LEGALITÀ RITROVATA
Roma, sgombero ex Penicillina. Una durezza indispensabile
Salvini twitta con l’ashtag dalleparoleaifatti. Quelli di Potere al popolo protestano. Ma la rotta del lassismo va invertita

Sgombero doveva essere, già da moltissimo tempo, e finalmente sgombero è stato. Con un’operazione che è cominciata questa mattina all’alba, il fatiscente fabbricato della ex Penicillina (al numero 1040 di via Tiburtina, al confine tra Ponte Mammolo e San Basilio) ha smesso di essere terra di nessuno e ha fatto il primo passettino sulla lunga strada che lo porterà, o prima o dopo, a un qualche tipo di recupero.

Sulla destinazione finale è giusto discutere, e chi paventa che l’area venga utilizzata per innalzare l’ennesimo centro commerciale, fa bene a dire che non si avverte il bisogno di un ulteriore ipermercato. Sullo sgombero in quanto tale, no. Non c’è nulla da eccepire. Gli occupanti andavano allontanati per il semplicissimo motivo che lì, come in tanti altri posti che versano in condizioni analoghe, non avrebbero mai dovuto esserci.

Ma il vero problema è proprio questo. È che finora si è preferito fare finta di nulla, riguardo a chi vive nella miseria e nella marginalità. A cominciare dai tantissimi che arrivano qui senza né arte né parte, tra l’illegalità dei clandestini e la pseudo regolarità dei rifugiati, non si è affrontato il nodo fondamentale: una volta che siano in Italia come campano? Di quale lavoro, o di quali espedienti? E se non hanno i denari per affittare una casa, dove andranno ad alloggiare?

Tutti quelli che hanno avallato questo stato di cose, o che l’hanno persino incentivato facendo balenare la semi certezza di un’accoglienza ‘umanitaria’, sono gli autentici responsabili degli sgomberi come quello di oggi. Non è che Salvini sia cattivo e loro siano buoni. È che loro, per atteggiarsi a solidali e benevolenti, se ne sono infischiati delle conseguenze pratiche di quella retorica insensata.

Da un lato, hanno scaricato sui cittadini gli oneri di una convivenza coatta con dei soggetti lontanissimi dai nostri valori e dalle nostre usanze. Non soltanto stranieri nel senso giuridico del termine, ma estranei in tutto. E poco o per nulla propensi ad accettare nuove regole e nuovi stili di vita, rispetto alle loro abitudini (e alle loro preferenze).

Dall’altro lato, hanno abbandonato i diseredati al loro destino. Consegnandoli a un’esistenza grama e senza opportunità di riscatto. Lasciando che sprofondassero in questa o quella zona d’ombra in cui balzano meno all’occhio: soprattutto all’occhio di chi non ha nessuna intenzione di guardare.

Ex Penicillina e altrove: a cosa serve lo sgombero

Riappropriarsi di un edificio abbandonato e pieno di senzacasa non è soltanto un atto doveroso, e semmai tardivo. È un segnale, tanto più forte se accompagnato da molti altri atti che vadano nella stessa direzione, che si manda a chi accarezza l’idea di venire in Italia senza averne diritto. E senza avere le capacità, e magari neanche la voglia, di trovarsi un’occupazione con la quale mantenersi.

Scacciare dei poveracci come quelli che si erano insediati nella ex Penicillina non è mai una bella cosa, ed è chiaro che basta un granello di identificazione per intristirsi: finire sul lastrico è un dramma in qualsiasi momento dell’anno, ma sul fare dell’inverno lo è ancora di più.

Allo stesso tempo, però, questo degrado non può rimanere ignorato. Si tratta di invertire la rotta e di tenerla saldamente nella nuova direzione, e di fare in modo che in giro per il mondo lo si sappia: o si hanno le carte in regola, o in Italia non c’è posto. L’idea di venire qui e poi di arrangiarsi in qualche modo, occupando un rudere o raggranellando qualche soldo senza lavorare, deve essere sradicata una volta per tutte: abbiamo già troppi connazionali in difficoltà, per accettare passivamente che le file degli indigenti si ingrossino.

Si scrive sgombero, si legge discontinuità. E la discontinuità, in questo caso, è benedetta: perché significa smetterla di andare storti, per tornare a procedere belli dritti.

Leggi anche:

Roma, in corso sgombero Baobab. Salvini: “Basta zone franche”

Roma, sgombero Baobab. Infuriano le polemiche tra favorevoli e contrari

Ostia. Lo sgombero della ex colonia Vittorio Emanuele? Giammai!

 


ARTICOLI CORRELATI
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Pulizia dei rifiuti e rafforzamento della recinzione intorno alla struttura. La sindaca Raggi ha già firmato l'ordinanza
I senzatetto in barba a catene e ringhiere, sono tornati esattamente dove erano prima del 10 dicembre scorso
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Il piano prevede la sperimentazione di strisce pedonali con led, nuova segnaletica e nuovi semafori e il prolungamento dell'isola pedonale dov'è la fermata bus
2
Esponenti del Pd romano come Giachetti, saranno presenti in alcune piazze della Capitale per raccogliere firme per il referendum sulla privatizzazione dell'Atac
3
Sblocco del turn over che coinvolgerà nel triennio 2018/2020 circa 400 unità di personale, che andranno a rimpiazzare le altrettante in uscita per pensionamento
4
"Lo abbiamo fatto minimizzando i costi: abbiamo investito 2 milioni di euro contro i 15 milioni spesi nel febbraio 2012 dall'amministrazione Alemanno"
5
La candidatura arriva il giorno del suo compleanno, l'ex sindaco di Roma oggi compie 61 anni ed è l'unico che potrebbe infastidire gli avversari
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]