RIVELAZIONE CHOC
Processo Cucchi, Carabiniere conferma: "Fu massacrato dai colleghi"
"È successo un casino, i ragazzi hanno massacrato di botte un arrestato. Me lo disse un preoccupatissimo maresciallo dei carabinieri..."

Due dei testimoni chiave del processo sulla morte di Stefano Cucchi hanno confermato: il giovane sarebbe stato massacrato di botte dai Carabinieri, dopo il suo arresto.

Stefano Cucchi era stato arrestato nel 2009 per droga, per poi morire in ospedale una settimana dopo. "La Repubblica" ha riportato che Riccardo Casamassima, il carabiniere che ha consentito alla Procura di approfondire, con le sue dichiarazioni, l'indagine bis sull'omicidio di Stefano Cucchi, ha dichiarato quanto segue: "È successo un casino, i ragazzi hanno massacrato di botte un arrestato. Me lo disse una mattina dell'ottobre del 2009, senza fare il nome degli autori, un preoccupatissimo maresciallo dei carabinieri, da poco alla guida della stazione Appia, ndr, portandosi la mano sulla fronte e precipitandosi a parlare con il comandante della stazione di Tor Vergata". I Carabinieri avrebbero cercato di scaricare la responsabilità di tutto sugli agenti della Polizia penitenziaria.

Questo è quanto emerso dalle parole di Riccardo Casamassima e di sua moglie, Maria Rosati, anche lei appuntato dei Carabinieri, ascoltati in aula davanti alla prima Corte d'assise.

A marzo, durante il processo che vede coinvolti cinque carabinieri, di cui tre accusati di omicidio preterintenzionale per la morte di Cucchi, era emerso che due note di servizio dei Carabinieri sullo stato di salute di Stefano Cucchi, subito dopo l'arresto erano state modificate nel contenuto.

LEGGI ANCHE

Roma. Bus Turistici, Approvato nuovo regolamento. No ingresso 

Roma, Processo per maestro d'asilo: abusò di 25 bambine tra i 3 - 5 anni

Ostia, attirato da donna incontrata online: rapinato e ucciso dal marito


ARTICOLI CORRELATI
Gli ultras della Roma diramano un comunicato in cui non condannano Gastone che definiscono un loro "fratello"
A confermarlo uno dei legali della famiglia Esposito. Autopsia: "Proiettile conficcato nella colonna vertebrale"
Oltre la sentenza, la solidarietà degli italiani alla famiglia Cucchi
I PIU' LETTI IN CRONACA I PIU' LETTI DELLA SETTIMANA I PIU' LETTI
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
1
Scossa di magnitudo 3,6. Tante segnalazioni sui social network
2
"Abbiamo chiesto con coraggio di invertire da subito rotta e tendenza, di resistere e battersi per rovesciare un destino già segnato"
3
Undici mezzi sono andati a fuoco dall'inizio dell'anno. Sull'episodio di sabato sera la municipalizzata ha fatto sapere che "l dinamica dell'accaduto è stata ricostruita visionando le immagini di videosorveglianza"
4
L'ateneo: "Rattrista grandemente che nonostante i ripetuti moniti, divieti e denunce a evitare comportamenti non consentiti e rischiosi per l'incolumità, si sia verificato un gravissimo incidente che è costato una giovane vita"
5
Nella sede della Protezione Civile di Roma Capitale a Porta Metronia si è riunito il Coc (Centro operativo comunale)
1
"Un parco immerso nel verde, animato da creature magiche, dove i sogni e i desideri dei bambini possono prendere forma e colore"
2
Chiamare prevenzione una mammografia è sbagliato, perché la vera prevenzione è nei comportamenti dietetici quotidiani
3
Al via l'operazione 'Andate piano'. Cambiano anche i limiti di velocità
4
Lo ha detto l'avvocato del marinaio accusato dello stupro a Radio Cusano Campus: "Ha cambiato versione troppe volte"
5
"Per garantire una scuola ed una casa a tutti i bambini, le famiglie Rom hanno deciso oggi di rientrare nel Camping River"
Romait.it è un marchio di Associazione Culturale "Un Giorno Speciale".
Autorizzazione Tribunale di Velletri n°6/14 del 18/04/2014

Direttore: Francesco Vergovich
P.IVA e C.F. 09678001000
info@romait.it

[ versione mobile ]