E COME DIO VOLLE…
Sorpresa UE: la Chiesa deve pagare l’ICI e l’Italia deve riscuoterla
Una diatriba, anche legale, che si trascinava dal 2006. Con un conticino, in sospeso, nell’ordine di 4 o 5 miliardi

I cittadini pagavano l’ICI, la Chiesa no. Molti cittadini si erano infuriati, la Chiesa l’aveva sempre scampata. Persino quando si era andati alle carte bollate, e si era spostata la questione in sede europea, le sentenze non avevano portato a nulla.

Peggio: avevano assunto il sapore della beffa. Perché non è che avessero affermato il diritto assoluto del Vaticano a non versare il tributo. No. Le decisioni prese (nel 2012 dalla Commissione UE, nel 2016 dal Tribunale di Bruxelles) avevano aggirato il problema: in effetti l’imposta era dovuta, per gli immobili che non fossero destinati al culto o alle attività prettamente istituzionali, ma purtroppo non la si poteva riscuotere.

Secondo la Commissione, ahimé, non c’era modo di stabilire quali fossero i soggetti da sanzionare e a quanto ammontassero esattamente gli importi da versare. Secondo il Tribunale, i ricorrenti non erano riusciti a dimostrare che il primo pronunciamento fosse illegittimo.

Quello, però, era solo il primo grado. I ricorrenti avevano presentato un secondo ricorso e così, finalmente, si è arrivati alla sentenza odierna.

Che ribalta tutto.

La nuova versione è che – così come è logico, per non dire lapalissiano – non possono certo essere le difficoltà di accertamento a costituire titolo di esenzione. Per quanto complicato possa essere identificare i singoli enti da colpire, e quantificare le somme da richiedere, questo lavoro va fatto. Tassativamente, per usare un termine in tema.

Eppure, non è ancora il caso di cantare vittoria.

Per due motivi: il primo è che le vie del contenzioso tributario sono (quasi) infinite, e certamente lunghissime e ancor più certamente contorte; il secondo è che non è mica detto che alla fine sarà proprio la Chiesa a dover mettere mano al portafoglio e a versare quei 4-5 miliarducci ipotizzati dall’ANCI.

Se lo Stato, infatti, non si attiverà come richiesto, la UE irrogherà le sanzioni per il mancato adempimento. E indovinate un po’ su chi si scaricherà l’onere delle multe?

Sulla generalità di noialtri cittadini. Laici o credenti. Cristiani o buddisti. Comunque fottuti.


ARTICOLI CORRELATI
Il vice presidente tentava di sostituire un Tricolore alla bandiera blu dell'Unione europea
Da un lato si auspica una generosità quasi sovrumana. Dall’altro, si va a braccetto coi potenti
"L’Unione europea è chiamata oggi a mettersi in discussione, a curare gli inevitabili acciacchi che vengono con gli anni. E a trovare nuove vie”
I PIU' LETTI IN ECONOMIA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Se desiderate conoscere la quotazione del vostro oro in tempo reale Sami-oro.com vi permette di farlo online e in pochissimi secondi
2
L'Italia è un paese vecchio, a rischio la sostenibilità del nostro sistema pensionistico
3
Finalmente potrete gestire in autonomia il vostro sito, seguiti da programmatori disponibili ogni giono con un piccolo contributo mensile aggiuntivo
4
Per conoscere da vicino il mondo 3D, ne abbiamo voluto parlare con Jordan River, regista 3D, producer e Membro dell’International Stereoscopic Union
5
AVVISO IMPORTANTE DA HP Attenzione al cavo del portatile HP
HP ha riscontrato un difetto in alcuni cavi per l’alimentazione di notebook, mini-notebook e accessori per docking station. Il problema riguarda i dispositivi venduti tra settembre 2010 e giugno 2012
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]