OSSESSIONE SICUREZZA
L'angolo dell'umanista: La ricetta della paura
In Italia, paese umanamente generoso ma assai confuso per quanto concerne la politica, è stata appena approvata la legge sulla legittima difesa

Autori come Freud e Elias Canetti ci hanno insegnato che non impazziscono soltanto gli individui, ma anche le società. Eventi come la Shoah e i Gulag, o le due Guerre Mondiali del secolo scorso, ne sono la testimonianza.

Nell’epoca attuale ciò avviene attraverso l’ossessione paranoica per la sicurezza. Gli Stati Uniti lo dimostrano. La vendita legale delle armi ha, come sua conseguenza letale e devastante, il succedersi delle stragi in luoghi pubblici di vario tipo ed anche in altri continenti ne sappiamo qualcosa.

Ma ciò avviene anche attraverso un bombardamento mediatico costante, sia tramite i notiziari che attraverso film e serie tv, che non fa che ripetere che il pericolo del Mostro può essere ovunque, che, dunque, un controllo sociale capillare è più che giustificato. Mentre si tratta di eventi per fortuna piuttosto rari nella realtà, il piccolo schermo ci restituisce l’idea che il mondo brulichi di serial-killers.

In Italia, paese umanamente generoso ma assai confuso per quanto concerne la politica, è stata appena approvata la legge sulla legittima difesa. Ciò si spiega con il contesto politico globale: la nascita di un populismo sovranista, che ha tra le sue massime ambizioni quella di spostare in senso reazionario l’asse repubblicano delle democrazie parlamentari dell’Occidente.

La volontà di mettere in crisi il frutto della Seconda guerra mondiale, quel bagaglio di libertà, guadagnato al prezzo di tanto sacrificio ed umano eroismo, appare evidente.

Rigurgiti razzisti, fascisti, nostalgia per l’uomo forte, desiderio di un ordine che risparmi agli uomini la fatica di pensare (nonché di leggere), disprezzo per le sinistre, la cultura, la competenza, l’Europa, addirittura la scienza. Fobie per l’Altro e il Diverso, in ogni sua forma e manifestazione, proprio nel momento dell’esplodere della rivoluzione digitale che non ha portato, evidentemente, nessuna liberazione.

La paura continua ad essere lo strumento principe per governare le menti deboli.


ARTICOLI CORRELATI
Il Sabato Lib(e)ro di Livia Filippi
Egli ci ha lasciato, testimonianze di una vita e di un pensiero unici, tra cui il Nobel nel 1981, perché unica era la mente e la linfa vitale che a essi dava impulso
Donna di grande magnetismo, si trasferì a Roma nel 1882
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Siamo di fronte alla drammatica situazione nella quale versa la più grande azienda di trasporto pubblico locale d’Italia
2
Da un lato si auspica una generosità quasi sovrumana. Dall’altro, si va a braccetto coi potenti
3
"La Capitale è l’unica città della Ue dove l’automobilista, che ha avuto la gentilezza di rallentare, viene ringraziato"
4
Cittadini e utenti sono presi d’assalto all’aeroporto di Fiumicino da noleggiatori più o meno regolari e abusivi
5
Sembra un secolo fa ma sono passati pochi anni dall'avvento della gestione Unicredit e degli "americani"...
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]