ARMA SOLIDALE
Acilia, Carabinieri invitano a pranzo pensionato ridotto in schiavitù
L’uomo era caduto in una infida trappola architettata da quelli che, un tempo, erano suoi amici e vicini di casa

Quello di Santo Stefano, è stato un altro bel giorno per il pensionato di Acilia oggetto di un periodo di angherie e soprusi, e che i Carabinieri sono riusciti a liberarlo dalla brutta storia. Proprio oggi, infatti, i Carabinieri hanno voluto fortemente farlo sedere alla propria tavola, per condividere il pranzo di Santo Stefano e anche per festeggiare la fine del suo incubo.

In particolare, l’uomo era caduto in una infida trappola architettata da quelli che, un tempo, erano suoi amici e vicini di casa: una coppia di romani, che in passato l’aveva anche aiutato economicamente quando stavano attraversando un momento di difficoltà.

Ben presto, però, l’aiuto si è tramutato in pretesa, al punto che l’anziano, soggiogato dalla coppia, era costretto a corrispondere loro l’intera pensione minacciando, in caso di ritardo nei pagamenti, l’intervento di un fantomatico giudice pronto a fargli perdere la titolarità del suo appartamento.

Non bastasse ciò, la coppia ha costretto l’anziano ad andare a chiedere l’elemosina di fronte ad una farmacia di Acilia, le cui somme venivano giornalmente ritirate dai due.

I Carabinieri della Stazione di Acilia, avuto sentore di questa drammatica situazione di sottomissione, hanno avviato una serie di servizi di appostamento nei pressi della farmacia per verificare quanto giunto alle loro orecchie, documentando le vessazioni imposte dai coniugi al povero pensionato. La vittima, inoltre, era indotta a chiedere l’elemosina anche nei giorni in cui doveva sottoporsi a dialisi, nonostante le condizioni fisiche precarie e le conseguenze della mancata importante terapia cui doveva sottoporsi.

La donna, individuata proprio durante la consegna di denaro da parte dell’anziano, è stata immediatamente arrestata dai Carabinieri.

Nei giorni scorsi anche il marito della donna è stato arrestato a seguito dell’attività d’indagine; il Magistrato, infatti, ha pienamente concordato con le risultanze investigative dei Carabinieri e quindi ha disposto la misura cautelare in carcere anch’egli con l’accusa di riduzione in schiavitù aggravata.


ARTICOLI CORRELATI
Una terribile vicenda che è stata finalmente stroncata dai Carabinieri, nell’ambito dell’operazione “Natale sicuro”
Venticinque appartamenti inagibili e 67 persone sfollate dopo le fiamme divampate all'ex Hotel Parco Costanza

Lo straordinario incontro del Santo Padre con un ristretto gruppo di sacerdoti nelle parole di chi c'era
I PIU' LETTI IN CRONACA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
"L'autista della linea 716 che la mattina del 16 agosto ha tentato di impedire l'ingresso nel bus a una persona di colore non può rimanere al suo posto"
Data di pubblicazione: 2019-08-18 23:33:36
2
"Parteciperemo ai funerali di Fabrizio come nel nostro stile, in assoluto silenzio, rispetto e compostezza. Onoreremo così il volere dei familiari" scrivono in un comunicato diffuso in rete gli Irriducibili Lazio
Data di pubblicazione: 2019-08-19 00:17:56
1
Il fatto drammatico è avvenuto questa sera in via Lemonia, nel Parco degli Acquedotti. Sarà la direzione Antimafia a indagare sull'omicidio
Data di pubblicazione: 2019-08-07 20:01:51
2
In un altro esercizio denunciati il titolare per frode in commercio e un addetto alla sicurezza perché in possesso di un manganello telescopico
Data di pubblicazione: 2019-08-03 16:22:55
3
La demolizione della Tangenziale è solo un tassello del grande disegno di trasformazione dell'area intorno alla stazione Tiburtina. Ecco come cambierà
Data di pubblicazione: 2019-08-05 15:25:44
4
Apre i battenti la spiaggia sul lungotevere Dante, voluta dalla Raggi
Data di pubblicazione: 2019-08-03 18:09:39
5
"La maleducazione, l'arroganza, la disinformazione riguarda proprio tutti. Al 118 abbiamo la possibilità di toccarla con mano ad ogni soccorso"
Data di pubblicazione: 2019-08-11 22:03:53
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]