ANGHERIE E VESSAZIONI
Roma, domestico ridotto in schiavitù dai padroni di casa
L'uomo, un bengalese di 40 anni, sarebbe stato costretto a subire violenze e umiliazioni per sei anni

Sono stati rinviati a giudizio dal giudice Andrea Fanelli con le accuse di violenze domestiche e lesioni i due imprenditori romani che avrebbero ridottò in schiavitù un domestico in servizio presso la loro villa a ridosso del parco dell'Appia Antica. L'uomo, un quarantenne bengalese, avrebbe subito angherie e vessazioni per sei anni, al punto da essere ricoverato due volte, fino al 2016, quando decise di di esporre denuncia.


Il racconto del domestico schiavizzato

"Sono stato assunto nel 2009 per lavorare 4 ore al giorno, ma lavoravo tutto il giorno, tutti i giorni", ha raccontato il domestico agli inquirenti". "Ho sopportato ogni umiliazione finché ho potuto - ha rivelato l'uomo - perché non volevo rinunciare a un tetto per me e mia moglie, ma anche a un contratto di lavoro. Tant'è che avevo taciuto quando sono stato morso dai cani, ma degli schiaffi in faccia non ne potevo più. Quando mi hanno bastonato mentre raccoglievo le olive, nell'autunno dello scorso anno, ho sporto denuncia e mi sono licenziato". 


Roma, bengalese di 40 anni ridotto in schiavitù da due imprenditori

Il bengalese, assunto con contratto da domestico a tempo indeterminato e con assegnazione di una depandance con 5 stanze, avrebbe subito un trattamento da servo, soggetto a ceffoni, umiliazioni e spesso fatto inseguire da tre cani. Inoltre, sarebbe stato costretto a coltivare cavolfiori o marjuana: per ogni pianta che si ammalava sarebbero arrivate le strigliate dei padroni di casa.

 


Leggi anche:

Sant'Antonio Abate. Roma, festa animali a Parco Appia antica. Programma

Roma, Discarica abusiva sopra Appia Antica, una piramide di lordura


ARTICOLI CORRELATI
Natura, archeologia, storia, arte, cultura e stili di vita sostenibili, sapori e tradizioni della Campagna Romana
Hanno danneggiato la carrozzina ortopedica, imbrattato il muro esterno dell'abitazione dell'invalido, incendiato lo zerbino, per vendicare un loro amico, l'ex della badante
Una terribile vicenda che è stata finalmente stroncata dai Carabinieri, nell’ambito dell’operazione “Natale sicuro”
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
1
È accaduto ieri sera tra Massimina e Castel di Guido, illesi i passeggeri

2
Stefàno (M5S): "Si tratta di un progetto fondamentale per i quadranti Sud Ovest e Nord Est di Roma che sono sprovvisti di servizi del genere"
3
Ragazza di ventuno anni tenta il suicidio nel reparto di ematologia, è ricoverata al Sant'Eugenio

4
Molti residenti questa mattina non hanno potuto utilizzare la propria automobile

5
"Possiamo sapere chi gestirà l'ippodromo? Possiamo sapere di che morte dobbiamo morire?"
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]