È DAVVERO UN SISTEMA MERITOCRATICO?
I rider: le ruote senza garanzie delle grandi aziende milionarie
Questa nuova categoria di lavoratori senza tutele è al centro dell'attenzione di giornali, sindacati e perfino del cinema

Li vediamo sfrecciare per le strade a tutte le ore, coperti da strati di tute plastiche, con i loro zaini cubici, sotto la pioggia battente e magari anche contromano. Sono i rider, e da qualche anno, hanno conquistato l'attenzione di giornali e sindacati.

Anche l'attore e regista Pif sta girando un film con un rider protagonista, racconta al Corriere, “per farli sentire meno soli”. Perché questa categoria di lavoratori, figlia di nuove possibilità offerte dalla tecnologia e dalle start up, sono soli in un gigantesco caso di vuoto legale. Lavorano a cottimo, senza tutele assicurative, assistenza sanitaria o una retribuzione minima. Secondo il regista siciliano la soluzione non è boicottare le app ma stabilire garanzie.

Alcuni dati

Secondo Agi 1dal 1 gennaio al 25 ottobre 2019, sono 25 gli incidenti che hanno coinvolto i fattorini del delivery food, 4 di loro hanno perso la vita, 21 sono rimasti feriti di cui 6 in prognosi riservata.

Lunedì sera l'inchiesta Report di Rai tre si è occupata di questa categoria, rivelando dettagli sconcertanti: i ragzzi che consegnano a domicilio possono essere geo-localizzati mezz'ora prima dell'inizio del turno a loro insaputa e se restano feriti o impossibilitati a proseguire il lavoro durante una consegna...l'algoritmo li elimina. No, non è la trama di un film di fantascienza distopico ma le nuove frontiere dello sfruttamento.

L'inchiesta ha rivelato che quasi tutte le aziende hanno il loro distretto principale in Inghilterra e Spagna, e quasi tutti i loro bilanci sono in perdita. Solo “Just it” secondo Report, ha un utile più alto delle sue perdite. Dunque per restare ancora in piedi...hanno bisogno di chi pedala per loro.

Questi colossi aziendali da cifre milionarie come Glovo e Uber Eats aumentano i loro fatturati milionari facendo leva sullo sforzo di una massa lavoro per loro intercambiabile e anonima.

Al centro della questione giuridica il pagamento a cottimo, quindi l'apparente o reale indipendenza del lavoratore genera un meccanismo mentale che nasconde lo sfruttamento e lo slogan “Manager di te stesso” è una trappola in cui il lavoratore cade perché in una condizione di precariato e insicurezza.

La rivoluzione paradossale: app e pedali

Come fu per il vapore, e per ogni rivoluzione industriale, ci dice un esperto commercialista intervistato da Report, sono i lavoratori a rimetterci per portare avanti un progresso economico e tecnologico. Nuove mete del progresso "impongono" nuovi sfruttamenti.

Non è la "modernità" ne la tecnologia che qui si va ad accusare, ma l'assenza di tutele giuridiche al passo con figure professionali amministrate da combinazioni matematiche dell'informaitca. E allora la nuova sfida della nostra epoca è conciliare tecnologia ed etica del lavoro.

Leggi anche: 

Roma, lavoro: strisciano il badge e scoprono che l’azienda chiude

Forza, “Forza Italia”: prendi atto che il tuo tempo è finito ed esci di scena


ARTICOLI CORRELATI
A cancellare i limiti precedenti fu il governo dei “tecnici”, guidato da Mario Monti. Con la solita scusa: la competizione economica va in questa direzione e non si può fermare
"Erano schiavi di un software che in base al punteggio li faceva lavorare di più o di meno, senza orari"
“Le tanto vituperate case chiuse avevano due elementi di sicurezza: quella sanitaria e quella fiscale"
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
L'occasione è quella di celebrare il grande artista a cento anni dalla sua nascita
Data di pubblicazione: 2020-01-22 09:25:04
2
Tra i due, secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, c'erano stati diversi diverbi in passato, sempre per questioni condominiali
Data di pubblicazione: 2020-01-22 15:18:03
3
La polizia indaga sull'incendio che ha portato all'evacuazione di uno stabile in via Atteone
Data di pubblicazione: 2020-01-24 12:29:55
4
"L'organizzazione criminale si sarebbe insediata fino a comandare una costante e pervasiva rete di spaccio"
Data di pubblicazione: 2020-01-20 09:26:15
5
Chili di cocaina, eroina, hashish e marijuana sequestrati. Sette arresti, fra cui un tunisino già agli arresti domiciliari per spaccio
Data di pubblicazione: 2020-01-22 10:20:11
1
L'occasione è quella di celebrare il grande artista a cento anni dalla sua nascita
Data di pubblicazione: 2020-01-22 09:25:04
2
Il 53enne aveva perso il figlio, i parenti erano preoccupati per le sue condizioni psicologiche
Data di pubblicazione: 2020-01-08 10:13:07
3
I Carabinieri li hanno inseguiti, bloccati in via Fadda e arrestati. Con loro avevano il perfetto kit da ladri con guanti, corde, torce, cacciaviti, forbici e scaldacollo
Data di pubblicazione: 2020-01-11 16:00:14
4
Fabrizio Piscitelli è stato ucciso il 7 agosto scorso con un colpo di pistola alla testa su una panchina del parco degli Acquedotti
Data di pubblicazione: 2020-01-12 20:50:32
5
La regolare percorrenza sarà garantita solo fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20
Data di pubblicazione: 2020-01-11 20:46:01
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]