FRASETTE DA TALK SHOW
“Roma non è mica Gotham City…” Il capo della Polizia ci rassicura così
La battuta, probabilmente, è una replica a Salvini e ai suoi toni allarmistici dopo l’uccisione di Luca Sacchi. Ma il degrado sta aumentando davvero, a cominciare dalla droga

Com’è che si dice? “Con tutto il rispetto”.

E con tutto il rispetto, allora, commentiamo le parole del Capo della Polizia, Franco Gabrielli. Il quale, a margine del terribile omicidio di Luca Sacchi se ne è uscito con questa sconcertante dichiarazione: «Che Roma abbia i suoi problemi credo che nessuno lo disconosca, ma arrivare a rappresentare la nostra capitale come Gotham City…».

Con tutto il rispetto, non ci sembra un parallelo appropriato. Per esempio: se il sistema fognario funzionasse male e per le strade della città ci fossero tre dita di acqua (per di più in aumento, e di acqua non proprio pulitissima) non è che ci si potrebbe trarre d’impaccio osservando che, suvvia, “mica è l’alluvione di Firenze…”.

E quindi con un po’ meno di rispetto, ma solo per essere più chiari, diciamolo senza mezzi termini: ma che razza di paragone è?

A Roma c’è una situazione allarmante. Che tale rimane anche se altrove, indubbiamente, ci sono realtà dove le cose vanno ancora peggio. A proposito: realtà, non luoghi di fantasia come Gotham City. Ma su questo non ci vogliamo dilungare: diciamo solo che bisognerebbe davvero smetterla con questa pseudo brillantezza da talk show. Con questo modo “cabarettistico” di tacitare gli attacchi altrui. Con questa tentazione vanitosa di piazzare la frasetta stringata e stuzzicante in stile Twitter.

Verrebbe quasi da augurarselo, almeno da parte degli alti funzionari della Pubblica amministrazione: un po’ di ritrovato grigiore, please.

Ma adesso, invece, concentriamoci sulla vita reale.

La droga dilaga: e insieme alla droga…

Meno di due settimane fa il Messaggero ha scritto quanto segue: “Secondo l’annuale report sulla criminalità, stilato da Il Sole 24 Ore utilizzando i dati del Viminale, la ‘città eterna’ sarebbe al primo posto per reati legati alla produzione, al traffico e allo spaccio di stupefacenti: oltre 5.000 le denunce, 117,6 ogni 100mila abitanti. Un record che coincide con l’incremento del 10,9% dei reati denunciati rispetto all’anno precedente e dipende sia dalla diffusione dello spaccio sia dalle misure messe in campo per far emergere e contrastare questi fenomeni criminali”.

Al di là delle cifre, d’altronde, la percezione collettiva è quella di una città dove si è sempre più costretti a convivere fianco a fianco con la criminalità: vedi, a proposito di droga, il dilagare delle piazze di spaccio. Giusto ieri, su Repubblica, è stata pubblicata con grande risalto un’intervista a un poliziotto di lunghissimo corso come Antonio Del Greco. Che oggi ha 66 anni e durante i suoi 43 anni di servizio è stato, tra l’altro, dirigente della Omicidi qui a Roma, occupandosi di casi notissimi come l’omicidio del “Canaro”, la cattura di “Johnny lo zingaro” e il delitto di via Poma. Nonché della Banda della Magliana.

Il titolo è un virgolettato che non forza minimamente il contenuto, ma si limita a fotografarlo con la dovuta durezza: “Non ci sono più bande. La capitale è in balia di ragazzi fuori di testa”.

Classifiche a parte, il messaggio è tanto netto quanto drammatico: si è avviato un processo di degrado che è destinato ad aggravarsi ulteriormente.

Dice Del Greco: «Il crollo dei prezzi allo spaccio e il consumo capillare rendono oggi questo mercato l’incubatore della violenza di questo tempo. La droga scatena appetiti incontenibili in chi la tratta all’ingrosso e al minuto. E sta modificando il modo di stare al mondo dei ragazzi e dei marginali che questa città ha sempre avuto».

Statistiche a parte, ci interessano le tendenze. Ci interessa il futuro verso il quale stiamo andando.

“Mafia capitale”. Ergastolo ostativo. Pessimi segnali nella lotta al crimine

Regionali Umbria, le cronache di Narni e la prospettiva del cambiamento

 


ARTICOLI CORRELATI
Il 24enne è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa la notte del 23 ottobre scorso davanti al pub John Cabot, nella zona di Colli Albani
Valerio Del Grosso continua a rifiutarsi di rispondere agli inquirenti. Però il suo avvocato dichiara ai media che è dispiaciuto e che “ha chiesto scusa”
Lo fa sapere il prefetto di Roma Gabrielli: "Chi accende un rogo va perseguito"
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
L'occasione è quella di celebrare il grande artista a cento anni dalla sua nascita
Data di pubblicazione: 2020-01-22 09:25:04
2
Tra i due, secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, c'erano stati diversi diverbi in passato, sempre per questioni condominiali
Data di pubblicazione: 2020-01-22 15:18:03
3
La polizia indaga sull'incendio che ha portato all'evacuazione di uno stabile in via Atteone
Data di pubblicazione: 2020-01-24 12:29:55
4
"L'organizzazione criminale si sarebbe insediata fino a comandare una costante e pervasiva rete di spaccio"
Data di pubblicazione: 2020-01-20 09:26:15
5
Chili di cocaina, eroina, hashish e marijuana sequestrati. Sette arresti, fra cui un tunisino già agli arresti domiciliari per spaccio
Data di pubblicazione: 2020-01-22 10:20:11
1
L'occasione è quella di celebrare il grande artista a cento anni dalla sua nascita
Data di pubblicazione: 2020-01-22 09:25:04
2
Il 53enne aveva perso il figlio, i parenti erano preoccupati per le sue condizioni psicologiche
Data di pubblicazione: 2020-01-08 10:13:07
3
I Carabinieri li hanno inseguiti, bloccati in via Fadda e arrestati. Con loro avevano il perfetto kit da ladri con guanti, corde, torce, cacciaviti, forbici e scaldacollo
Data di pubblicazione: 2020-01-11 16:00:14
4
Fabrizio Piscitelli è stato ucciso il 7 agosto scorso con un colpo di pistola alla testa su una panchina del parco degli Acquedotti
Data di pubblicazione: 2020-01-12 20:50:32
5
La regolare percorrenza sarà garantita solo fino alle 8.30 e dalle 17 alle 20
Data di pubblicazione: 2020-01-11 20:46:01
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]