OMICIDIO STRADALE PLURIMO
Roma. Sedicenni travolte, arresti domiciliari per Pietro Genovese, l'investitore
Lo ha deciso il gip della Capitale nei confronti del 20enne, indagato per omicidio stradale plurimo

Arresti domiciliari per Pietro Genovese, il ragazzo che ha investito e ucciso le due sedicenni Gaia e Camilla nella notte tra sabato e domenica scorsi a Corso Francia, Roma. Lo ha deciso il gip della Capitale nei confronti del 20enne, indagato per omicidio stradale plurimo. A notificare la misura sono stati gli agenti della Polizia locale di Roma Capitale, riferisce l'Adnkronos. 

Al giovane, figlio del regista Paolo, dopo l'incidente è stato riscontrato un tasso alcolemico dell'1,4 oltre a tracce di varie sostanze stupefacenti e in passato era stato trovato in possesso di droga per uso personale. Il 27 dicembre alle 10.30 presso la parrocchia del Preziosissimo Sangue di Nostro Signore, in via Flaminia Vecchia, si svolgeranno i funerali delle due vittime.

A Pietro Genovese era stato concesso un nulla osta temporaneo dal pm Roberto Felici per passare il Natale nella casa di famiglia in Umbria - riporta l'Agenzia di stampa Adnkronos - A quanto si apprende - Genovese ora sconterà gli arresti domiciliari nella casa a Roma.

La pena prevista per omicidio stradale nei casi di ebbrezza non grave, vale a dire di un tasso alcolemico compreso tra gli 0,8 e gli 1,5 grammi per litro, è dai cinque ai dieci anni di carcere, che salgono a un minimo di otto a un massimo di dodici, cioè la pena contemplata per omicidio stradale in stato di ebbrezza grave, quando il conducente è un neo-patentato (il caso di Genovese) o è sotto effetto di sostanze stupefacenti. Non è ancora chiaro, però, se la positività agli stupefacenti sia legata ad assunzioni avvenute nei giorni precedenti e non direttamente associate con l'incidente. 

La pena aumenta della metà se a morire è più di una persona, fino a un limite di 18 anni. Nel caso in cui i giudici stabiliscano che la responsabilità del fatto non è da attribuire esclusivamente a Genovese, la pena potrebbe invece essere ridotta fino alla metà. 


ARTICOLI CORRELATI
Pietro Genovese, il 20enne accusato di omicidio stradale plurimo, da ieri agli arresti domiciliari, sarà interrogato il 2 gennaio dal Gip di Roma
"Abbiamo contattato uno dei periti italiani più prestigiosi nella ricostruzione scientifica degli eventi complessi e drammatici"
Il giudice: "Genovese una personalità incline alla violazione delle regole", e delle vittime "una condotta spericolata"
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Chiariamo cosa è permesso e cosa no, allo scopo di contenere la possibilità di contagio da Sars-coV-2
Data di pubblicazione: 2020-04-01 08:45:49
1
"Il Nomentana Hospital, pur avendo lo spazio per accogliere gli anziani di Nerola, è inadeguato a ospitare un numero cosi elevato di pazienti Covid-positivi"
Data di pubblicazione: 2020-03-29 21:02:39
2
Orrore e paura nel VI Municipio della Capitale
Data di pubblicazione: 2020-03-31 12:06:28
3
Il motivo addotto dall'amministrazione è "l'esponenziale decremento della circolazione di persone e dei maggiori presidi delle forze dell'ordine sul territorio cittadino"
Data di pubblicazione: 2020-03-30 14:30:10
4
Tutto quello che c'è da sapere sul sostegno alla spesa per famiglie in difficoltà economica causata dall'emergenza coronavirus
Data di pubblicazione: 2020-03-30 20:55:48
5
L'anziana è riuscita a chiamare il 112 dicendo che non riusciva ad alzarsi dal letto e non mangiava da giorni
Data di pubblicazione: 2020-03-30 12:23:18
1
Chiariamo cosa è permesso e cosa no, allo scopo di contenere la possibilità di contagio da Sars-coV-2
Data di pubblicazione: 2020-04-01 08:45:49
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]