SERIE A
Rabbia Lazio: la vittoria sfuma a pochi minuti dalla fine
La Lazio domina, passa in vantaggio ma la Juventus ribalta il match in pochi minuti. Decisivo il rigore di Cristiano Ronaldo a due minuti dal novantesimo.

Da una parte un grande rammarico dall’altra la consapevolezza di aver combattuto alla pari se non di più contro la Juventus. Da un lato la rabbia per aver penso una partita in pochi minuti dall’altro l’orgoglio di aver messo seriamente in difficoltà la squadra di allegri.

Una partita pressoché domina quella degli uomini di Simone Inzaghi che per 70 minuti pressano, aggrediscono i bianconeri nella propria mediana e che soprattutto esprimono un gioco di qualità, attraverso un ritmo altissimo, creando diverse occasioni.

Il primo tempo è solo ed esclusivamente a “marchio” Lazio. Di fronte a 65.000 spettatori è il club biancoceleste a dominare la prima frazione. Si parte subito con un destro dalla distanza di Correa che Szczesny respinge. Pochi minuti e il portiere polacco si ripete su Luis Alberto. Lazio che preme.

Grande occasione per Parolo al 38’ che scocca un tiro a botta sicura da dentro l’area ma ancora una volta Szcesny è prodigioso con una parata a mano aperta che salva il risultato. “El Tucu” Correa ispirato serve Ciro Immobile che salta con un bel pallonetto il portiere bianconero ma sulla linea salva Rugani spazzando via il pallone.

Si chiude la prima frazione e il secondo tempo si apre con il meritato vantaggio biancoceleste. Al 59’ Luis Alberto da calcio d’angolo trova la deviazione sfortunata di Emre Can: è l’autogol che vale il vantaggio Lazio. Sulle ali dell’entusiasmo Ciro Immobile a la palla del match ball, ancora Correa serve un assist al bacio per il numero 17 che però davanti al portiere in uscita apre troppo il piatto e spara largo.

Il calcio è strano, il calcio è spietato.

Allegri manda dentro Federico Bernardeschi e Cancelo che ribaltano completamente la gara. Al 74’ Bernardeschi punta e salta Bastos sulla sinistra, cross al centro dell’area per Dybala che calcia di prima intenzione trovando la respinta corta di Strakosha, sul pallone vagante arriva Cancelo che trova la rete con un tiro chirurgico all’angolino. La Juventus al primo affondo pareggia.

Minuto 88’ e il risultato è rovesciato. Azione ancora una volta di Federico Bernardeschi che cerca in area Cancelo trattenuto in area da Lulic: Guida fischia il calcio di rigore. Sul dischetto Cristiano Ronaldo che non sbaglia e fa impazzire i tanti tifosi bianconeri accorsi all’Olimpico.

Ultima occasione dal limite su punizione di Milinkovic Savic che però manda alto sopra la traversa.

Si chiude così un match emozionante e incredibile. La Lazio perde una grande occasione dopo aver espresso un ottimo calcio per lunga parte del match. Prossimo impegno per i ragazzi di Inzaghi Giovedì  a San Siro contro l’Inter per i Quarti di Finale di Coppa Italia.

IL TABELLINO: LAZIO-JUVENTUS 1-2
Lazio (3-5-2): Strakosha; Bastos (45' st Neto), Wallace, Radu; Parolo, Luis Alberto (36' st Berisha), Leiva, Milinkovic, Lulic; Correa, Immobile (38' st Caicedo). A disp.: Proto, Guerrieri, Durmisi, Silva, Cataldi, Badelj, Murgia. All.: S. Inzaghi 6
Juventus (4-3-3): Szczesny; De Sciglio, Bonucci (41' Chiellini), Rugani, Alex Sandro; Emre Can (15' st Bernardeschi), Matuidi, Bentancur; Douglas Costa (25' st Cancelo), Dybala, Ronaldo. A disp.: Perin, Pinsoglio, Spinazzola, Fagioli, Kean. All. Allegri 6,5
Arbitro: Guida
Marcatori: 14' st aut. Emre Can (L), 29' st Cancelo (J), 43' st rig. Ronaldo (J)
Ammoniti: Emre Can (J), Leiva (L), Matuidi (J), De Sciglio (J), Rugani (J), Chiellini (J), Milinkovic-Savic (L)

 


ARTICOLI CORRELATI
Decisiva la rete del centravanti croato, in una partita sporca e tenuta in piedi dai miracoli di Robin Olsen
La favola che vi raccontiamo oggi è questa: "C’era una volta la Serie A". Una storia che ha inizio negli anni Novanta...
Caro klose, siamo in due a lasciare la Lazio. Tu rappresenti gli ultimi 5 anni ma la sua storia è assai più lunga, ed è anche la mia storia...
I PIU' LETTI IN SPORT I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
All'Olimpico il quarantennale della vittoria del primo scudetto
2
Il giocatore era rientrato dal Pescara, che ha acquistato la metà di Caprari
3
Stasera torna il Derby del Cuore. Attori, cantanti e calciatori di Roma e Lazio si sfidano per solidarietà
4
Confermata la IAAF Gold Label per la quarantesima edizione della RomaOstia
5
Il tecnico francese annuncia l’esclusione di Totti dai convocati, mentre torna Balzaretti
1
Al Palazzo dello Sport i capitolini superano i campani per 91-64 con una prova d'autorità; sabato prossima sarà decisiva l'ultima gara della stagione a Legnano per decidere la promozione
2
Per i ragazzi di Bucchi è arrivato il momento decisivo: una vittoria sabato consegnerebbe la promozione
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]