SCEMPIAGGINI
Roma, manifesti antisemiti: Lazio, Napoli, Israele. Stessi colori, merde
I manifesti, su sfondo giallorosso, sono apparsi questa mattina in alcuni quartieri della Capitale, a firma di "Balduina Roma"

"Lazio, Napoli, Israele. Stessi colori, stesse bandiere. Merde". È il testo dei manifesti antisemiti comparsi questa mattina in alcuni quartieri della Capitale a firma di 'Balduina Roma', su sfondo giallorosso. Le scritte sono comparse proprio mentre i tifosi della Lazio festeggiavano i 119 anni di storia della società capitolina.

Sul fatto è intervenuto anche il portavoce della Lazio, Arturo Diaconale: "Quando lo scorso anno all'interno della curva Sud dello stadio Olimpico di Roma comparvero alcune figurine lasciate da alcuni tifosi della Lazio con l'immagine di Anna Frank nei panni di tifosa della A.S. Roma, scattò una ondata di indignazione nazionale ed internazionale alimentata dai media cartacei, televisivi e radiofonici di mezzo pianeta tesa a dipingere l'intera tifoseria laziale in una massa di neo-nazisti antisemiti da condannare per l'eternità.

Oggi che lungo le strade della Capitale compaiono manifesti con sopra la scritta 'Lazio, Napoli, Israele, stessi colori, stesse bandiere, merde', non scatta alcuna forma di indignazione e di condanna". "Nessuno vuole giustificare le scempiaggini a sfondo razziale su Anna Frank di alcuni tifosi laziali con l'evidente scempiaggine di alcuni tifosi romanisti".

Ma si vuole mettere "in evidenza l'assurdità della regola dei due pesi e delle due misure adottata da giornali ed emittenti imbevuti di quel pensiero unico che si scandalizza per il presunto razzismo degli altri, ma è incapace di riconoscere il proprio", aggiunge Diaconale.
"La vicenda si presta ad una considerazione precisa. Il razzismo va condannato in tutte le sue forme, ma anche la cretinaggine e la strumentalizzazione politica meritano altrettanto!", conclude il portavoce della Lazio. (Dire)  (Foto di repertorio)


ARTICOLI CORRELATI
Intervista esclusiva al responsabile della comunicazione della S.S. Lazio Arturo Diaconale che parla degli obiettivi societari biancocelesti, lo stadio di proprietà e molto altro
E intanto, chi dimostra solidarietà al popolo palestinese viene aggredito, come a Roma il 1 Luglio
Il responsabile della comunicazione della Lazio sbotta con i fischietti italiani
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
1
Sottrasse il portafogli del ciclista, il cui corpo, privo di vita, era ancora incastrato sotto le ruote del camion
2
Non solo il dolore per la scomparsa del loro amato, ma anche l'insopportabile peso dello spregevole gesto
3
A dare l'allarme è stato un residente che, alle 4.30  circa della notte ha avvistato dal balcone di casa la sagoma del corpo che giaceva a terra
4
Si punta a realizzare 34 nuovi progetti nel triennio 2019-2021
5
Una sequenza di immagini viste anche da una piccola folla di persone che con il fiato sospeso...
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]