TRA LEGALITÀ E RETORICA
Roma. Contro la pirateria: al Maxxi l’atto finale di “Peers say no”
Il vessillo è quello della difesa della proprietà intellettuale, sorvolando però sul ruolo di chi ci specula sopra

Condivisibile per un verso. Discutibile per l’altro. Come accade sempre, o quasi, quando si parla di pirateria online solo per liquidarla come una condotta illegale.

L’iniziativa, in questo caso, si rivolge prevalentemente ai più giovani e si chiama “Peers say no”. Un progetto che è cofinanziato dalla UE, attraverso l'ufficio per la proprietà intellettuale, e che avrà il suo atto finale venerdì prossimo, con appuntamento alle 11 presso il Maxxi. I promotori italiani sono invece Adiconsum, l’associazione nazionale di consumatori che fu avviata dalla Cisl nel 1987, Consumedia, Skuola.Net e l’istituto comprensivo Via Micheli di Roma che riunisce cinque plessi suddivisi tra Elementari e Medie inferiori.

L'obiettivo dell'iniziativa, come riportato sul sito della stessa Adiconsum, è “informare e rendere consapevoli i ragazzi sull’importanza della proprietà intellettuale anzitutto per la sicurezza e la qualità della vita quotidiana, ma anche per la ricerca scientifica e medica, per il progresso tecnologico, per la produzione culturale, la moda, il design, l’intrattenimento.

Senza questa tutela, si corrono pericoli, si perdono posti di lavoro, chiudono le aziende. Ma c’è in gioco un valore ancora più importante: l’educazione alla legalità, che è una parte fondamentale della formazione dei ragazzi. Conoscere e rispettare le leggi, i doveri ed i diritti di ciascuno così come difendersi dagli abusi, sono competenze di importanza strategica per la vita personale e professionale. Le scelte di consumo hanno un risvolto etico ed un impatto individuale e sociale che è fondamentale far comprendere”.

Contro la pirateria: uno schema da rivedere

Messa così, c’è ben poco da eccepire. Quello che va aggiunto, tuttavia, è che dietro il vessillo (sacrosanto) della proprietà intellettuale si muove anche molto altro. E non sempre con ragioni adamantine e degne, per chi allarghi lo sguardo al di là delle odierne prescrizioni di legge, della massima tutela.

La contrapposizione secca tra proprietari-buoni e pirati-cattivi è troppo schematica, e ignora del tutto che non di rado l’utilizzo della creatività si è trasformato in mercificazione spinta e votata al massimo profitto: fino a rendere la “pirateria” una soluzione semi obbligata per chi era interessato a una certa opera, a cominciare da quelle musicali, ma non disponeva del denaro necessario ad acquistarla legalmente.

Parlando di “proprietà intellettuale”, inoltre, si tende a dare l’idea che si stiano difendendo sempre e comunque gli interessi degli artisti o degli inventori di turno. Mentre spesso, invece, si stanno proteggendo le grandi imprese che hanno acquisito i diritti di sfruttamento: cosa che giuridicamente non è certo vietata, allo stato attuale delle normative, ma che pone la questione in una luce alquanto diversa. Anche perché sarebbe interessante verificare, caso per caso, se la stessa sensibilità che si reclama da parte del pubblico sia stata dispiegata, in precedenza, nei confronti dei musicisti etc. che hanno ceduto quei diritti all’industria, o alla multinazionale, di turno.

Insomma: etica e legalità non sono sinonimi. E tacciare di pirateria tutti quelli che “rubacchiano” online a mero uso personale, e quindi senza alcuno scopo di lucro, è sostanzialmente un’iperbole.


ARTICOLI CORRELATI
Roma, convention tra i maggiori partiti nazionalisti europei
Domani sarà inaugurata la mostra "Non basta ricordare". Saranno esposte oltre 200 opere.
Il Maxxi (Museo nazionale delle arti del XXI secolo) festeggia tutte le donne offrendo loro l'ingresso gratuito per le sue sette mostre in corso
I PIU' LETTI IN ECONOMIA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Se desiderate conoscere la quotazione del vostro oro in tempo reale Sami-oro.com vi permette di farlo online e in pochissimi secondi
2
Il Corn Dog è un tipico e sfizioso snack statunitense, originario dei primi anni ’20 e divenuto famoso nel secondo dopoguerra
3
Premiato per la sua sicurezza e sostenibilità, lo pneumatico P7 Blue è nato in verità nel 2012 come un modello ad alte prestazioni
4
L'Italia è un paese vecchio, a rischio la sostenibilità del nostro sistema pensionistico
5
Il vessillo è quello della difesa della proprietà intellettuale, sorvolando però sul ruolo di chi ci specula sopra
1
Ecco come funziona, i vantaggi e chi può richiedere il Microcredito
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]