SI AVVICINANO LE ELEZIONI
L'angolo dell'umanista: il momento della scelta
Siamo nell’imminenza delle elezioni europee e ad un punto di snodo per il nostro futuro. Bisogna scegliere

Perché non possiamo non dirci “europei”, così potrebbe essere variato il famoso detto-guida di Benedetto Croce relativo al perché non possiamo non dirci “cristiani”, che diede il titolo al suo grande saggio del 1942. Siamo nell’imminenza delle elezioni europee e ad un punto di snodo per il nostro futuro. Bisogna scegliere. Scegliere, intanto, se accettare la svolta reazionaria imposta dal sovranismo populista o se rimanere fermi ai valori liberali e di tolleranza che hanno caratterizzato l’Europa nel corso della sua storia.

E chi volesse riflettere sul nostro grande passato (anche italiano), e sulla risorsa che esso costituisce per il nostro futuro, può trovare, da poco uscito nelle librerie come volume singolo, il saggio di Massimo Cacciari, “La mente inquieta. Saggio sull’Umanesimo” (Einaudi), in cui, con notevole sapienza esegetica, vengono tratteggiate le coordinate spirituali della grande epoca rinascimentale, nella quale l’Italia (da Dante e Petrarca, a Machiavelli e Giordano Bruno, passando per Leonardo e Michelangelo) giocò un ruolo da protagonista.

Ma le cose non accadono per caso. Come non fu un caso il fascismo del secolo passato, così non lo è, oggi, la reazione di pancia del sovranismo populista, di chi pensa che il problema, oggi, siano gli immigrati o gli stranieri. Ovvero, il liberalismo e soprattutto quella sua variante particolarmente aggressiva che è il neo-liberismo, hanno un punto cieco. E questo i Macron e i Renzi sembrano non averlo capito.

Se c’è chi guadagna milioni di euro l’anno e chi, per mangiare, rovista nei cassonetti, c’è qualcosa che non va e le persone, seppure, in modo confuso e oscuro, lo capiscono. Spetterebbe alla cultura socialdemocratica, anch’essa un frutto dell’Europa, farsi carico della lotta legata alle disuguaglianze sociali. In ciò consiste la sfida, per quanto concerne il futuro del nostro continente. 

 


ARTICOLI CORRELATI
Dal secondo dopoguerra, l’Italia non ha mai avuto un Presidente della Repubblica né un Presidente del Consiglio di sesso femminile
Nessuno, come Goethe, ha dimostrato la possibilità e l’esistenza di un’altra Germania
Con i social network la capacità di indirizzare e controllare le menti è diventata capillare
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Siamo di fronte alla drammatica situazione nella quale versa la più grande azienda di trasporto pubblico locale d’Italia
2
Da un lato si auspica una generosità quasi sovrumana. Dall’altro, si va a braccetto coi potenti
3
"La Capitale è l’unica città della Ue dove l’automobilista, che ha avuto la gentilezza di rallentare, viene ringraziato"
4
Cittadini e utenti sono presi d’assalto all’aeroporto di Fiumicino da noleggiatori più o meno regolari e abusivi
5
Sembra un secolo fa ma sono passati pochi anni dall'avvento della gestione Unicredit e degli "americani"...
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]