BARACCOPOLI
Piano rom, il Campidoglio vuole chiudere anche il campo di Castel Romano
Agli abitanti sarà offerto un bonus casa fino a 800 euro al mese, oppure si proverà con la formula dei "rimpatri volontari assistiti"

L'obiettivo del Campidoglio è smantellare la più grande baraccopoli della Capitale: l'insediamento di Castel Romano, a due passi dalla Pontina, una delle statali più trafficate (e pericolose) d'Italia, vicino al grande outlet meta di tanti turisti e romani a caccia di affari a prezzi ribassati.


La giunta di Virginia Raggi è pronta all'azione. Dopo aver sbaraccato i container del Camping River sulla Tiberina, ora l'obiettivo è lo sgombero delle baracche della Pontina, dove vivono, stando all'ultimo censimento, oltre un migliaio di nomadi, perlopiù romeni e slavi. A loro, sarà offerto un bonus casa, vale a dire un assegno mensile fino a 800 euro, per massimo due anni, per trovarsi un appartamento in affitto e mollare la roulotte.

Ovviamente l'assegno è previsto solo per le famiglie a basso reddito. Altrimenti, per chi viene dalla Romania, si proverà con la formula dei «rimpatri volontari assistiti». È già avvenuto per una quarantina di ospiti del River, tornati in Transilvania, con l'assicurazione che Palazzo Senatorio avrebbe continuato a mandare, un po' per volta, bonifici per 3mila euro all'anno. Poco o niente per vivere in Italia, ma un buon gruzzolo per le campagne romene, dove lo stipendio medio non supera i 400 euro al mese.

Virginia Raggi ha chiesto ai suoi un'accelerazione su Castel Romano, e la delibera dovrebbe essere votata in giunta subito dopo Capodanno

Al confine con Pomezia e a oltre 30 chilometri dal centro di Roma, il campo di Castel Romano è balzato varie volte agli onori delle cronache, non certo per episodi meritori: furti, rapine - anche ad opera di baby gang - e ancora roghi tossici e massi killer scagliati dai cavalcavia sulla Pontina.

Le baracche si sviluppano per oltre 40mila metri quadri, divise in quattro cittadelle. L'insediamento è nato nel 2005 per accogliere le famiglie sgomberate dal campo abusivo di vicolo Savini. Tra il 2010 e il 2012, il villaggio è stato allargato, per ospitare i rom sfrattati dagli insediamenti della Martora e di Tor de' Cenci. Oggi le condizioni sono pessime, e le abitazioni sono rappresentate da container vecchi e arrugginiti, all'interno dei quali gli spazi sono insufficienti e le condizioni igieniche molto approssimative


ARTICOLI CORRELATI
E' la fotografia scattata dalla Commissione parlamentare d'inchiesta sulle condizioni di sicurezza e sullo stato di degrado delle città e delle loro periferie
Sono stati distrutti 12 container, ognuno dei quali, pagato con il denaro pubblico, è costato tra i venti e i venticinquemila euro
Roberto Torre del CdQ: "Anche se il fenomeno si intensifica di notte, in questo quartiere non si respira in ogni momento della giornata"

I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
1
"Preferirei che a consegnare la pizza fosse un driver italiano", la postilla discriminatoria allegata all'ordine
2
"È inaccettabile che i pronto soccorso dei nostri ospedali siano trasformati in bivacchi"
3
"Non risultano ambulanze ferme, sono in trattamento 14 codici rossi, l'affluenza rientra nei limiti e l'organico in servizio e quello previsto dalle normative"
4
Tutti coloro che vivono nello stabile hanno sottoscritto l'impegno a lasciare lo stabile entro mercoledì

5
Stefàno (M5S): "Si tratta di un progetto fondamentale per i quadranti Sud Ovest e Nord Est di Roma che sono sprovvisti di servizi del genere"
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]