IL CORSIVO DI MIMMO POLITANO'
Roma e l'Albero di Natale: Spelacchio, Spezzacchio... e che cacchio!
Ma è possibile che ogni anno a Roma vi siano problemi con il Pino di Natale?

L’albero è uno dei simboli più noti e forse uno di quelli su cui si è scritto di più sotto ogni latitudine. Esso è in contatto diretto con i tre livelli del cosmo: quello delle radici, quello del tronco, e quello dei rami. Le radici s’impossessano del mondo sotterraneo seguendo maggiormente una direzione orizzontale; scavano nel profondo, danno stabilità, oppongono resistenza al forte vento, dissetano e alimentano il resto. Il tronco, verticale, si rende ‘responsabile’ della superficie della terra. I primi rami mediano tra la terra e il cielo. Mentre i rami superiori e quelli della cima, sembrano braccia alzate al cielo a ringraziare un eventuale creatore nell’azzurro cobalto che il sole dona allo spazio infinito. Mi sembra Interessante osservare come l’albero riesca a riunire in sé i quattro elementi: l’acqua (nella linfa) la terra (nelle radici) l’aria (che nutre e accarezza le foglie) il fuoco (che sprigiona) se si strofina ad uopo.

A causa delle sue radici che ‘penetrano’ la madre terra in un amplesso sublime e la capacità dei rami di proiettarsi verso l’alto, l’albero simboleggia le possibili relazioni tra il cielo e la terra, tra l’inconscio e la coscienza, tra l’immanente e il trascendente. Potrei scrivere per ore della simbologia dell’albero del suo essere alleato vitale per l’uomo ma oggi mi interessa di più mettere in luce, come, in questa città eterna, da due anni, gli alberi si siano trasformati in essere umani. Alzi la mano chi non si è commosso l’anno scorso, alla storia di Spelacchio? E la alzi pure chi non si sia iniziato a commuovere già, con la storia di Spezzacchio? Ho sempre creduto che gli alberi abbiano un’anima. Al punto che fin da bambino nella ‘Pampa argentina’ nei viaggi lunghi e solitari, scendevo dal cavallo e mi fermavo ad abbracciarli e ringraziarli per il riparo dal sole e dal terribile vento Pampero e dall’acqua improvvisa e abbondante. Non discriminavo le specie. Per me un albero era sempre un albero, un fratello ‘diverso’ strutturalmente e matericamente, ma vivo, quanto e come me.

Spelacchio era un Pino. Spezzacchio è un altro Pino. Non so perché ma in essi vedo il mio defunto fratello, di nome appunto Pino. Non saprei spiegarlo ma sento davvero che sia così. Sento come se mio fratello morendo fosse diventato albero e soffro per lui, per Spelacchio e Spezzacchio! E che cacchio! Ma è possibile che ogni anno a Roma, vi siano problemi con il Pino di Natale? Non vorrei pensare che a causa della nostra storia non troppo lontana, riecheggi, proveniente da qualche dimensione altra, la voce potente e amplificata di qualcuno, dal balcone di Piazza Venezia, che terrorizzi, con i suoi imponenti acuti e contenuti di guerra, questi poveri pini, sradicati, feriti, spezzati, umiliati, derisi, venduti. Perché non addobbare un albero di ferro? O di vetro? O di legno? O un albero creato con effetti luminosi? O che ne so ricreato in tre dimensioni con la realtà virtuale? Perché la realtà vera di questa nostra città ci sta scoppiando tra le mani, come bolle di sapone? E’ triste, ma l’albero (il pino) oggi forse non è più soltanto simbolo di vita, ma di decadenza e morte?

Leggi anche:

Rachele Mussolini esagera: “con la Raggi, Roma un girone dantesco”

Roma, cosa è successo questa mattina a Montespaccato

Casal Bruciato, perché i cittadini sono infuriati


ARTICOLI CORRELATI
L'opposizione dell'epoca lo descrisse come "una bruttura, peggio della statua di Wojtyla di piazza dei 500"
L'abete è stato donato dalla Regione Friuli-Venezia Giulia. Si rinnova così la tradizione inaugurata nel 1982 da Giovanni Paolo II
Un cedro di quattro metri sarà collocato al centro della piazza. Gli addobbi saranno organizzati dalla onlus Greenside Roma

I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
1
Vigili del fuoco in azione già da prima dell’alba. AGGIORNAMENTI IN CORSO: le decisioni del Campidoglio
2
Due incendi a viale dei Colli Portuensi, quattro contenitori Ama bruciati e un'auto danneggiata. Non si esclude l'ipotesi dolosa
3
Ruspe in azione al Med Net, piccolo stabilimento alla foce del Canale dei Pescatori
4
La logica è sempre la stessa, alterare il senso della socialità e considerare normale ciò che invece è gravemente violento
5
Si chiama "Sand Nativity" ed è stato realizzato con la sabbia dorata della spiaggia di Jesolo da quattro scultori selezionati dal Comune di Jesolo
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]