118 E DISINFORMAZIONE
Roma. Emergenza 118, Ares Lazio: Più maleducazione in quartieri "bene" città
"La maleducazione, l'arroganza, la disinformazione riguarda proprio tutti. Al 118 abbiamo la possibilità di toccarla con mano ad ogni soccorso"

"Non c'è niente da fare, la maleducazione, l'arroganza, la disinformazione riguarda proprio tutti. Al 118 abbiamo la possibilità di toccarla con mano ad ogni soccorso. C'è chi si tappa le orecchie quando passiamo in sirena, c'è chi ci accoglie con la solita frase: 'Eh, quanto ci avete messo' (più o meno urlata), c'è chi dopo 6 minuti, in un quartiere 'bene', a meno di un chilometro di distanza dall'ospedale si 'stanca di aspettare' e decide di portare il figlioletto direttamente al pronto soccorso, senza tuttavia disdire la chiamata, mentre noi ci scapicolliamo correndo da un'altra parte della città".

Lo scrive su Facebook Francesca Perri, dirigente medico di Ares 118 Lazio e sindacalista di Anaao-Associazione nazionale medici dirigenti del sistema sanitario nazionale. "C'è perfino chi, sempre in un quartiere 'bene', ci chiede di partire subito o di spegnere i motori- prosegue la dirigente- perché disturbiamo il sonno a mezzanotte, senza sapere cosa si sta facendo nel vano sanitario.

C'è chi crede che il 118 sia un servizio taxi e pretende di salire in ambulanza coi familiari, con le valigie, con il cane. Insomma è un mondo variegato, ma piuttosto turbolento, con una disinformazione che rasenta l'analfabetismo, che colpisce di più se ciò viene da persone che si considerano 'bene'.

La gente non sa da dove parte l'ambulanza, non sa la distinzione fra i codici colore, che valgono anche per il 118, non sa che esistono ambulanze con e senza medico, non sa che esistono delle procedure diverse, non sa che da quando c'è il numero unico 112 i tempi di risposta, con la doppia intervista, si sono allungati, non sa che al 118 ci sono soltanto 70 medici per tutta la Regione".

Paradossalmente, però, racconta sempre Perri, capita che "chi ha veramente bisogno ed è in genere poco facoltoso, per non dire povero, sia molto più educato e trovi il fiato per ringraziare gli equipaggi per tutto quello che fanno, con molta dignità", conclude. (Cds/Dire) 


ARTICOLI CORRELATI
Circa 50 famiglie si sono accampate in via Casale di San Nicola a La Storta, davanti all'ex scuola Socrate
"Terzo mondo? No: Ponte Mammolo, periferia romana" - la denuncia del MoVimento 5 Stelle IV Municipio Roma
Una lettera del sindaco Marino ai ministri Alfano e Lorenzin. Ma dal PD smentiscono e invitano a "non creare allarmismi"
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
"Riteniamo vergognoso che in pieno periodo di feste una stazione strategica come Barberini continui a rimanere chiusa al pubblico"
Data di pubblicazione: 2019-11-12 18:33:55
2
L'incidente di stamani a Centocelle è solo l'ultimo episodio di una lunga serie: sono molti i pedoni rimasti uccisi o gravemente feriti nelle strade di Roma
Data di pubblicazione: 2019-11-12 20:56:23
3
IL VIDEO DELLE STRADE COME TORRENTI A MATERA Da Venezia a Matera: l'Italia flagellata da tempeste e burrasche VIDEO
In queste ore il maltempo sta imperversando sull'Italia intera, causando danni e paura ovunque
Data di pubblicazione: 2019-11-12 15:34:22
1
La dinamica è stata ricostruita grazie alle immagini delle telecamere di videosorveglianza interne al bar
Data di pubblicazione: 2019-11-12 08:18:11
2
Accade a 50 dipendenti di un’azienda di televendite di gioielli. Quest'assurda vicenda è lo specchio di una crisi molto più profonda
Data di pubblicazione: 2019-11-12 08:24:36
3
"Nel giro di dieci mesi dall'apertura abbiamo superato i 200 posti letto attivi e un incremento dei pazienti al Pronto soccorso
Data di pubblicazione: 2019-11-11 17:25:27
4
"Gentilissima sindaca, desideriamo portare alla Sua attenzione  la seguente situazione..."
Data di pubblicazione: 2019-11-10 10:19:59
5
Abbagli della rieducazione “auspicatissima”. Il pluriomicida Antonio Cianci è stato liberato per dodici ore. Appena fuori, poco ci è mancato che uccidesse un anziano per rapinarlo
Data di pubblicazione: 2019-11-11 08:21:42
1
Il 24enne è stato ucciso con un colpo di pistola alla testa la notte del 23 ottobre scorso davanti al pub John Cabot, nella zona di Colli Albani
Data di pubblicazione: 2019-11-04 21:47:41
2
Dall'omicidio del "re del caffè" Palombini al sequestro dell'Axa: una vita da delinquente
Data di pubblicazione: 2019-11-06 08:04:46
3
Bilancio tragico per l'incidente avvenuto sulla Roma-Fiumicino: perde la vita una giovane ragazza. Traffico il tilt, bloccata la tratta in direzione Fiumicino
Data di pubblicazione: 2019-11-04 19:20:10
4
Ennesimo caso di violenza a Cinecittà Est: rapinatori prendono in ostaggio il cassiere armati di coltello. L'esasperazione dei residenti è alta
Data di pubblicazione: 2019-11-08 10:30:37
5
Di rientro dalla Tunisia, è stato arrestato ieri notte all'Aeroporto di Fiumicino: era il "buttafuori" della discoteca
Data di pubblicazione: 2019-11-02 17:04:44
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]