CRONACA
Roma, Discoteca Factory: preso secondo autore stupro, era addetto alla sicurezza
Di rientro dalla Tunisia, è stato arrestato ieri notte all'Aeroporto di Fiumicino: era il "buttafuori" della discoteca

Gli agenti della Squadra Mobile di Roma, precisamente la IV Sezione specializzata nella lotta ai reati di violenza di genere, hanno arrestato nella mattinata di oggi il secondo presunto aggressore accusato di stupro di gruppo.

Il presunto responsabile della violenza è un tunisino di 35 anni. All’epoca dei fatti l'uomo lavorava come "buttafuori" all’interno della discoteca romana Factory Club.

La vicenda dello stupro

La violenza è avvenuta nella notte fra il 18 e il 19 Maggio 2019 nella discoteca "Factory Club" di Roma nord. Una ragazza di 21 anni è stata soccorsa in stato di shock dopo aver subito l'abuso sessuale da parte di 3 uomini all’interno del locale, mentre era in corso una serata di musica con centinaia di partecipanti.

Subito dopo la denuncia della vittima, grazie al coordinamento della Procura di Roma, la Squadra Mobile ha arrestato un ragazzo di 25 anni, di nazionalità romena. Anche il primo responsabile arrestato lavorava all'interno della discoteca romana come buttafuori. 

Il secondo uomo accusato di violenza sessuale è un tunisino di 35 anni.

Era vestito come un addetto alla sicurezza del locale e vedendolo arrivare ho pensato che "mi avrebbe salvato, invece ha infierito con crudeltà", ha raccontato con precisione e dovizia di particolari, nonostante il trauma subito, la giovane vittima dello stupro, riguardo il 35enne. Ricordi terribili che si sono rivelati però importantissimi per consentire agli uomini della Squadra Mobile di Roma di individuare due dei tre responsabili dello stupro.

Molto forti le parole della ragazza quando racconta di aver sperato per un momento di ricevere aiuto da questo “uomo della sicurezza” e invece di essere stata abusata anche da lui.

Le indagini

Partendo dalla descrizione fornita dalla ragazza, la Polizia ha condotto indagini su tutto il personale di sicurezza e di servizio che lavorava nella discoteca. Le informazioni sono state poi integrate con le testimonianze raccolte dai molti giovani presenti nella discoteca, grazie anche ai video girati durante la serata di musica e festa.

E’ stato così individuato come autore della violenza un tunisino di 35 anni assunto regolarmente come "buttafuori" della discoteca.

La fuga in Tunisia

Pochi giorni dopo la denuncia di stupro di gruppo da parte della vittima e la conseguente pressione mediatica sulla vicenda, il "buttafuori" aveva lasciato velocemente l’Italia per rientrare in Tunisia. La fuga non è bastata perché le prove raccolte dalla Polizia sono schiaccianti: il DNA dell’uomo è stato ritrovato sulla vittima e sugli abiti che indossava la notte della violenza di gruppo.

Il rientro in Italia e la cattura all’aeroporto di Fiumicino

Nella notte del 1 Novembre 2019, probabilmente convinto che ormai non ci fossero più indagini a suo carico visti i molti mesi trascorsi, il 35enne "buttafuori" ha fatto ritorno in Italia dalla Tunisia. Rientro andato male perché all’Aeroporto di Fiumicino lo stava attendendo la Squadra Mobile di Roma e la Polizia di Frontiera.

L’uomo è stato arrestato grazie all’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Roma. Attualmente l’uomo si trova nel carcere romano di Regina Coeli.

Continua incessantemente il lavoro delle forze dell’ordine per arrestare anche il terzo e ultimo aggressore.

 

Leggi anche:

Lamorgese contro Salvini: usando i dati sugli sbarchi per dribblare il problema

A Palermo Paolo Borsellino e Giovanni Falcone "Crocifissi" su un manifesto


ARTICOLI CORRELATI
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
La 57enne tedesca ha riferito alla Polizia di vivere di elemosina e di recarsi ogni notte nel parco per dormire. Ecco il primo identikit del violentatore
Si tratta di Simone Borgese, un romano di 30anni che ha confessato
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
La stessa mozione è stata votata oggi anche dal Comune di Fiumicino. Grande segno di antirazzismo e solidarietà alle vittime di odio razziale
Data di pubblicazione: 2020-01-24 16:30:09
2
Non tendono a diminuire i valori delle polveri sottili nell'atmosfera capitolina. E' stata disposta quindi la limitazione della circolazione nei prossimi giorni
Data di pubblicazione: 2020-01-24 18:45:30
3
Ferito un uomo di 39 anni che è stato medicato in ospedale, arrestato il vicino 71enne
Data di pubblicazione: 2020-01-24 08:23:44
1
L'occasione è quella di celebrare il grande artista a cento anni dalla sua nascita
Data di pubblicazione: 2020-01-22 09:25:04
2
Tra i due, secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, c'erano stati diversi diverbi in passato, sempre per questioni condominiali
Data di pubblicazione: 2020-01-22 15:18:03
3
"L'organizzazione criminale si sarebbe insediata fino a comandare una costante e pervasiva rete di spaccio"
Data di pubblicazione: 2020-01-20 09:26:15
4
Chili di cocaina, eroina, hashish e marijuana sequestrati. Sette arresti, fra cui un tunisino già agli arresti domiciliari per spaccio
Data di pubblicazione: 2020-01-22 10:20:11
5
La polizia indaga sull'incendio che ha portato all'evacuazione di uno stabile in via Atteone
Data di pubblicazione: 2020-01-24 12:29:55
1
L'occasione è quella di celebrare il grande artista a cento anni dalla sua nascita
Data di pubblicazione: 2020-01-22 09:25:04
2
Il 53enne aveva perso il figlio, i parenti erano preoccupati per le sue condizioni psicologiche
Data di pubblicazione: 2020-01-08 10:13:07
3
I Carabinieri li hanno inseguiti, bloccati in via Fadda e arrestati. Con loro avevano il perfetto kit da ladri con guanti, corde, torce, cacciaviti, forbici e scaldacollo
Data di pubblicazione: 2020-01-11 16:00:14
4
Fabrizio Piscitelli è stato ucciso il 7 agosto scorso con un colpo di pistola alla testa su una panchina del parco degli Acquedotti
Data di pubblicazione: 2020-01-12 20:50:32
5
La regolare percorrenza sarà garantita solo fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20
Data di pubblicazione: 2020-01-11 20:46:01
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]