L'EDITORIALE
Scioperi dei trasporti e disagi. Senza mai chiedersi il perché
Troppo spesso ci domandiamo quali sono le conseguenze di una protesta, ma ne ignoriamo le motivazioni

Fino a che ora passa la metro? Ci sono le fasce di garanzia? I treni ci sono? Tante, forse troppe, domande e incertezze accompagnano puntualmente gli scioperi del trasporto pubblico nella nostra città. Ci preoccupiamo, giustamente, di arrivare a lavoro e di arrivarci in tempo, ma quasi mai ci chiediamo perchè una categoria di lavoratori ha deciso di ricorrere allo strumento dello sciopero. Delle agitazioni ci interessano gli effetti e le conseguenze sulla nostra routine quotidiana e non le ragioni che ci sono dietro.

Alzi la mano chi conosce le motivazioni della protesta che ha ieri ha interessato il trasporto pubblico locale a Roma per quattro ore, dalle 12,30 alle 16,30. Eppure, nell'era del 4G non ci vorrebbe molto a rintracciare in rete comunicati, volantini e altro che spieghino perchè lo sciopero è stato proclamato. In un volantino dei sindacati confederali, ad esempio, si legge che "le criticità non risolte dei vari segmenti del settore stanno infatti determinando una perdita di efficienza del sistema produttivo italiano e stanno compromettendo il futuro delle lavoratrici e dei lavoratori dei trasporti con il rischio di ulteriori perdite di posti di lavoro qualora non si intervenisse rapidamente".

Ognuno di noi può essere d'accordo o meno con le motivazioni di una protesta, ma lamentarsi dei disagi arrecati senza farsi domande su come mai un gruppo più o meno grande di lavoratori abbia deciso di incrociare le braccia rischia di essere un assist formidabile per chi da anni invoca, neanche troppo velatamente, limitazioni al diritto di sciopero. Che uno sciopero crei disagi è inevitabile ed è insito nell'azione stessa di scioperare: nelle fabbriche il disagio è dell'imprenditore, che vede rallentare la produzione industriale, ma nel settore dei servizi gli effetti non possono non ricadere sui cittadini. Su quei cittadini che in una società, e soprattutto in una città, meno improntata all'individualismo dovrebbero chiedersi prima di tutto perchè altri cittadini hanno deciso di creare un disagio.  

Calcio. Lazio, Milinkovic Savic a un passo dal Manchester United

Rifiuti, Salvini: "Perché per ripulire Roma bisogna mandare fuori i rifiuti?"


ARTICOLI CORRELATI
Regolari i bus extraurbani regionali e quelli periferici in città. Confermata l'agitazione in Atac
Agitazioni indette da Usb e Orsa. Servizio garantito da inizio servizio alle 8,30 e dalle 17 alle 20

Al via lo sciopero di 24 ore accompagnato da un corteo. Tutti i motivi della protesta
I PIU' LETTI IN ECONOMIA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Al momento si applicano solo nei rapporti interbancari. Ma secondo l’ad di Unicredit andrebbero estesi ai clienti, se hanno depositi oltre i 100mila euro
Data di pubblicazione: 2019-10-04 09:19:46
2
Inchiesta del Fatto Quotidiano: terreni destinati “ad attività sportive” in procinto di essere ceduti a società che mirano solo a espandere i profitti
Data di pubblicazione: 2019-10-10 08:53:59
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]