CONFLITTO TURCO - CURDO
Facebook starebbe oscurando diverse pagine pro - curdi. Le testimonianze
Diverse testate di informazione denunciano il blocco di pagine Facebook che in questi giorni hanno scritto o postato contenuti filo - curdi

Nelle ultime ore diverse pagine Facebook pro-curdi sono state bloccate: lo denunciano tra le altre le testate di informazione "Contropiano", e "DinamoPress", che parlano di "stupidità degli algoritmi intelligenti'" e di "censura".
In un comunicato i responsabili di "Contropiano - Giornale comunista online" dichiarano: "La nostra pagina Facebook è stata nascosta, al pari di decine di altre che in questi giorni ha scritto o postato contenuti filo-curdi e contro Erdogan. La frase che 'giustificherebbe' questa decisione - si legge ancora - è di singolare stupidita': 'Sembra che un'attività recente sulla tua Pagina non rispetti le Condizioni delle Pagine Facebook'.

In pratica avrebbero dovuto scrivere: 'non sappiamo neanche noi perché la tua pagina sia stata bloccata, perché abbiamo creato degli algoritmi ciechi che scattano automaticamente quando incontrano certe parole o foto'".
'Dinamopress' invece fa sapere che vari contenuti della pagina sono stati segnalati e invita i propri lettori a "esprimere il proprio dissenso contro questo atto di censura e di attivarsi in tutti i modi possibili affinche' la difesa degli spazi di libertà si trasformi in una battaglia politica".

Secondo le due testate sono state oscurate in particolare le pagine: MilanoInMovimento, GlobalProject, Ya Basta Edi Bese Infoaut e Binxet - Sotto il Confine. In quest'ultima, riferisce 'Contropiano', contiene anche "il documentario di Luigi D'Alife che racconta la resistenza del Rojava e le responsabilità dell'Europa nelle atrocità del confine turco-siriano. Con la voce narrante di Elio Germano, il video aveva già superato il mezzo milione di visualizzazioni".

Secondo la testata, "sono state chiuse anche molte pagine della Rete Kurdistan, del centro culturale Ararat. Nei mesi scorsi erano inciampati nella censura 'artificialmente intelligente' anche la campagna Rojava Calling. Facebook, qualche giorno dopo, bloccò una vignetta di Zerocalcare con la scritta Cizira-Botan Resiste, per denunciare il massacro di Cizre dell'esercito turco contro uomini, donne e bambini (28 morti ed oltre 100 feriti).

Stessa sorte per il profilo di Davide Grasso, autore di Hevalen, di ritorno dal fronte in Rojava contro l'Isis". Ma anche nel resto del mondo, prosegue la nota, "non si contano le censure a pagine di supporto alla lotta dei curdi contro l'Isis (nel 2015 il sito francese Streetpress denuncio' la censura della campagna Fuck Daesh, support Pkk)".

'Contropiano' sottolinea infine che anche Instagram starebbe colpendo la propaganda filo-curda, bloccando il reporter Michele Lapini "per una foto scattata durante il corteo in solidarieta' con il popolo curdo svoltosi a Bologna mercoledí 9 ottobre.
Nell'immagine- scrivono i responsabili- si vedeva infatti uno striscione con su scritto 'Erdogan assassino'. Alla protesta del reporter il social ha risposto nel solito modo: 'viola gli standard in materia di persone e organizzazioni pericolose'".

Conclude la nota: "Facebook, Instagram e gli altri social che in questi giorni stanno oscurando migliaia di pagine solidali con il popolo curdo sotto l'attacco di Erdogan costituiscono il tentativo di creare un campo delle opinioni ammissibili a livello mondiale che prescinde dalle ragioni dei conflitti in atto.
Facebook aveva ricevuto diversi consensi quando aveva deciso la chiusura delle pagine di CasaPound e Forza Nuova. Noi, da antifascisti militanti, avevamo visto l'assurdità di un 'antifascismo' affidato ad una società informatica di dimensione globale. Quegli stessi algoritmi, infatti, 'punivano' sia i siti fascisti che quanti scrivono per condannare e combattere il fascismo".
(Alf/Bol/ Dire) 


ARTICOLI CORRELATI
La letteratura di viaggio consente di viaggiare, rimanendo comodamente seduti sul divano di casa. Non è poco, come si può ben intuire
Il consigliere Stefano Oddo torna in piazza insieme a Roma Nord e Contro Tempo
Emma Bonino ha pubblicato un video sulla pagina Facebook di +Europa in occasione della giornata mondiale contro la violenza sulle donne
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Conte ha radunato attorno ad un tavolo i proprietari de 'La Pecora elettrica' e del 'Baraka bistrot', distrutti da alcuni roghi nelle scorse settimane
Data di pubblicazione: 2019-11-18 10:57:44
2
A finire in manette sono stati un 39enne romano, già conosciuto alle forze dell’ordine, e una ragazza romana di 35 anni, incensurata
Data di pubblicazione: 2019-11-17 13:05:27
3
La ragazza è stata raggiunta dagli agenti che sono entrati all'interno dell'appartamento, hanno iniziato una trattativa con la giovane nel tentativo di tranquillizzarla
Data di pubblicazione: 2019-11-18 18:02:22
4
LA PROPOSTA DI LEGGE PER IL BENESSERE ANIMALE Animali domestici: il giudice deciderà l'affido per le coppie separate
L'attenzione giuridica verso il mondo animale cresce, e gli animali potrebbero essere tutelati come figli
Data di pubblicazione: 2019-11-17 14:24:35
5
L'uomo era riuscito ad aprire a nome di persone ignare, 15 conti correnti, attraverso la presentazione di documenti di identità falsi presso gli sportelli di varie agenzie
Data di pubblicazione: 2019-11-18 12:15:57
1
Nello scontro frontale tra due veicoli, una donna di 47 anni è deceduta e la figlia 14enne che era a bordo con lei si trova in codice rosso al Sandro Pertini
Data di pubblicazione: 2019-11-13 10:34:06
2
Il 24enne è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa la notte del 23 ottobre scorso davanti al pub John Cabot, nella zona di Colli Albani
Data di pubblicazione: 2019-11-04 21:47:41
3
La mamma risiedeva nel centro storico della città, nel quartiere Castello e il figlio era con lei
Data di pubblicazione: 2019-11-15 18:50:21
4
Dall'omicidio del "re del caffè" Palombini al sequestro dell'Axa: una vita da delinquente
Data di pubblicazione: 2019-11-06 08:04:46
5
Ancora spari nel mezzo del traffico della città. I cittadini si sentono abbandonati dalle Istituzioni, e invocano misure straordinarie di sicurezza
Data di pubblicazione: 2019-11-15 12:56:00
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]