ALLEATI MA NON TROPPO
Raggi assolta: Salvini si dice “contento”, però a Roma “sono messi male”
Un’ulteriore conferma del fatto che il sodalizio tra Lega e M5S non comprende il Campidoglio

Correttissimo e persino amichevole, se lo si ascolta un po’ distrattamente. Salvini viene intervistato sull’assoluzione di Virginia Raggi e snocciola osservazioni ineccepibili, con un tono assai tranquillo e una faccia quasi sorridente. Osservazioni che cominciano, infatti, con un limpido “Son contento”. E che anche nel prosieguo non mostrano alcuna aggressività nei confronti della Prima cittadina di Roma.

“Un sindaco - afferma Salvini -  va giudicato per quello che fa e per quello che non fa”. Dopo, però, non manca di rimarcare che a Roma i servizi pubblici “sono messi male” e che anche l’attuale amministrazione, pur avendo ricevuto quel degrado in eredità da chi ha governato in precedenza, “poteva fare di più”.

Una ‘serena’ stilettata, diciamo così.

Non più tardi di un paio di settimane fa, del resto, il capogruppo leghista nell’assemblea capitolina, Maurizio Politi, aveva attaccato la gestione della Giunta pentastellata e detto chiaro e tondo che per le prossime elezioni la Lega è intenzionata a trovarsi un proprio candidato.

Appunto: alleati al Parlamento, avversari in Campidoglio. E per allearsi alle Camere, del resto, c’è voluta una trattativa sicuramente non facile e sfociata in un programma di governo per il quale, non a caso, è stato usato il termine ‘contratto’. Non tanto per sancirlo come impegno nei riguardi degli elettori, quanto per sottolineare che era frutto di diatribe e mediazioni.

La verità, insomma, è che il leader leghista ci sa fare. Magari a modo suo, ma non solo per istinto. Salvini, che si è preso in carico le macerie della gestione Bossi e ha tirato su un grattacielo, conosce a menadito la partita doppia della propaganda politica, il dare e l’avere della comunicazione pubblica. Ciò che si concede e ciò che si incassa. A volte, per chi si fermi alla superficie, i conti sembrano non tornare e l’impressione è che i suoi siano solo discorsi ‘di pancia’. Ma non è così: lui è molto più attento di quanto non appaia e il saldo di quei conti è attivo. Eccome se lo è.

Lo spettacolo che va in scena è spesso grossolano, ma la regia è sempre sagace. A volte Matteo le spara grosse per dare soddisfazione ai sostenitori, ma in cuor suo sa benissimo che all’atto pratico dovrà muoversi in maniera più misurata. Altre volte, come in questo caso, si mostra pacato e ragionevole ma, tra le righe, prende le distanze e predispone il possibile scontro.

Sono due modi diversi, d’altronde, di tirare acqua al proprio mulino. Il mulino della Lega che al momento macina consensi lavorando in asse con quello dei Cinque Stelle, ma che certo non rinuncia ai propri obiettivi di crescita ulteriore sul piano elettorale e ai propri piani di egemonia all’interno del governo.

Non soltanto il governo che c’è adesso ma anche quelli che verranno: insieme a chi, si vedrà.


ARTICOLI CORRELATI
Il deposito era atteso in questi giorni, ma il giudice monocratico, Roberto Ranazzi, ha chiesto una proroga di altri tre mesi
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Prevista per domani la sentenza che incombe sulla sindaca M5S. Nell’attesa, il nostro sondaggio su Facebook
I PIU' LETTI IN POLITICA
GIORNO SETTIMANA MESE
1
Esclusa l'idea di un sistema maggioritario che favorirebbe le forze di Centrodestra e in particolare la Lega. La nuova legge sarà presentata in Parlamento prima della fine dell'anno
Data di pubblicazione: 2019-12-05 10:32:51
2
Conte si aggrappa alla mancanza di una controfirma ufficiale, ma l’aspettativa dei vertici UE era un avallo senza altre discussioni
Data di pubblicazione: 2019-12-05 08:02:28
1
Un luogo comune, rilanciato anche da Roberto Saviano in versione sardina. La vera paura, invece, non è per i metodi ma per i contenuti
Data di pubblicazione: 2019-12-02 11:50:11
2
Per il Premier anche i Ministri grillini sapevano, Di Maio furibondo tuona: “Decide il M5S se e come il trattato passa”. La crisi di Governo è vicina?
Data di pubblicazione: 2019-12-04 08:44:37
3
La sindaca sceglierà dove localizzare la discarica per evitare che la città a gennaio vada in emergenza igienico-sanitaria a causa della chiusura dell'impianto di Colleferro
Data di pubblicazione: 2019-12-04 20:15:24
4
Il Premier si elogia e accusa Salvini e Meloni di diffondere allarmismo. Ma non risponde alle domande fondamentali, politiche e soprattutto economiche
Data di pubblicazione: 2019-12-03 09:13:38
5
Scontro aperto fra le forze politiche: M5S unico partito a sostegno della legge Bonafede sulla prescrizione. Pd e centrodestra annunciano battaglia in aula
Data di pubblicazione: 2019-12-04 13:18:39
1
Un luogo comune, rilanciato anche da Roberto Saviano in versione sardina. La vera paura, invece, non è per i metodi ma per i contenuti
Data di pubblicazione: 2019-12-02 11:50:11
2
Per il Premier anche i Ministri grillini sapevano, Di Maio furibondo tuona: “Decide il M5S se e come il trattato passa”. La crisi di Governo è vicina?
Data di pubblicazione: 2019-12-04 08:44:37
3
La sindaca sceglierà dove localizzare la discarica per evitare che la città a gennaio vada in emergenza igienico-sanitaria a causa della chiusura dell'impianto di Colleferro
Data di pubblicazione: 2019-12-04 20:15:24
4
Il Premier si elogia e accusa Salvini e Meloni di diffondere allarmismo. Ma non risponde alle domande fondamentali, politiche e soprattutto economiche
Data di pubblicazione: 2019-12-03 09:13:38
5
Scontro aperto fra le forze politiche: M5S unico partito a sostegno della legge Bonafede sulla prescrizione. Pd e centrodestra annunciano battaglia in aula
Data di pubblicazione: 2019-12-04 13:18:39
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]