CASO DE VITO
Roma, M5S diviso su De Vito. Stefàno: si dimetta, Montella: è schifosa ipocrisia
IL Mm5S è spacccato sul rientro di De Vito. Stefàno chiede le dimissioni ma per Montella è schifosa ipocrisia. Le opposizioni: rientro inopportuno

Se le opposizioni sono unite nel chiedere un passo indietro al presidente dell'Assemblea capitolina, Marcello De Vito, a essere spaccata sul punto è la maggioranza M5S. "Desidero unirmi ai richiami fatti dagli altri gruppi politici, il suo ruolo è delicato. Dal punto di vista umano ribadisco la massima vicinanza, ma è opportuno riflettere sul ruolo che si ricopre. Ci tenevo a dirlo perche' noi, io come lei, rappresentiamo tutti i cittadini. Purtroppo e' un mio difetto dire quello che penso", ha detto in Aula il consigliere pentastellato Enrico Stefano.

Dura, però, la replica della collega di gruppo Monica Montella: "Se stiamo facendo un ragionamento di legalita', lo facciamo per tutti. Bordoni, segretario d'Aula e' stato indagato e non ha detto niente nessuno, adesso tutti ci meravigliamo per questa situazione. Questa ipocrisia mi fa schifo", le parole dell'esponente M5S. De Vito, comunque, tiene il punto e non ha intenzione di dimettersi: se l'Aula vorrà destituirlo dalla carica di presidente dovrà presentare e votare una revoca formale con tutte le conseguenze - compresa l'eventuale causa risarcitoria nei confronti dei consiglieri in caso di assoluzione - del caso.

"Ringrazio per il richiamo al rispetto dei miei doveri- ha detto il presidente- Ho verificato il testo, non vedo elementi ostativi alla funzione che ricopro e alla prosecuzione della seduta odierna. Non trovo accoglibile il richiamo al regolamento e ribadisco che se verrà presentata una richiesta di revoca con 24 firme verrà messa in calendario", ha concluso De Vito. 

"Vicinanza umana, ma inopportunità politica". Le opposizioni di centrodestra e centrosinistra in Assemblea capitolina chiedono un passo indietro al presidente Marcello De Vito, tornato oggi in Aula dopo la revoca dei domiciliari in attesa del processo che si terrà a dicembre. Mentre la ex dissidente M5S Cristina Grancio ha abbandonato in polemica l'Assemblea, i rappresentanti di Fdi e Pd hanno invitato De Vito a riflettere sulla possibilità di lasciare il proprio ruolo.

"Non si può far finta di niente di fronte a un momento così importante per l'Aula. Diversamente da quanto accaduto in altri momenti per altre forze politiche, io non abbandonerò l'Aula", ha detto il capogruppo di Fratelli d'Italia, Andrea De Priamo. "Nel momento in cui lei torna a presiedere l'Aula, ribadendo che dal punto di vista umano siamo contenti di vederla, la invitiamo a riflettere sul mantenere il ruolo di presidente dell'Assemblea capitolina.

Per motivi politici, e non umani, oggi mi sento di chiederle e di valutare l'opportunità politica della sua permanenza come presidente dell'aula. Noi firmeremo la revoca". Come detto in capigruppo, ha aggiunto il presidente del gruppo Pd, Giulio Pelonzi, "sottolineiamo la comprensione della vicenda umana e ci auguriamo il meglio per la persona, con ampia fiducia nella magistratura. Anche noi come gli altri gruppi ci preoccupiamo del profilo politico-istituzionale del presidente dell'Assemblea in un momento delicato come questo, in cui ci avviciniamo alla riforma di Roma Capitale. Ci interroghiamo sull'opportunità dello svolgimento del suo ruolo con un processo da affrontare, e la invitiamo anche noi a riflettere".

"Vi ringrazio e prendo atto delle vostre considerazioni. Grazie dell'appunto e del richiamo ai doveri della mia funzione, che accolgo certamente", la replica di De Vito. Al momento, ha spiegato il presidente, "non c'è alcuna istanza di revoca con 24 firme, laddove ci dovesse essere sarà cura della presidenza calendarizzarla nei termini di regolamento". 

 


ARTICOLI CORRELATI
"Con quei guadagni si potrebbero riqualificare i cimiteri che a oggi, in alcuni casi, versano in condizioni di profondo degrado"
"La situazione di caos a Roma sul settore dei rifiuti è dovuta a una carenza di pianificazione, che compete all'assessorato"
Le spese di staff e consulenze ad assessorati e Giunte salgono costantemente, dall'8% speso nel 2016 al 39% del 2017 fino al 53% del 2018
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
L’obiettivo era eliminare il leader della Lega per via giudiziaria. Dando per scontato, a torto, che lui non avesse alcuna contromossa
Data di pubblicazione: 2020-01-21 11:22:19
2
Dai mezzi pubblici al blocco auto fino ai rifiuti, la Città Eterna non sa più a che santo votarsi. Ma il sindaco pensa a pedonalizzare San Giovanni in Laterano
Data di pubblicazione: 2020-01-19 09:59:59
3
"Una situazione che ormai è diventata atavica e crea disservizi su mobilità e viabilità a oltre 200 mila residenti e cittadini"
Data di pubblicazione: 2020-01-20 18:16:47
4
Caos Gregoretti, la maggioranza terrorizzata dall’effetto sulle Regionali diserta il voto in Giunta. E poi inventa una narrazione che mistifica la realtà
Data di pubblicazione: 2020-01-22 09:33:29
5
A spiegare le ragioni dei consiglieri M5S che hanno votato contro la linea dell'amministrazione è stata la 'leader dei ribelli' grillini Simona Ficcardi
Data di pubblicazione: 2020-01-21 18:53:49
1
M5S in rivolta per la discarica a Valle Galeria, il sindaco con le spalle al muro scappa. E, come sempre, i Romani pagano l’incapacità della giunta grillina
Data di pubblicazione: 2020-01-05 10:27:40
2
La procedura di gara "a doppio oggetto", che prevede la creazione di una società a capitale misto pubblico-privato, è stata ritenuta legittima dai giudici amministrativi
Data di pubblicazione: 2020-01-18 19:35:52
3
Affermazioni incaute ma sostanzialmente fondate sulla pagina Facebook dell’Istituto. E nelle reazioni, a torto, domina lo scandalo
Data di pubblicazione: 2020-01-17 08:04:00
4
Il Comune di Roma è ormai nel caos per la gestione dei rifiuti e la Regione Lazio si dice pronta a commissariare la Sindaca
Data di pubblicazione: 2020-01-04 16:02:58
5
"Una discarica a soli 2 km dal sito dove per oltre 40 anni ha funzionato la vecchia discarica è follia con un danno commesso sull'ambiente e sulla salute dei residenti"
Data di pubblicazione: 2020-01-01 16:42:31
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]