“UN’AGGRESSIONE PLATEALE E OSTENTATA”
Spada condannato a sei anni, confermata l’aggravante mafiosa
Stessa pena per il suo guardaspalle, insieme a cui il ‘boss’ aggredì il giornalista Piervincenzi e il cameraman

Era lo scorso 7 novembre quando il giornalista Daniele Piervincenzi e l’operatore Edoardo Anselmi vennero aggrediti a Ostia da Roberto Spada mentre realizzavano un’intervista sui rapporti tra il clan Spada e CasaPound: come mostrano i fotogrammi diffusi dalla trasmissione Nemo e tristemente famosi, Spada, improvvisamente, sferrò una testata all’intervistatore fratturandogli il setto nasale e subito dopo lo inseguì insieme al suo complice (Ruben Nelson Alvez del Puerto), colpendo lui e il cameraman con un bastone.

Per questo deliberato atto di violenza, la procura aveva chiesto per entrambi la condanna a nove anni e otto mesi, contestando ai due imputati i reati di violenza privata e lesioni aggravate dal metodo mafioso. Reati che sono stati riconosciuti dai giudici: quella di Roberto Spada è stata un’aggressione plateale e ostentata”, “lucidamente pianificata, attraverso cui il boss ha voluto dare una chiara prova di forza su quello che è il suo territorio, come aveva spiegato il pm Giovanni Musarò nella requisitoria.

“Se avesse inteso solo picchiare Piervincenzi senza fare cosa plateale e cercare un ritorno in termini di prestigio Spada lo avrebbe aggredito all’interno della palestra, contando sul fido Rubén Alvez. Invece lo ha fatto in strada, davanti a tutti, e soprattutto davanti alla telecamera, in modo plateale e ostentato. D’altronde, cosa c’è di meglio di una telecamera per acquisire quel tipo di prestigio da parte degli Spada?” sottolineava Musarò.

Nel processo, in cui Spada e il suo complice sono stati condannati a sei anni di reclusione e a una serie di risarcimenti, erano parte civile Comune e Regione, oltre alla Federazione nazionale della stampa, l’Ordine di giornalisti, e l’associazione antimafia Libera.

LEGGI ANCHE:

Spada: "Chiedo scusa per la testata al giornalista, ho visto tutto nero"

Roma, Gup decide giudizio per Roberto Spada, Fnsi e Odg parte Civile


ARTICOLI CORRELATI
"Bisogna fare le cose perché sono giuste, non per farsi i selfie"
La vittima, 70enne, è stata rapinata e scaraventata a terra con violenza nei pressi della stazione metro “Stella Polare”
La presidente del Municipio X di Roma commenta le polemiche scaturite in questi giorni intorno al caso dello spot pubblicitario
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
1
Per motivi di gelosia, ha colpito con un fendente al collo la moglie e si è chiuso in casa con i tre figli piccoli
2
Era stato chiuso il 3 novembre scorso, quasi sei mesi fa, riaprono anche le terapie intensive
3
Il Centro Funzionale Regionale ha emesso un bollettino con fase operativa di attenzione per vento su tutte le zone di allerta del Lazio
4
Transitando in lungotevere San Paolo, il militare ha notato due giovani dare un’occhiata all’interno di un’auto lì parcheggiata
5
La ladra è stata sorpresa dopo aver asportato denaro dalle cassette delle offerte di due chiese del centro storico
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Vergovich Comunicazione Srls.
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.iva n° 12555091003
info@romait.it

[ versione mobile ]