti di Roma Tpl, il consorzio privato che in città gestisce circa 100 linee
Data di pubblicazione: 2019-09-12 08:35:15
3
Dalle 21:01 sarà attiva la linea bus sostitutiva, la MB. L'interruzione durerà tre mesi
Data di pubblicazione: 2019-09-05 08:01:58
4
L'uomo proponeva, come alternativa, l'esborso di 50 euro in contanti, per concludere più velocemente la vicenda. Sorpreso dai poliziotti in analoghe circostanze
Data di pubblicazione: 2019-09-05 16:32:51
5
E' stato ritrovato morto non lontano dalla sede del Reparto della Squadra Volanti in via Guido Reni
Data di pubblicazione: 2019-09-03 17:28:42
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]