TRASPORTO PUBBLICO
Referendum Atac, "Dico no a privatizzare perché i problemi rimarrebbero"
Intervista a Eugenio Patanè, Consigliere del Pd alla Regione Lazio e componente della Commissione Trasporti della Pisana

Intervista a Eugenio Patanè, Consigliere del Pd alla Regione Lazio e componente della Commissione Trasporti della Pisana in merito al referendum su Atac del prossimo 11 novembre.

Consigliere Patané, perché si è schierato apertamente per il No al referendum?

“Perché credo che sia inutile, in quanto i problemi che oggi fanno viaggiare malissimo Atac, che fanno andare a fuoco i mezzi e non fanno andare a buon fine le corse rimarrebbero identici anche se ci fosse una gara. Se cambiassimo oggi gestore, passando da Atac a un'azienda francese o tedesca, tanto per fare un esempio, non sparirebbero di colpo le doppie file, il Fondo nazionale trasporti non darebbe più soldi a Roma, non ci sarebbero più corsie preferenziali. Queste sono tutte cose che dipendono o dal Comune o dalle istituzioni sovraordinate come lo Stato o la Regione. È inoltre un referendum populista, perché anziché provare a farsi carico della complessità della gestione del trasporto pubblico locale, tenta di convincere i romani a votare ‘Sì’ facendo leva sulla disastrosa situazione dei mezzi pubblici”.

Quali sono i rischi che vede dietro una possibile vittoria del Sì?

“Oggi Atac si trova in uno stato di concordato preventivo quindi se il servizio di trasporto dovesse andare a gara e Atac la dovesse perdere, come è più che probabile, l’Azienda fallirebbe, i bus rimarrebbero fermi, e a pagare i debiti sarebbe il Comune di Roma, quindi tutti noi”

Cosa risponde a chi sostiene che Atac non è più in grado di gestire il servizio e che i romani hanno tutto il diritto di voler cambiare la situazione attuale?

“Rispondo che non abbiamo alcuna certezza che il gestore privato presti un servizio migliore e più efficiente di quello pubblico. Proprio a Roma da anni abbiamo affidato le linee periferiche ad un gestore privato, ma i risultati non sono migliori di quelli di Atac, tutt’altro. I romani non hanno mai notato la differenza tra gestore pubblico e privato e non se ne sono accorti neanche i promotori del ‘Sì’, che hanno fatto un volantino per denunciare le inefficienze di Atac con una foto di un bus in condizioni pietose di proprietà della società privata che gestisce quasi il 30% delle linee della capitale”.

Il suo partito però, romano e nazionale, è schierato in maggioranza per il Sì…

E questo mi dispiace molto, perché credo che temi come questi siano emblematici di come il Partito democratico, a Roma e non solo, abbia grandi difficoltà ad intercettare gli umori e le esigenze dei cittadini. Si è detto che nel referendum interno, tra gli iscritti del Pd, abbia vinto il Sì a larga maggioranza. Credo che questo sia vero solo in parte, considerando i tanti No e i tanti che non hanno nemmeno ritirato la scheda. Ma il dato ancor più importante su cui riflettere è quello riguardante alcuni circoli in periferia dove i No hanno vinto largamente, anche senza conteggiare gli astenuti. Consiglierei al centrosinistra, e al mio partito in modo particolare, di leggere meglio quei dati e di tornare ad ascoltare il nostro popolo delle periferie, che ci ha bocciato in questi anni”.

Leggi anche:

Roma, Tufello. Droga: sgominata dalla Polizia una grossa banda

Roma. "Fammi sedere", Uomo intima a 14enne su bus, agitando coltellino

Via Portuense, Spettacolare tamponamento in direzione Trullo


ARTICOLI CORRELATI
Esponenti del Pd romano come Giachetti, saranno presenti in alcune piazze della Capitale per raccogliere firme per il referendum sulla privatizzazione dell'Atac
Anche Eugenio Patanè, consigliere PD, è tra gli indagati per la maxi inchiesta Mondo di Mezzo
Tutte le informazioni sui cambiamenti in programma da lunedì 12 Maggio
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Il piano prevede la sperimentazione di strisce pedonali con led, nuova segnaletica e nuovi semafori e il prolungamento dell'isola pedonale dov'è la fermata bus
2
Esponenti del Pd romano come Giachetti, saranno presenti in alcune piazze della Capitale per raccogliere firme per il referendum sulla privatizzazione dell'Atac
3
Sblocco del turn over che coinvolgerà nel triennio 2018/2020 circa 400 unità di personale, che andranno a rimpiazzare le altrettante in uscita per pensionamento
4
"Lo abbiamo fatto minimizzando i costi: abbiamo investito 2 milioni di euro contro i 15 milioni spesi nel febbraio 2012 dall'amministrazione Alemanno"
5
La candidatura arriva il giorno del suo compleanno, l'ex sindaco di Roma oggi compie 61 anni ed è l'unico che potrebbe infastidire gli avversari
1
Il bilancio della municipalizzata rimane bloccato. Un vicolo cieco da cui è impossibile uscire ‘a costo zero’
2
Il capogruppo del Pd in Consiglio comunale: "La responsabilità non è delle amministrazioni precedenti ma è tutta a carico del M5S e della sua giunta inadeguata"
3
Il gruppo capitolino dei Democratici rende omaggio alla Polizia per il blitz. Sulla Raggi, silenzio di tomba
4
"La sindaca Raggi dice che le cose si stanno mettendo per il verso giusto ma lo pensa solo lei almeno a giudicare dai numeri di questa inchiesta"
5
Il presidente del III Municipio: "I cittadini chiedono che si avvii un percorso trasparente e concreto che porti alla chiusura dell'impianto"
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]