DALLA CRONACA ALLA POLITICA
Incendio TMB Salario. Sul rogo ci finiscono Virginia Raggi e il M5S
Per gli avversari è un’occasione d’oro per prendersi una mezza rivincita: da disprezzati a inquisitori

I pompieri erano ancora al lavoro, impegnati a completare lo spegnimento dell’incendio al TMB Salario, quando i "piromani" dell’attacco politico si sono scatenati. Lanciandosi all’assalto dei due bersagli più ovvi: Virginia Raggi e Nicola Zingaretti. Entrambi corresponsabili, quantomeno a giudizio dei detrattori, dei gravi problemi che ci sono tuttora nella raccolta e nello smaltimento dei rifiuti urbani di Roma: lei perché è a capo del Campidoglio, lui perché in quest’ambito la gestione non riguarda solo la Capitale ma si intreccia alle decisioni in sede regionale.

Sono due incapaci – tuona ad esempio Fabio Rampelli, esponente di spicco di Fratelli d’Italia e vicepresidente della Camera dei deputati – che hanno trasformato una questione ritenuta semplice per decine di migliaia di città del mondo in un dramma. Non si tratta di andare su Marte o di raggiungere la fusione nucleare né di separare le acque del Tirreno. Occorre solo gestire i rifiuti che si producono, senza approcci ideologici”.

Raggi e M5S: sul rogo! sul rogo!

Come si può immaginare, però, le requisitorie si sono concentrate soprattutto sulla sindaca M5S. Che proprio per la sua appartenenza al MoVimento è la più facile da inchiodare sulla croce degli insuccessi. O meglio: sulla croce del divario tra le promesse e i risultati.

Lei e i suoi si erano presentati come gli arcangeli che avrebbero prontamente mutato l’inferno in paradiso e invece, come sappiamo, le cose si sono rivelate assai meno semplici. L’inferno era/è assai vasto e i satanassi abbondano (i più pericolosi nel girone dei barattieri, quelli che vampirizzano le cariche pubbliche a fini personali, gli altri variamente distribuiti tra fraudolenti, accidiosi e ignavi). L’inferno si è rivelato un pantano e avanzare spediti si è rivelato impossibile: ogni passo è una fatica e ogni traiettoria è un’incognita.

Questo, sia chiaro, non significa che all’origine i Cinquestelle avessero torto nello sparare a zero sulle amministrazioni precedenti e, ancora di più, sullo schifoso groviglio di interessi e di opportunismi che ha imperversato per decenni. E che non vede l’ora di riprendere a spadroneggiare come e più di prima.

Significa però che hanno commesso un errore enorme a far pensare – o addirittura a pensare essi stessi – che il cambiamento equivalesse a girare un interruttore. Della serie: fatemi entrare nella stanza dei bottoni, fatemi trovare il Grande Pulsante del Potere, e vedrete che lo ruoterò nella giusta direzione. Dopo di che, tranquilli, torneranno tutti insieme la luce, il riscaldamento, il benessere.

Lo sbaglio madornale è stato questo. E adesso, spiace dirlo, sta diventando un’arma avvelenata nelle mani dei vecchi partiti (che a cominciare dal PD rimangono vecchi, anzi decrepiti, anche se fingono di non esserlo esibendo nuovi nomi e nuovi leader, o sedicenti tali). I navigati professionisti sbertucciano i giovani Savonarola e insinuano nell’elettorato il germe del dubbio: inefficienza per inefficienza, non eravamo/siamo/saremmo meglio noialtri che la sappiamo lunga?

Per un popolo come il nostro, che vaga da una suggestione all’altra e ha comunque mandato e tenuto al governo i vari Andreotti, Berlusconi e Prodi, c’è il fondato rischio che il germe si riveli un virus. E che riprenda a dilagare l’infezione del "vabbè, tiriamo a campare".

Leggi anche:

Piccolo (PD): Raggi descrive Roma come la pubblicità del Mulino Bianco

Demolizione ville Casamonica: plauso del PD ma solo per gli agenti

Qualità della vita a Roma. De Priamo: “Uno schiaffo alla nostra città”


ARTICOLI CORRELATI
"Tutti sanno che quell'enorme polmone di verde è stato salvato dalla destra. Raggi sia più umile e rispettosa"
Villa Spada, Fidene, Serpentara, ma anche diverse zone del II Municipio. Sono queste le aree più colpite dall'impianto Tmb Salario
"Un impianto che da quasi 10 anni avvelena l'aria di un quadrante di Roma dove risiedono quasi 50mila persone, costrette a vivere con le finestre chiuse"
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Il piano prevede la sperimentazione di strisce pedonali con led, nuova segnaletica e nuovi semafori e il prolungamento dell'isola pedonale dov'è la fermata bus
2
Esponenti del Pd romano come Giachetti, saranno presenti in alcune piazze della Capitale per raccogliere firme per il referendum sulla privatizzazione dell'Atac
3
Sblocco del turn over che coinvolgerà nel triennio 2018/2020 circa 400 unità di personale, che andranno a rimpiazzare le altrettante in uscita per pensionamento
4
"Lo abbiamo fatto minimizzando i costi: abbiamo investito 2 milioni di euro contro i 15 milioni spesi nel febbraio 2012 dall'amministrazione Alemanno"
5
La candidatura arriva il giorno del suo compleanno, l'ex sindaco di Roma oggi compie 61 anni ed è l'unico che potrebbe infastidire gli avversari
1
"In campagna elettorale avevo garantito che lo avremmo chiuso entro l'inizio del 2020 con l'aumento del porta a porta e differenziata"
2
"La Regione Lazio ha l'obbligo di fare il Piano regionale rifiuti, atteso da 6 anni"
3
Progetto territoriale presentato dal gruppo dem municipale. Compagnone: "Le istituzioni sono lontane dai cittadini che hanno maggiore bisogno di assistenza"

4
"La Sindaca promette anche fondi ulteriori, quelli raccolti nelle altre fontane, circa altri 200mila euro"
5
"C'è ancora chi ha il coraggio di negare le pesanti responsabilità della Giunta Raggi nella gestione dei rifiuti a Roma"
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]