MORTE DI UN EROE
E' morto il medico cinese che diede l'allarme sul coronavirus. Non venne creduto
Li Wenliang aveva 34 anni, è stato tra i primissimi a dare l'allarme sulla presenza di un virus che si stava diffondendo a grande velocità nella zona di Wuhan

"È morto il dottor Li Wenliang, medico di Wuhan che aveva cercato di dare l’allarme all’inizio dell’epidemia, ma era stato redarguito dalla polizia". Questa BreakingNews è stata lanciata nella notte (pomeriggio in Italia) dal Global Times, giornale di Pechino controllato dal Quotidiano del Popolo. 

C’erano medici ospedalieri a Wuhan che a fine dicembre credevano di aver individuato la "misteriosa polmonite" di cui parlavano le autorità. Avevano lanciato su una chat di giovani dottori che si erano laureati nel 2004 il dubbio che si trattasse di un ritorno della Sars debellata nel 2003.

L'esponente di rilievo del gruppo, il leader era il dottor Li Wenliang, 34 anni, specialista di oftalmologia. Secondo l’allarme di Li, proprio nel suo reparto erano ricoverati in isolamento sette pazienti con sintomi polmonari gravi. Era il 30 dicembre 2019.

Uno screenshot del suo post ha cominciato a diffondersi: la censura cinese è sempre all'erta. Le autorità di Wuhan hanno mandato la polizia a redarguire i "propagatori di voci" e hanno oscurato la loro chat online. Erano otto quei medici. Breve detenzione per interrogatorio, del dottor Li, poi rilascio e processo per chiudere il caso.

Intanto anche Li è stato contagiato da un paziente. Sembrava che si fosse ripreso e fosse tornato in reparto. Poi altre notizie: si era invece aggravato, fino all’annuncio della morte. Ripagato in parte dalle autorità cinesi, la Corte suprema del popolo cinese ha detto che non aveva "fabbricato notizie". In una maniera falsa, sleale, nella sentenza era scritto che comunque il dottor Li aveva commesso un errore nella diagnosi perché non si trattava di Sars, ma  di un nuovo coronavirus sconosciuto.  (Nella foto il medico Li Wenliang)


ARTICOLI CORRELATI
Tra i luoghi di aggregazione, a rischio contagio, come non considerare i mezzi di trasporto pubblico?
Il Nu Shu: un angolo di paradiso colorato per le ‘sorelle relegate’, fu un canto di liberazione e di intima libertà
La sospetta positività al virus è emersa grazie all'esame di un tampone rinofaringeo
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
"Il Nomentana Hospital, pur avendo lo spazio per accogliere gli anziani di Nerola, è inadeguato a ospitare un numero cosi elevato di pazienti Covid-positivi"
Data di pubblicazione: 2020-03-29 21:02:39
1
Conte annuncia la proroga delle misure restrittive oltre il 3 aprile. Ma, di fatto, aveva deliberato la crisi a fine gennaio, per sei mesi
Data di pubblicazione: 2020-03-20 07:54:42
2
Sul sito Croce Rossa Italiana o chiamando il numero 800 - 065510 potete trovare informazioni e proporvi
Data di pubblicazione: 2020-03-20 10:40:17
3
L'azienda municipalizzata del trasporto pubblico ha comunicato che "la misura rimarrà operativa fino al termine dell'emergenza sanitaria"
Data di pubblicazione: 2020-03-07 19:00:40
4
"Chiediamo con forza l'intervento della Regione Lazio, del Comune e del Governo per sanare la fragile situazione di un'azienda che da poco ha scongiurato il fallimento"
Data di pubblicazione: 2020-03-21 12:12:24
5
SEI DETENUTI SONO MORTI DURANTE LA RIVOLTA A MODENA Penitenziari, 20 evasi a Foggia, hanno incendiato e devastato uffici FOTO
Il coronavirus sta mandando in tilt gli apparati dello Stato italiano: le carceri sono in rivolta da nord a sud del paese
Data di pubblicazione: 2020-03-09 13:52:18
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]