EVASIONE FISCALE
Roma. Lo scontrino è un optional, 6 volte su 10. E in centro va peggio
Un fenomeno arcinoto e che non c’è verso di debellare. Nonostante i molti interventi della Finanza

Da un lato lo sanno tutti: molti negozianti evadono. E la spiegazione, o l’alibi, sono lì a portata di mano. Uno, le spese sono tante e gli affari non vanno un granché. Due, la tassazione è spaventosa e si porta via una parte troppo cospicua degli utili, se li  si denuncia al fisco. Ergo, lo scontrino non è proprio un’eccezione ma quasi.

In termini generali è una situazione arcinota, ma in dettaglio? In dettaglio, per quanto riguarda Roma, arrivano le cifre sugli accertamenti della Guardia di Finanza. E sono queste: da gennaio a oggi sono state effettuate 2600 ispezioni, che nel 63 per cento dei casi hanno rilevato la mancata registrazione dell’incasso. Come si dice, tutto ‘al nero’. E con una prevalenza dei commercianti del Primo municipio, ossia del Centro. In cima alla lista ci sono, manco a dirlo, gli operatori della ristorazione. Non solo i ristoranti veri e propri ma anche i locali con cibo da asporto, come ad esempio le pizzerie ‘al taglio’, e i bar.

Lo scontrino  può attendere

Certo: le multe sono state fatte, ma a giudicare dalla vastità del fenomeno, e dalla sua invincibile persistenza, si direbbe che non siano servite a un granché. D’altronde, il conto è presto fatto. Se da un totale di 610 sanzioni esce un gettito complessivo che assomma a 305mila euro, la media è di circa 500 euro a testa. A prima vista possono sembrare tanti, rispetto a un gelatino o a un caffè o un trancio di pizza, ma se li paragoniamo a mesi e mesi di vendite non documentate si capisce facilmente che non è così. E la multa, allora, diventa l’equivalente di un costo sgradevole ma occasionale. Che vale la pena di sostenere in cambio dei vantaggi costanti: la ‘legnata’ arriva una tantum, il profitto occulto si rinnova di continuo.

La stessa GdF riferisce che in 20 casi si è andati oltre e si è arrivati a richiedere la sospensione dell'attività. Che si pone come "una sorta di cartellino rosso. Il provvedimento di sospensione è obbligatorio quando la mancata emissione viene rilevata per la quarta volta negli ultimi cinque anni. A quel punto, insieme alla sanzione, viene depositato il rapporto all'Agenzia delle Entrate che procede d'ufficio con la chiusura momentanea”.

Appunto: momentanea quanto?

La verità è l’ennesimo segreto di Pulcinella. Finché la pressione tributaria resterà così alta, è pressoché inevitabile chiudere un occhio. O meglio: tenerlo chiuso quasi sempre e aprirlo solo di tanto in tanto. Nel consueto stile italiano, o italiota, delle norme che sono draconiane sulla carta ma che poi rimangono sostanzialmente disattese nella pratica.

Leggi anche:

“Sugar Tax”, all’inglese: un tributo che colpirà le bevande zuccherate

A Roma oltre 100mila cittadini sotto la soglia di povertà

Metro Piramide, a Roma nemmeno le suore pagano il biglietto

 


ARTICOLI CORRELATI
“Va.Do miscele e cucina” ha aperto le porte a i primi clienti tra flûte di bollicine e una fantasia di fritti
Nella bufera il comandante Clemente che fa rientrare le sanzioni in un "sistema di valutazione"
"140mila multe in pochi mesi su un tratto di strada di poche centinaia di metri, segnaletica su via di Portonaccio era incomprensibile, contraddittoria e poco leggibile"
I PIU' LETTI IN ECONOMIA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Se desiderate conoscere la quotazione del vostro oro in tempo reale Sami-oro.com vi permette di farlo online e in pochissimi secondi
2
L'Italia è un paese vecchio, a rischio la sostenibilità del nostro sistema pensionistico
3
Finalmente potrete gestire in autonomia il vostro sito, seguiti da programmatori disponibili ogni giono con un piccolo contributo mensile aggiuntivo
4
Per conoscere da vicino il mondo 3D, ne abbiamo voluto parlare con Jordan River, regista 3D, producer e Membro dell’International Stereoscopic Union
5
AVVISO IMPORTANTE DA HP Attenzione al cavo del portatile HP
HP ha riscontrato un difetto in alcuni cavi per l’alimentazione di notebook, mini-notebook e accessori per docking station. Il problema riguarda i dispositivi venduti tra settembre 2010 e giugno 2012
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]