LEGGI RAZZISTE
Roma. Leggi Razziali, Raggi dedichi una via a Settimio Calò
Nel 2010 Alemanno annunciò l'intenzione di dedicare una strada all'uomo che perse la moglie, 9 figli e un nipotino nel rastrellamento del '43

"Nel 2010 il sindaco Gianni Alemanno annunciò l'intenzione di dedicare una via di Roma a Settimio Calò, che nel rastrellamento del 16 ottobre del '43 perse nove figli, la moglie e un nipotino. Sul Corriere, in occasione degli 80 anni dalla promulgazione delle Leggi Razziste, si invita Virginia Raggi a riconsiderare questa iniziativa e a darle finalmente attuazione", scrive Pagine ebraiche, quotidiano online dell'Ucei.

"Settimio Calò uscì da questa casa dove abitava con la moglie Clelia Frascati e i nove figli. Quando vi tornò la trovò vuota per sempre. I suoi cari erano stati rastrellati il 16 ottobre 1943 e deportati ad Auschwitz insieme ad oltre mille ebrei in nome della politica razzista del Nazifascimo. Nessuno dei suoi familiari fece ritorno. Essi rappresentano tutte le famiglie distrutte dall’odio antisemita +S.P.Q.R. 2010", recita la targa messa otto anni fa dal sindaco Gianni Alemanno in via Portico d'Ottavia 49, vicino il Campidoglio.

"Forse Virginia Raggi, che ha giurato di depennare dalla toponomastica romana i sostenitori delle Leggi Razziali, non è mai passata in via Portico d’Ottavia 49. Ma la targa che si trova in quella via dovrebbe mandarla a memoria. Perché, per quel sindaco di destra, per Alemanno fu una vittoria e insieme una sconfitta. Aveva promesso, per marcare la sua rottura con le canaglie razziste del neofascismo, di dedicare una via a quella famiglia che ricorda come forse nessuna altra la deportazione e la mattanza degli ebrei rastrellati nella capitale quel giorno di ottobre.

Ecco la sindaca di Roma ha un dovere. Dare un segnale. E dedicare finalmente una strada, a 80 anni dalle Leggi Razziali del ‘38, alla moglie e ai figli di Settimio Calò uccisi ad Auschwitz dopo cinque giorni da incubo su un treno piombato partito dalla Tiburtina". Così il Corriere.it.


ARTICOLI CORRELATI
L'Aula Giulio Cesare aveva infatti votato la mozione di Fratelli d'Italia per intitolare una via a Giorgio Almirante
"Lo abbiamo fatto minimizzando i costi: abbiamo investito 2 milioni di euro contro i 15 milioni spesi nel febbraio 2012 dall'amministrazione Alemanno"
Così si è rivolto il sindaco di Roma alla comunità ebraica ricordando quel 16 ottobre
I PIU' LETTI IN OPINIONI I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
Siamo di fronte alla drammatica situazione nella quale versa la più grande azienda di trasporto pubblico locale d’Italia
2
"La Capitale è l’unica città della Ue dove l’automobilista, che ha avuto la gentilezza di rallentare, viene ringraziato"
3
Cittadini e utenti sono presi d’assalto all’aeroporto di Fiumicino da noleggiatori più o meno regolari e abusivi
4
Sembra un secolo fa ma sono passati pochi anni dall'avvento della gestione Unicredit e degli "americani"...
5
Caro klose, siamo in due a lasciare la Lazio. Tu rappresenti gli ultimi 5 anni ma la sua storia è assai più lunga, ed è anche la mia storia...
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]