TRUFFA CON ASSEGNI FALSI
Roma, comprano auto con assegni falsi e le rivendono in Romania
Le auto venivano comprate con assegni falsi, spedite in Romania e nuovamente rivendute: 5 arresti per truffa e riciclaggio

Gli agenti della Polizia di Stato del Commissariato di San Giovanni hanno condotto un’indagine che ha portato all’arresto 5 persone per riciclaggio e truffa.

Le indagini

Tutto è partito da una denuncia di un cittadino che ha venduto la sua auto su un sito online e poi si è vista accreditare un assegno di 11.000 euro falso. 

L'uomo era stato contattato da un sedicente acquirente interessato alla sua auto e, dopo un trattativa, l'affare era stato chiuso. Per quanto riguarda lo scambio di documenti, il venditore era stato convocato di venerdì in una sede di pratiche auto ai Parioli: nulla faceva presagire l'imminente truffa. 

La truffa

Tramite dei documenti falsi redatti a nome degli ignari venditori, le macchine venivano vendute e successivamente fatte sparire dalla circolazione.

La destinazione ultima era la Romania, dove le auto venivano nuovamente immatricolate e rivendute a nuovi proprietari.

Impossibile rintracciare il compratore disonesto: tutti i venditori ricevavano l'assegna falso di venerdì, in modo da non aver modo di incassarlo fino a lunedì. I truffatori si servivano quindi dei giorni di weekend per far perdere le loro tracce. 

In tutto ci sono stati 5 arresti: 3 italiani (30, 50 e 52 anni), un cittadino romeno di 37 anni e un cittadino italiano di etnia rom di 27 anni.

Solo nei giorni precedenti agli arresti, sono state vendute moltissime auto per un totale di circa 58.000 euro: un bel giro d’affari per questi truffatori.

Tramite localizzazione GPS, la posizione delle auto è stata individuata in Romania: la Polizia Romena, in collaborazione con la Polizia Italiana, ha potuto quindi sequestrare le auto che sono poi state riconsegnate ai legittimi proprietari.

Leggi anche:

Roma, Municipio M5S attacca la sindaca, rivolta contro discarica Monte Carnevale

Piazza Navona, ladro di monetine nella fontana: 710 euro di multa

 


ARTICOLI CORRELATI
Gli arresti sono stati eseguiti tra Roma ed i comuni Laziali di Nettuno e Marino, con l’impiego di oltre 90 uomini della polstrada
Gli investigatori hanno proceduto al sequestro del capannone e del materiale rinvenuto all'interno. Un 25enne è stato arrestato per ricettazione
Fini è indagato insieme all’imprenditore Corallo, alla compagna Elisabetta Tulliani, al fratello di quest'ultima e al padre Sergio per una presunta attività di riciclaggio
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
"Il Nomentana Hospital, pur avendo lo spazio per accogliere gli anziani di Nerola, è inadeguato a ospitare un numero cosi elevato di pazienti Covid-positivi"
Data di pubblicazione: 2020-03-29 21:02:39
1
Conte annuncia la proroga delle misure restrittive oltre il 3 aprile. Ma, di fatto, aveva deliberato la crisi a fine gennaio, per sei mesi
Data di pubblicazione: 2020-03-20 07:54:42
2
Sul sito Croce Rossa Italiana o chiamando il numero 800 - 065510 potete trovare informazioni e proporvi
Data di pubblicazione: 2020-03-20 10:40:17
3
L'azienda municipalizzata del trasporto pubblico ha comunicato che "la misura rimarrà operativa fino al termine dell'emergenza sanitaria"
Data di pubblicazione: 2020-03-07 19:00:40
4
"Chiediamo con forza l'intervento della Regione Lazio, del Comune e del Governo per sanare la fragile situazione di un'azienda che da poco ha scongiurato il fallimento"
Data di pubblicazione: 2020-03-21 12:12:24
5
SEI DETENUTI SONO MORTI DURANTE LA RIVOLTA A MODENA Penitenziari, 20 evasi a Foggia, hanno incendiato e devastato uffici FOTO
Il coronavirus sta mandando in tilt gli apparati dello Stato italiano: le carceri sono in rivolta da nord a sud del paese
Data di pubblicazione: 2020-03-09 13:52:18
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]