SPECCHIETTI PER LE ALLODOLE
Taglio dei parlamentari:un contentino alla (giusta) ostilità per gli "onorevoli"
Per il M5S è un punto irrinunciabile e difficilmente il PD potrà sottrarsi. Ma i meccanismi e gli abusi del Potere non ne risentiranno affatto

Nessun dubbio: come cittadini siamo esasperati, e schifati, dalla classe politica nel suo insieme. Da un lato perché ci ha portati alla situazione odierna, di degrado economico e sociale: dall’enorme debito pubblico all’abbattimento dei diritti dei lavoratori, dai trattati capestro sottoscritti in sede UE alla miriade di favoritismi per le rispettive clientele. Eccetera eccetera eccetera.

Ma dall’altro, e ancora di più, perché questa oligarchia travestita da élite non si è mai assunta la responsabilità della sua pessima gestione. Anzi: essendo a corto di successi da poter vantare, si è auto attribuita il merito di aver evitato che le cose andassero ancora peggio. E per di più si è mascherata, e assolta, inscenando una serie di “nuovi inizi”: partiti che cambiano nome, la Prima Repubblica che si reinventa nella Seconda e che si accinge a riciclarsi nella Terza, leader (si fa per dire) e comprimari e scartine che si avvicendano in modo da far pensare che ci sia un continuo rinnovamento. E quindi, bufala delle bufale, un continuo miglioramento.

Stando così le cose, è del tutto naturale che molti di noi siano smaniosi di ottenere un qualsiasi tipo di rivalsa. Non potendosi liberare in un sol colpo di questi usurpatori della sovranità popolare, per sostituirli in blocco con individui migliori e davvero votati a quel “bene comune” che viene tanto citato quanto tradito, si finisce però con l’accontentarsi di troppo poco. Vedi i tagli ai vitalizi, nel recente passato. E vedi la riduzione del numero dei parlamentari che sembra ormai alle porte.

Una soddisfazione che è perfettamente comprensibile sul piano psicologico. Ma che è profondamente sbagliata su quello politico.

Dietro la cosiddetta “Azienda Italia”

L’errore è guardare alle persone. Senza capire che si tratta solo di rotelle e rotelline all’interno di meccanismi molto più ampi. E molto meno evidenti.

Quelli che noi vediamo sedere in Parlamento, e negli altri organismi elettivi, sono solo l’equivalente dei manager e dei funzionari di un’azienda. Ma dietro di loro ci sono i veri centri decisionali. Il consiglio di amministrazione, che si riunisce chissà dove. Gli azionisti di maggioranza, che non sono necessariamente italiani. La succitata azienda, la cosiddetta Azienda Italia, è in effetti parte di una holding. Di una multinazionale.

Dare una sforbiciata agli organigrammi, perciò, non cambia affatto la natura della “corporation” e le sue possibilità di perseguire – di continuare a perseguire – i propri scopi.

Eliminare un po’ di deputati e senatori è molto più una gratificazione emotiva che un successo sostanziale. La vera guerra al carrierismo dei politici di professione, o dei politicanti di mestiere, va combattuta assai prima che approdino a Montecitorio o a Palazzo Madama. La trincea su cui fermarli è nelle assemblee di sezione, nelle strutture locali, là dove i futuri “onorevoli” muovono i primi passi della loro futura ascesa a ruoli di maggior rilievo. Più vantaggiosi per loro. Più dannosi per noi.

E su questa mancata vigilanza, magari, è il caso che un esame di coscienza ce lo facciamo anche noi cittadini, se in un modo o nell’altro gli attuali parlamentari li abbiamo sostenuti. O comunque non ostacolati. Non fermati per tempo.


ARTICOLI CORRELATI
È legge la riforma-simbolo del M5S. Ora scattano le strategie pre-referendum, ma il provvedimento è un’assicurazione sulla vita della legislatura
Siamo al rush finale e il finale sembra già scritto: un “luminoso” futuro con 230 deputati e 115 senatori in meno. Bene per il bilancio. E stop
"Non passa giorno che Roma non sia la vetrina del mondo per emergenze. E loro che fanno? Si divertono, giocano, scherzano pubblicando stornelli sul blog del comico. Pagliacci"
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Chi oggi chiede alla Raggi di andarsene dovrebbe avere la decenza di presentare un'alternativa o metterci la faccia
Data di pubblicazione: 2019-10-15 17:33:05
2
Roberto Giachetti, deputato di Italia Viva, da poco uscito dal Pd, è intervenuto alla kermesse di presentazione del nuovo partito di Matteo Renzi
Data di pubblicazione: 2019-10-14 12:57:10
3
A Napoli il “garante” del M5S ha evocato scenari mondiali inquietanti. Ma per il segretario PD la sola cosa che conta è che la loro joint venture prosegua
Data di pubblicazione: 2019-10-14 19:08:43
4
Polemiche su Quota 100 e nuove tasse, mentre resta aperto il nodo coperture. E la Ue attende il Documento Programmatico di Bilancio
Data di pubblicazione: 2019-10-14 22:10:06
5
"Raggi, ora basta! Non è solo uno slogan, ma il grido di una città sfinita. Servizi al collasso, dai rifiuti ai trasporti, dalle mense al trasporto disabili"
Data di pubblicazione: 2019-10-17 15:32:54
1
"Ama ha ora la possibilità di avere di nuovo degli sbocchi dove collocare i rifiuti e oggi il nuovo amministratore farà un piano per i prossimi giorni"
Data di pubblicazione: 2019-10-04 14:47:02
2
Per il M5S è un punto irrinunciabile e difficilmente il PD potrà sottrarsi. Ma i meccanismi e gli abusi del Potere non ne risentiranno affatto
Data di pubblicazione: 2019-10-03 08:15:18
3
Impietosa analisi del familismo e dei suoi nessi con la mentalità mafiosa...
Data di pubblicazione: 2019-10-06 07:37:40
4
Chi oggi chiede alla Raggi di andarsene dovrebbe avere la decenza di presentare un'alternativa o metterci la faccia
Data di pubblicazione: 2019-10-15 17:33:05
5
Matteo Salvini, è arrivato in piazza del Campidoglio per partecipare alla manifestazione dei militanti del Carroccio contro la sindaca di Roma, Virginia Raggi
Data di pubblicazione: 2019-10-04 11:49:09
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]