DUALISMO
Roma. Processo Raggi, Lombardi (M5s): Se condannata deve dimettersi
"Ha firmato il codice etico M5s come tutti noi. Non ci sono piani B"

Il 10 novembre sarà, forse, un giorno fatidico per rivelare il destino politico del sindaco di Roma, Virginia Raggi. Il Tribunale di piazzale Clodio pronuncerà, quel giorno, la sentenza del processo che vede imputata per falso la prima cittadina della Capitale, in merito alla nomina di Renato Marra - fratello di Raffaele Marra, allora capo del personale del Campidoglio - alla guida del Dipartimento del Turismo.

Una nomina di cui la sindaca aveva, sin dai giorni dell’arresto del suo capo del personale, rivendicato la paternità, dichiarando anche all’anticorruzione capitolina che la scelta era stata solo sua e che il suo braccio destro si era astenuto dalla nomina del fratello. Ma ciò risultò falso. Le intercettazioni telefoniche la sbugiardarono; il materiale raccolto dai carabinieri del nucleo investigativo di Roma alla guida del generale Antonio De Vita, è consistente.

Una storia che ha rischiato di minare fortemente la fiducia dell'elettorato grillino verso i rappresentanti del Movimento, e di creare una spaccatura al suo interno. Il regolamento etico interno al Movimento imponeva alla Raggi di dimettersi, solo per il fatto di essere indagata, ma ciò non avvenne. Fu necessario l'intervento del leader  Beppe Grillo, insieme a Luigi Di Maio e Alessandro Di Battista a sbrogliare la matassa, facendo modificare il codice etico, contemplando ora le dimissioni solo in caso di condanna, non più all'avviso di garanzia.

Il 23 ottobre prossimo Virginia Raggi sarà sottoposta all'esame di interrogazione, mentre il 25 ottobre sarà la volta di Raffaele Marra e poi a seguire tutti i protagonisti fino alla sentenza finale prevista il 10 novembre. Hanno destato sorpresa le dichiarazioni di Roberta Lombardi, capogruppo M5s alla Regione Lazio, in merito alla vicenda del processo a Virginia Raggi.

Da tempo la Lombardi vive una certa rivalità con la prima cittadina di Roma, la si evince anche dalle parole rilasciate al quotidiano "La Repubblica":  "In caso di condanna la Raggi si deve dimettere, perché ha firmato il codice etico M5s come tutti noi. Non ci sono piani B, siamo 5 Stelle - sottolinea - e se deroghiamo alle nostre stesse regole diventiamo come gli altri". 

"Non sarò certo io a dire che a Roma va tutto benissimo", ha affermato Lombardi, e ancora: "Ho l'onestà intellettuale e gli occhi per vedere che la mia città è ancora molto in difficoltà", punzecchia infine la consigliera grillina. Intanto gli esperti, di fronte ad una condanna in primo grado di Virginia Raggi, ipotizzano uno scenario con molti consiglieri grillini a sostegno della Raggi anche senza simbolo M5s.


ARTICOLI CORRELATI
"Raffaele Marra si era limitato a un'attività meramente compilativa senza nessun suo intervento discrezionale"
La sindaca davanti al giudice monocratico: "Lui si limitava solo a firmare un atto e dunque secondo me non era necessario si astenesse"
Raggi scriveva a Cantone che il ruolo di Raffaele Marra nella nomina del fratello "è stato di mera pedissequa esecuzione delle determinazioni da me assunte"
I PIU' LETTI IN POLITICA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Il piano prevede la sperimentazione di strisce pedonali con led, nuova segnaletica e nuovi semafori e il prolungamento dell'isola pedonale dov'è la fermata bus
2
Esponenti del Pd romano come Giachetti, saranno presenti in alcune piazze della Capitale per raccogliere firme per il referendum sulla privatizzazione dell'Atac
3
Sblocco del turn over che coinvolgerà nel triennio 2018/2020 circa 400 unità di personale, che andranno a rimpiazzare le altrettante in uscita per pensionamento
4
"Lo abbiamo fatto minimizzando i costi: abbiamo investito 2 milioni di euro contro i 15 milioni spesi nel febbraio 2012 dall'amministrazione Alemanno"
5
La candidatura arriva il giorno del suo compleanno, l'ex sindaco di Roma oggi compie 61 anni ed è l'unico che potrebbe infastidire gli avversari
1
Il bilancio della municipalizzata rimane bloccato. Un vicolo cieco da cui è impossibile uscire ‘a costo zero’
2
Il capogruppo del Pd in Consiglio comunale: "La responsabilità non è delle amministrazioni precedenti ma è tutta a carico del M5S e della sua giunta inadeguata"
3
"La sindaca Raggi dice che le cose si stanno mettendo per il verso giusto ma lo pensa solo lei almeno a giudicare dai numeri di questa inchiesta"
4
Il gruppo capitolino dei Democratici rende omaggio alla Polizia per il blitz. Sulla Raggi, silenzio di tomba
5
Il presidente del III Municipio: "I cittadini chiedono che si avvii un percorso trasparente e concreto che porti alla chiusura dell'impianto"
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]