DIFESE
Coronavirus, il nutrizionista: ecco il cibo che rafforza il sistema immunitario
Molti alimenti possono stimolare il nostro sistema immunitario non solo a difendersi ma anche a guarire prima

Dott. Dario Amodio, lei tratta l'alimentazione come se parlasse di medicina. Perché ritiene che il cibo vada trattato con la stessa attenzione con cui si tratta un medicinale?

È ormai noto che alcuni alimenti siano dei veri e propri "farmaco-alimenti", in virtù di alcune molecole che esplicano, in determinate concentrazioni, un vero e proprio effetto farmacologico. Basti pensare alle proprietà antinfiammatorie e anti-emetiche dello zenzero; le proprietà antiossidanti e antipertensive del cioccolato fondente; l’efficiacia batteriostatica e immunostimolante delle brassicacee; all’olio extravergine d’oliva, dotato di documentati effetti antinfiammatori e anti-diabetici. Ma allo stesso tempo, cattive abitudini alimentari protratte nel tempo, al pari di un farmaco, possono avere effetti deleteri sul la nostra salute.  

 

Sono giorni molto difficili e siamo preda della paura del Coronavirus. Come molte patologie anche virali le persone che ne fanno maggiormente le spese sono quelle che hanno minori difese immunitarie. Oltre a seguire le raccomandazioni del Ministero della Sanità è possibile rafforzarsi con l'alimentazione?

Assolutamente si! Molti alimenti possono stimolare il nostro sistema immunitario e più in generale aiutare il nostro organismo non solo a difendersi con maggiore efficacia dai patogeni esterni ma anche a favorire una più rapida guarigione in caso di infezione o malattia.  

 

Quali sono gli alimenti che possono aiutarci e quali quelli che è meglio evitare?

Nella nostra alimentazione quotidiana non devono mai mancare verdure di stagione fresche, in particolare broccolo, rucola, cavoli e tutta la famiglia delle brassicacee, ricche in vitamina C e glucosinolati, composti con noto effetto antivirale. 

Ma anche frutta fresca, specialmente kiwi, frutti rossi, arance, limone, ricche in vitamina C e bioflavonoidi, ottimi immunostimolanti. 

I funghi, ricchi in beta glucani, potenti induttori del nostro sistema immunitario. Ma non dimentichiamo che, per lavorare bene, 

i nostri “guardiani”  necessitano anche di zinco, selenio, ferro, vitamine del gruppo b, per cui è fondamentale consumare cereali integrali, legumi oltre che carne e pesce. 

Un ulteriore aiuto ci arriva dalle spezie e dalle erbe odorose (Timo, rosmarino, prezzemolo, basilico, cannella, curcuma, noce moscata, e tante altre), oltre che dallo zenzero, che possono essere utilizzate anche in forma di decotti o infusi.

Non dimentichiamo le proprietà antivirali della liquirizia e del propoli, oltre a quelle immunostimolanti della Vitamina D, purtroppo poco presente nei nostri alimenti ma eventualmente da assumere mediante integratori.

Attenzione invece ad una dieta ricca in zuccheri: bastano 75- 100 gr di carboidrati assunti in forma di zuccheri semplici (glucosio, fruttosio, saccarosio) per ridurre drasticamente del 50% la capacità antibatterica e antivirale dei nostri globuli bianchi da 30 minuti dopo l’ingestione per oltre 5 ore. 

Ridurre anche il consumo di alimenti eccessivamente processati (pasti pronti, zuppe e minestre già pronte, carni trasformare) che possono essere carenti in vitamine e antiossidanti e viceversa contenere additivi e conservanti che possono 

Interferire con il nostro sistema immunitario.

 

Le abitudini alimentari italiane, i tempi della colazione, del pranzo e della cena sono corretti? Esistono alimenti che fanno bene a chiunque e in qualsiasi momento?

Il timing dei pasti è molto importante per la nostra salute: fare una colazione da re, un pranzo da principi e una cena da poveri, come del resto facevano i nostri nonni, permette il rispetto dei nostri ritmi circadiani e assicurano un adeguata regolazione ormonale a favore della nostra salute e longevità.

Cenare tardi e/o con pasti abbondanti altera diversi segnali ormonali nel nostro organismo che possono impattare negativamente sulla qualità del nostro sonno e sul nostro sistema immunitario, oltre che sul nostro peso corporeo.

In base alle proprie abitudini e al proprio stile di vita è preferibile consumare a cena proteine di facile digeribilità come il pesce accompagnato a una abbondante porzione di verdure o viceversa una porzione di legumi o cereali integrali in chi preferisce consumare le proteine a pranzo. 

È da limitare il consumo di carne a cena, in particolare quella rossa, che richiede tempi maggiori di digestione e quindi un impegno più prolungato per i nostri organi digestivi.

Un buon sonno ristoratore e almeno 10-12 ore di digiuno notturno sono condizioni necessarie per mantenere un sistema immunitario efficiente. 

 

Marzo: Riattivare il metabolismo, ecco il modo più efficace per farlo correre

 

Dario Amodio. Dietista - Biologo nutrizionista . Esperto (master di II Livello) in Nutrizione clinica e metabolismo. Esperto (master di II Livello) in oncologia integrata . Docente e Coordinatore del master di II livello di Medicina integrata presso Università San Raffaele di Roma 

 

Marzo: Riattivare il metabolismo, ecco il modo più efficace per farlo correre


ARTICOLI CORRELATI
Risponde il Dott. Dario Amodio, dietista, biologo nutrizionista, che promuove il cibo come medicina
Lo stress generato dall'impossibilità di uscire, fare sport e l'ansia per l’evolversi di questa pandemia, può sfociare tutto davanti al frigorifero
Non vogliamo parlare solo di etica questa volta, ma di un’allarme riferito dall’OMS riguardo al consumo di carni rosse e insaccati
I PIU' LETTI IN SALUTE E BENESSERE
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Ieri, 1 aprile, è stata la giornata mondiale per la consapevolezza sull'autismo
Data di pubblicazione: 2020-04-02 09:22:07
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]