LEGGE ELETTORALE
Legge elettorale, il governo giallo-rosso dice sì al proporzionale corretto
Esclusa l'idea di un sistema maggioritario che favorirebbe le forze di Centrodestra e in particolare la Lega. La nuova legge sarà presentata in Parlamento prima della fine dell'anno

La maggioranza M5S-Pd ha raggiunto un accordo sulla legge elettorale: al via il sistema proporzionale con delle modifiche per evitare la frammentazione in Parlamento.

E’ stata quindi esclusa l’idea di un sistema maggioritario tanto voluto dal Centrodestra, quel sistema elettorale per cui si ottiene un premio di maggioranza che assicura la governabilità del paese ottenendo una netta maggioranza in aula.

E’ stato escluso anche il doppio turno proposto all’inizio dal Partito Democratico ma fortemente osteggiato da Movimento Cinque Stelle, Italia Viva, Liberi e Uguali.

A dare l’annuncio di questo primo accordo è stato Federico D’Incà, Ministro dei rapporti con il Parlamento, al termine di un vertice in cui si è discusso della futura legge elettorale.

Il piano è che entro fine anno la maggioranza chiuda l’accordo su questa nuova legge per poi proporla in discussione alle Camere.

Resta ancora il nodo di come saranno i correttivi inseriti per evitare la frammentazione in aula: potrebbero essere ottenuti tramite una soglia di sbarramento nazionale (forse 4% o 5%) oppure tramite le circoscrizioni medio-piccole.

Queste le parole del Ministro D’Incà: “E’ stato un incontro molto positivo. Stiamo rispettando i tempi che c’eravamo indicati: entro fine anno sarà pronta la proposta da incardinare. Ci siamo rivolti verso un sistema proporzionale con correttivi anti frammentazione. Abbiamo fatto un grande passo avanti. Poi ci sarà la discussione in parlamento e accoglieremo le indicazioni che potranno arrivare anche dalle opposizioni”.

La maggioranza giallo-rossa dovrà quindi fare tutte le valutazioni del caso: nonostante le mille difficoltà e l’apparente distanza sulle maggiori questioni del paese, se il governo dovesse cadere prima del termine, l’Italia tornerebbe alle urne senza la riforma sul taglio dei parlamentari e senza la nuova legge elettorale.

Con l’attuale Rosatellum, in caso di voto anticipato, sarebbe netta la vittoria della Lega a guida di Matteo Salvini. Inoltre, se Pd e M5S decidessero di non unire i voti, la vittoria del Carroccio sarebbe scontata in molti collegi uninominali.

 

Leggi anche: 

"La cultura occidentale lo ha rovinato". Padre deporta il figlio in Bangladesh

Omicidio Sacchi: Anastasia al gip “Non sapevo di avere 70mila euro nello zaino”

 

 


ARTICOLI CORRELATI
L'esito del voto politico ha scompigliato tutte le carte
Il Comune di Roma è ormai nel caos per la gestione dei rifiuti e la Regione Lazio si dice pronta a commissariare la Sindaca
Le code sono dovute al tagliando antifrode, si invitano i cittadini a recarsi alle urne prima 
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Spot su Salvini a Porta a porta, nell’intervallo di Juve-Roma, e il PD insorge. Come se bastasse quello a stravolgere le elezioni
Data di pubblicazione: 2020-01-23 12:14:23
2
Giggino lascia appena prima delle Regionali che potrebbero sancire il tracollo del MoVimento. Ma la reggenza a Vito Crimi non lascia presagire nulla di buono
Data di pubblicazione: 2020-01-23 08:47:37
1
L’obiettivo era eliminare il leader della Lega per via giudiziaria. Dando per scontato, a torto, che lui non avesse alcuna contromossa
Data di pubblicazione: 2020-01-21 11:22:19
2
Dai mezzi pubblici al blocco auto fino ai rifiuti, la Città Eterna non sa più a che santo votarsi. Ma il sindaco pensa a pedonalizzare San Giovanni in Laterano
Data di pubblicazione: 2020-01-19 09:59:59
3
Caos Gregoretti, la maggioranza terrorizzata dall’effetto sulle Regionali diserta il voto in Giunta. E poi inventa una narrazione che mistifica la realtà
Data di pubblicazione: 2020-01-22 09:33:29
4
"Una situazione che ormai è diventata atavica e crea disservizi su mobilità e viabilità a oltre 200 mila residenti e cittadini"
Data di pubblicazione: 2020-01-20 18:16:47
5
A spiegare le ragioni dei consiglieri M5S che hanno votato contro la linea dell'amministrazione è stata la 'leader dei ribelli' grillini Simona Ficcardi
Data di pubblicazione: 2020-01-21 18:53:49
1
M5S in rivolta per la discarica a Valle Galeria, il sindaco con le spalle al muro scappa. E, come sempre, i Romani pagano l’incapacità della giunta grillina
Data di pubblicazione: 2020-01-05 10:27:40
2
La procedura di gara "a doppio oggetto", che prevede la creazione di una società a capitale misto pubblico-privato, è stata ritenuta legittima dai giudici amministrativi
Data di pubblicazione: 2020-01-18 19:35:52
3
Affermazioni incaute ma sostanzialmente fondate sulla pagina Facebook dell’Istituto. E nelle reazioni, a torto, domina lo scandalo
Data di pubblicazione: 2020-01-17 08:04:00
4
Il Comune di Roma è ormai nel caos per la gestione dei rifiuti e la Regione Lazio si dice pronta a commissariare la Sindaca
Data di pubblicazione: 2020-01-04 16:02:58
5
"Una discarica a soli 2 km dal sito dove per oltre 40 anni ha funzionato la vecchia discarica è follia con un danno commesso sull'ambiente e sulla salute dei residenti"
Data di pubblicazione: 2020-01-01 16:42:31
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]