VENERDI' DI FUOCO
Roma, 8 marzo. Festa della donna, sciopero generale: la città si blocca
Un venerdì di fuoco, che infiammerà l'Italia intera da Nord a Sud nella giornata internazionale della donna

L' 8 marzo, nella giornata internazionale della donna, 'Italia al femminile - e non solo - sciopera e scende in piazza, e, al fianco della mobilitazione proposta da Non Una Di Meno e degli eventi proposti da Cgil, Cisl e Uil si fermano: trasporti locali, regionali, nazionali e aerei. Sciopero generale anche per il mondo della scuola, della ricerca e della sanità nazionale. A Roma, due le spinte propulsive dal mondo del lavoro al femminile: il corteo promosso da Non Una Di Meno e il seminario sulla contrattazione di genere organizzato da Cgil, Cisl e Uil.

Prima tappa della protesta sarà alle 9 al ministero della Salute, con le donne che metteranno al centro del presidio la qualità delle condizioni di lavoro di operatrici e operatori sanitari e la "richiesta di consultori e ospedali laici, aperti e finanziati, senza obiettori". Seguendo lo sciopero generale indetto da Cobas, domani si fermerà anche tutto il personale dipendente del settore sanitario nazionale, garantendo però "adeguati livelli di funzionamento dei servizi pubblici mediante l'erogazione delle prestazioni indispensabili".

Alle 10,30 la protesta targata Non Una Di Meno si sposterà al ministero del Lavoro per richiedere "un salario minimo europeo, un welfare universale, congedi retribuiti e obbligatori per una maternita' veramente condivisa; contro la discriminazione delle donne nel mercato del lavoro e la disparita' salariale". Alle 17 invece, l'apertura del corteo in piazza Vittorio. La manifestazione passerà per via Carlo Alberto, piazza Santa Maria Maggiore, via Liberiana, piazza dell'Esquilino. E ancora, via Cavour e via dei Fori Imperiali, fino alla meta di piazza Madonna di Loreto.

Sul carro femminista saliranno diversi sindacati, ad eccezione di Cgil, Cisl e Uil che hanno deciso di dar vita a un'iniziativa unitaria nazionale. Alle 9,30 al Policlinico Umberto I (aula A di patologia generale, ingresso via Regina Elena) partirà infatti l'evento 'Si chiamerà Futura. La contrattazione di genere protagonista del cambiamento', a cui parteciperanno Susanna Camusso per Cgil, Annamaria Furlan, segretaria generale Cisl, e Ivana Veronese, segretaria confederale Uil.

"Il dibattito politico e sociale degli ultimi mesi è stato caratterizzato dal tentativo di rimettere in discussione anche le conquiste e i diritti che le donne hanno con fatica e determinazione raggiunto nel corso di decenni", così in una nota congiunta i tre sindacati. Il ministero dei Trasporti annuncia diverse possibili proteste al livello nazionale, dal trasporto ferroviario a quello aereo.

Il personale Alitalia sarà in sciopero dalle 10 alle 14, altre compagnie si fermeranno invece per 24 ore. Trenitalia sciopererà da mezzanotte alle 21, garantendo però servizi essenziali (dalle 6 alle 9 e dalle 18 alle 21) tra cui, treni regionali, Leonardo Express (Roma Termini- Fiumicino) e Frecce. Anche l'Anas, sotto la sigla sindacale Cobas, si fermerà per 24 ore. Roma, in materia trasporti, farà il 'pienone' di scioperi: Ama, Atac, Cotral e Roma Tpl.

Ama, dal canto suo, assicura "servizi minimi essenziali e prestazioni indispensabili", mentre Atac prevede "chiusure e deviazioni per le linee: 16, 51, 70, 71, 75, 85, 87, 118, 360, 590, 649 e 714. Inoltre, nel caso si rendesse necessaria la chiusura di piazza Venezia, via del Corso, via del Plebiscito, via del Teatro Marcello e via Cesare Battisti deviazioni anche per le linee H, 30, 40, 44, 46, 60, 62, 63, 64, 80, 81, 83, 160, 170, 492, 628, 715, 716, 781 e 916".

Sempre sotto le sigle di Cobas e Usb, Cotral fa sapere che vi sarà "astensione delle prestazioni lavorative dalle 8,30 alle 17 e dalle 20 a fine servizio. Saranno però garantite tutte le partenze fino alle 8,30". Si aggiungerà poi anche lo sciopero dei taxi, dalle 8 alle 22. A fermarsi domani anche il sistema scolastico, con diverse sigle sindacali coinvolte: Usi, Usb Confederazione, Cobas con adesione dell'Anief, Cub Confederazione Unitaria di base e Sgb.

La redazione DireDonne dell'Agenzia di Stampa Dire, infine, indice lo 'sciopero delle parole', pubblicando lanci tutti fotografici. Dalle 18,30 presso la sede di Roma dell'agenzia, serata di letture di Alda Merini, Antonia Pozzi e Emily Dickinson, coordinata da Emilio Fabio Torsello, giornalista e fondatore di 'La Setta dei Poeti estinti' e dall'attrice Maria Sabia. L'ingresso sarà libero fino a esaurimento posti. (Dire)


ARTICOLI CORRELATI
Basta chiamare il numero 06.66464094 per prenotare una visita di: dermatologia, chirurgia vascolare, chirurgia plastica e allergologia
"Le casse comunali da una parte pagano per i posti vuoti nei comunali e dall'altra pagano per i nidi in convenzione, non si può andare avanti così"
Migliaia di donne e uomini hanno oggi manifestato a Roma per dire "basta alla violenza sulle donne" (diretta video FB)
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]