MENO AUSPICI, PIÙ SOLUZIONI
Emergenza rifiuti. Cara Sindaca, non dipende solo dal rogo del Tmb
Virginia Raggi scarica la colpa sull’incendio e si rifugia nelle buone intenzioni. Che alla lunga, però, diventano chiacchiere

Se ci fermiamo all’immediato, Virginia Raggi dice cose sensate. Replica agli attacchi di questi ultimi giorni e si appella all’emergenza causata da un fatto imprevedibile, e forse addirittura doloso, come l’incendio del Tmb Salario.

“Ho letto dichiarazioni e articoli un po’ bizzarri – esordisce la Sindaca – È andato a fuoco un impianto che gestiva un quarto dei rifiuti indifferenziati di Roma Capitale, sulle cause c’è la magistratura che sta indagando”.

Premesso questo, si mostra giustamente pragmatica: “Io dico che bisogna risolvere il problema. La mia preoccupazione è che Roma sia pulita nel più breve tempo possibile”. E aggiunge: “Ho già sentito la cabina di regia che è stata costituita da Ama e dagli uffici tecnici del Comune e della Regione e so che stanno lavorando anche oggi per trovare la soluzione per gestire le tonnellate di rifiuti [non più assorbite dal Tmb Salario]”.

Emergenza rifiuti: la soluzione spetta a chi governa

Tutto vero. Ma a condizione, appunto, di limitarsi all’oggi. Se invece allarghiamo un po’ la prospettiva, allora le cose cambiano parecchio. E cambiano parecchio le valutazioni.

Allo stesso modo, dovrebbe cambiare l’atteggiamento di Virginia Raggi. Che sembra dimenticare un po’ troppo spesso che non è appena arrivata al Campidoglio, ma che al contrario ha ormai superato il giro di boa di metà mandato. Giunti a questo punto, ribadire gli obiettivi teorici non basta più.

Le stesse affermazioni che di per sé stesse sono ineccepibili, tipo la succitata “La mia preoccupazione è che Roma sia pulita nel più breve tempo possibile”, si sgonfiano miseramente di fronte alla realtà: la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti sono ancora ben lontani da una soluzione adeguata. E lo erano anche prima dell’incendio di martedì scorso.

La questione è complicatissima? Indubbiamente. Chi governa è tenuto a venirne a capo comunque? È indubbio anche questo. Trovare soluzioni è esattamente il compito principale di chi sta in cima. A un’azienda come a una pubblica amministrazione.

Chi svolge funzioni di vertice dovrebbe avere il coraggio di dirlo, almeno ogni tanto: “Su questo problema siamo ancora indietro”. Assumendosi poi la responsabilità del mancato raggiungimento dei traguardi prefissati.

L’impressione, invece, è che con l’andare del tempo anche i rappresentanti del M5S stiano assumendo il pessimo vizio dei loro predecessori. I quali scaricavano sempre la colpa dei propri insuccessi su qualcosa che non dipendeva da loro.

E le dichiarazioni di principio, allora, decadono a dichiarazioni di facciata.

Leggi anche:

Incendio TMB Salario. Quanta paura dobbiamo avere, della diossina?

Rifiuti a Roma, ecco cosa hanno fatto i cittadini a Tor Pignattara

Rogo Tmb Salario. Raggi chiede aiuto, Zingaretti glielo assicura


ARTICOLI CORRELATI
Fallita la bonifica per via amministrativa, si spera di raggiungere il risultato affidandosi ai pm
Intervista all'ex sindaco di Roma Gianni Alemanno ad un anno dall'elezione di Ignazio Marino
Villa Spada, Fidene, Serpentara, ma anche diverse zone del II Municipio. Sono queste le aree più colpite dall'impianto Tmb Salario
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
La sindaca sceglierà dove localizzare la discarica per evitare che la città a gennaio vada in emergenza igienico-sanitaria a causa della chiusura dell'impianto di Colleferro
Data di pubblicazione: 2019-12-04 20:15:24
2
Un luogo comune, rilanciato anche da Roberto Saviano in versione sardina. La vera paura, invece, non è per i metodi ma per i contenuti
Data di pubblicazione: 2019-12-02 11:50:11
3
Per il Premier anche i Ministri grillini sapevano, Di Maio furibondo tuona: “Decide il M5S se e come il trattato passa”. La crisi di Governo è vicina?
Data di pubblicazione: 2019-12-04 08:44:37
4
Il Premier si elogia e accusa Salvini e Meloni di diffondere allarmismo. Ma non risponde alle domande fondamentali, politiche e soprattutto economiche
Data di pubblicazione: 2019-12-03 09:13:38
5
Conte si aggrappa alla mancanza di una controfirma ufficiale, ma l’aspettativa dei vertici UE era un avallo senza altre discussioni
Data di pubblicazione: 2019-12-05 08:02:28
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]