NUOVI OBIETTIVI
Dopo il referendum le strategie dell'amministrazione capitolina
Certo, dopo il referendum, rimane il rammarico di una cittadinanza romana che sembra sempre un po' cialtrona...

Certo, dopo il referendum, rimane il rammarico di una cittadinanza romana che sembra sempre un po' cialtrona, capace di parlare al bar, di lamentarsi sull'autobus, ma assolutamente poco incline ad approfittare delle opportunità di fare qualcosa per cambiare, a costo di un piccolo sacrificio, di dedicare pochi minuti per andare a votare, ma anche di una Amministrazione Capitolina che ha perso l'occasione di scuotere i Romani dalla loro apatia, di cercare di riaprire in Città un dibattito su Roma come è e su come i Romani la vorrebbero. Prendiamo spunto dal referendum sul trasporto pubblico per fare due riflessioni, la prima sulla reale importanza del trasporto pubblico, ovvero se è strategico per la Città o se è un servizio come altri, uno dei tanti. Se il trasporto pubblico lo consideriamo strategico  allora deve saldamente rimanere in mano alla gestione pubblica, l'unica che libera dalle esigenze commerciali, può garantire un servizio su tutto il territorio, servizio che deve essere assicurato anche per quelle tratte che potrebbero non essere remunerative ma essenziali per la popolazione, per avvicinare le periferie al centro evitando di ridurle a ghetti, per esempio. Quello che non capiamo è perché "La gestione pubblica" in Italia non funzioni.

Mi sfugge perché una "cosa" amministrata dal pubblico debba essere amministrata male. Il pubblico ha il vantaggio di poter utilizzare gli utili per migliorare il servizio, senza il bisogno di distribuire soldi agli investitori ma potendo impiegare tutti i ricavi nel servizio stesso. Il che non significa gestire male, ma avere maggior spazio di manovra. Il fatto è che in Italia, "Pubblico non è di tutti, ma di nessuno" e quindi saccheggiabile impunemente dall'utente ma anche dall'amministrazione e infine dalla politica. Rinunciare al Pubblico nelle Cose Strategiche significa ammettere la propria incapacità di amministrare. In realtà l'amministrazione romana ha già alzato bandiera bianca con la rinuncia alle Olimpiadi motivata dalla dichiarata paura di non essere in grado di evitare inciuci e ruberie. Proprio però partendo da questa consapevolezza l'attuale amministrazione dovrebbe farsi paladina di una rinnovata Primavera Romana ed elaborare nuovi progetti condivisi con la popolazione, che sicuramente risponderebbe diversamente da come ha risposto nella consultazione referendaria e forte anche della nuovamente acclarata verginità di Virginia e della fortunata congiunzione astrale governo-amministrazione, pretendere quelle risorse di cui Roma è privata da troppo tempo.

Leggi anche:

Giornalisti in piazza anche a Roma. Ma è una logica sballata

Morte Desirée, cade l'ipotesi di omicidio per Alinno e Minthe

Metro Piramide, a Roma nemmeno le suore pagano il biglietto


ARTICOLI CORRELATI
Esponenti del Pd romano come Giachetti, saranno presenti in alcune piazze della Capitale per raccogliere firme per il referendum sulla privatizzazione dell'Atac
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Firmano la pre-intesa Cgil, Cisl e Uil. No di Csa e Diccap che rimettono la decisione al referendum dei lavoratori
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Il piano prevede la sperimentazione di strisce pedonali con led, nuova segnaletica e nuovi semafori e il prolungamento dell'isola pedonale dov'è la fermata bus
2
Esponenti del Pd romano come Giachetti, saranno presenti in alcune piazze della Capitale per raccogliere firme per il referendum sulla privatizzazione dell'Atac
3
Sblocco del turn over che coinvolgerà nel triennio 2018/2020 circa 400 unità di personale, che andranno a rimpiazzare le altrettante in uscita per pensionamento
4
"Lo abbiamo fatto minimizzando i costi: abbiamo investito 2 milioni di euro contro i 15 milioni spesi nel febbraio 2012 dall'amministrazione Alemanno"
5
La candidatura arriva il giorno del suo compleanno, l'ex sindaco di Roma oggi compie 61 anni ed è l'unico che potrebbe infastidire gli avversari
1
Un cittadino durante la conferenza stampa del ministro dell'Ambiente e della sindaca di Roma dopo il rogo: "È vergognoso quello che state dicendo"

2
Il leader della Lega chiede “un mandato per trattare con la UE” e assicura che non farà cadere il Governo
3
La dichiarazione in tv, a Uno Mattina. Il problema, però, è che lui è il Capo di gabinetto del ministro della Famiglia
4
L’esponente di Sinistra Italiana va in confusione e si scaglia contro “la corsa ad armarsi”
5
Salvini twitta con l’ashtag dalleparoleaifatti. Quelli di Potere al popolo protestano. Ma la rotta del lassismo va invertita
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]