NUOVI OBIETTIVI
Dopo il referendum le strategie dell'amministrazione capitolina
Certo, dopo il referendum, rimane il rammarico di una cittadinanza romana che sembra sempre un po' cialtrona...

Certo, dopo il referendum, rimane il rammarico di una cittadinanza romana che sembra sempre un po' cialtrona, capace di parlare al bar, di lamentarsi sull'autobus, ma assolutamente poco incline ad approfittare delle opportunità di fare qualcosa per cambiare, a costo di un piccolo sacrificio, di dedicare pochi minuti per andare a votare, ma anche di una Amministrazione Capitolina che ha perso l'occasione di scuotere i Romani dalla loro apatia, di cercare di riaprire in Città un dibattito su Roma come è e su come i Romani la vorrebbero. Prendiamo spunto dal referendum sul trasporto pubblico per fare due riflessioni, la prima sulla reale importanza del trasporto pubblico, ovvero se è strategico per la Città o se è un servizio come altri, uno dei tanti. Se il trasporto pubblico lo consideriamo strategico  allora deve saldamente rimanere in mano alla gestione pubblica, l'unica che libera dalle esigenze commerciali, può garantire un servizio su tutto il territorio, servizio che deve essere assicurato anche per quelle tratte che potrebbero non essere remunerative ma essenziali per la popolazione, per avvicinare le periferie al centro evitando di ridurle a ghetti, per esempio. Quello che non capiamo è perché "La gestione pubblica" in Italia non funzioni.

Mi sfugge perché una "cosa" amministrata dal pubblico debba essere amministrata male. Il pubblico ha il vantaggio di poter utilizzare gli utili per migliorare il servizio, senza il bisogno di distribuire soldi agli investitori ma potendo impiegare tutti i ricavi nel servizio stesso. Il che non significa gestire male, ma avere maggior spazio di manovra. Il fatto è che in Italia, "Pubblico non è di tutti, ma di nessuno" e quindi saccheggiabile impunemente dall'utente ma anche dall'amministrazione e infine dalla politica. Rinunciare al Pubblico nelle Cose Strategiche significa ammettere la propria incapacità di amministrare. In realtà l'amministrazione romana ha già alzato bandiera bianca con la rinuncia alle Olimpiadi motivata dalla dichiarata paura di non essere in grado di evitare inciuci e ruberie. Proprio però partendo da questa consapevolezza l'attuale amministrazione dovrebbe farsi paladina di una rinnovata Primavera Romana ed elaborare nuovi progetti condivisi con la popolazione, che sicuramente risponderebbe diversamente da come ha risposto nella consultazione referendaria e forte anche della nuovamente acclarata verginità di Virginia e della fortunata congiunzione astrale governo-amministrazione, pretendere quelle risorse di cui Roma è privata da troppo tempo.

Leggi anche:

Giornalisti in piazza anche a Roma. Ma è una logica sballata

Morte Desirée, cade l'ipotesi di omicidio per Alinno e Minthe

Metro Piramide, a Roma nemmeno le suore pagano il biglietto


ARTICOLI CORRELATI
Esponenti del Pd romano come Giachetti, saranno presenti in alcune piazze della Capitale per raccogliere firme per il referendum sulla privatizzazione dell'Atac
Firmano la pre-intesa Cgil, Cisl e Uil. No di Csa e Diccap che rimettono la decisione al referendum dei lavoratori
Nessun dubbio: l’azienda municipalizzata è allo sfascio. Ma siamo proprio sicuri che il rimedio sia l’apertura alle imprese private? TPL docet
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
"Ho visto i vigili col metro per misurare sedie e tavolini", ha detto Matteo Salvini, alla manifestazione della Lega
Data di pubblicazione: 2020-02-16 19:03:03
2
Nel giro di tre giorni arrivano prima le dichiarazioni rassicuranti e dopo i richiami alla Brexit. E piovono le accuse di incoerenza
Data di pubblicazione: 2020-02-16 10:20:38
3
Lo scrive su twitter Virginia Raggi, sindaca di Roma, che posta anche un video
Data di pubblicazione: 2020-02-16 19:38:22
1
Una mossa furba e insidiosa, dopo che il tracollo M5S ha tolto credibilità al governo e alla maggioranza parlamentare
Data di pubblicazione: 2020-02-01 13:12:06
2
Stefano Buffagni, interrogato sull'argomento della prescrizione, declassa il movimento dell'ex presidente del Consiglio dei Ministri, Matteo Renzi
Data di pubblicazione: 2020-02-05 17:46:09
3
Compromesso nella maggioranza, ma Italia Viva sbatte ancora la porta: “Non avete i numeri, dite se volete cacciarci”. La sfida del Premier Conte: “Votate contro”
Data di pubblicazione: 2020-02-08 08:14:40
4
L’assemblea ufficiale degli attivisti rivendica a gran voce la lontananza da Zingaretti e soci. Ma Roberto Fico traccheggia
Data di pubblicazione: 2020-02-03 07:55:15
5
Ancora muro contro muro tra l’ex Rottamatore e il Ministro Bonafede: e con il voto segreto sul ddl Costa si rischia davvero la crisi
Data di pubblicazione: 2020-02-06 09:21:27
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]