ORRORE
Aidaa, 4 milioni di capi con pellicce di cani e gatti venduti in Italia
Nel nostro Paese è illegale commercializzare capi d’abbigliamento con pelli e pellicce di cani o gatti

L'inverno è ormai arrivato e nelle vetrine dei negozi, addobbate a festa, sono riapparsi piumini, giacconi e cappotti, che molto spesso sono completati da inserti di pelliccia sulle maniche o sul cappuccio.

Diversi grandi brand della moda (da Versace, Armani, Calvin Klein solo per citarne alcuni) sono ormai apertamente dichiarati animal friendly e hanno scelto di tutelare il benessere animale dicendo "no alle pellicce". Esiste però un mercato più alla portata di tutti che continua a proporre, a prezzi competitivi, modelli impreziositi da inserti di dubbia provenienza.

Come denunciato nei giorni scorsi da diverse associazioni animaliste, sempre più spesso queste pellicce vengono realizzate utilizzando il pelo dei nostri amati amici a 4 zampe. Nel nostro Paese, è illegale commercializzare qualsiasi capo d’abbigliamento con pelli o pellicce di cani e gatti. Eppure i mercati e i negozi ne sarebbero pieni.

Le etichette, infatti, ci sono, ma sono tutt'altro che chiare. E dall'altra parte gli acquirenti, sono spesso poco propensi ad approfondire. Così, come ha denunciato A.I.D.A. & A. - Associazione Italiana Difesa Animali e Ambiente - in Italia sono già stati venduti più di 4 milioni di capi di abbigliamento e accessori con pellicce di cani e gatti.

Com'è purtroppo noto le condizioni di tanti allevamenti sono drammatiche: cani, gatti e volpi sono detenuti in gabbie troppo piccole ed esposte alle intemperie. Molto spesso gli animali, se non muoiono prima di stenti, vengono abbattuti e scuoiati con metodi a dir poco barbari. E la loro pelliccia finisce sulle nostre vetrine.

Come si può fare a distinguere una pelliccia sintetica da una vera e di dubbia provenienza? A.I.D.A. & A. e Humane Society (organizzazione statunitense che si occupa della tutela animale) stanno provando a raggiungere il maggior numero possibile di consumatori, per metterli in guardia, e ricordando loro di leggere con cura le etichette. Se esse riportano nomi come Dogaskin, Gae wolf, Dogue of China, Finnracoon, Fox of Asia o Pemmern wolf il capo che si ha di fronte è in pelliccia di cane. Se, invece, si trovano dei nomi come Housecat, Katzenfelle, Lipi o Mountain cat, la pelliccia è di gatto.

In Italia, il commercio di pelli di cani e di gatti è un reato penale e può essere segnalato ai carabinieri del Noe (Carabinieri Nucleo Ecologico)

 


ARTICOLI CORRELATI
Aumentano però gli abbandoni dei gatti a Roma
Al nuovo cinema Aquila è stato proiettato un cortometraggio sull'abbandono degli animali di Federica Rinaudo
I PIU' LETTI IN ECONOMIA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Se desiderate conoscere la quotazione del vostro oro in tempo reale Sami-oro.com vi permette di farlo online e in pochissimi secondi
2
L'Italia è un paese vecchio, a rischio la sostenibilità del nostro sistema pensionistico
3
Finalmente potrete gestire in autonomia il vostro sito, seguiti da programmatori disponibili ogni giono con un piccolo contributo mensile aggiuntivo
4
Per conoscere da vicino il mondo 3D, ne abbiamo voluto parlare con Jordan River, regista 3D, producer e Membro dell’International Stereoscopic Union
5
AVVISO IMPORTANTE DA HP Attenzione al cavo del portatile HP
HP ha riscontrato un difetto in alcuni cavi per l’alimentazione di notebook, mini-notebook e accessori per docking station. Il problema riguarda i dispositivi venduti tra settembre 2010 e giugno 2012
1
Per il presidente Tortoriello la città “ha soltanto il nome di capitale, ma il resto non c’è. La Sindaca M5S ci incontri”
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]